Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Bimbi con diabete: Modena fa scuola e Ravarino viene premiata

Bimbi con diabete: Modena fa scuola e Ravarino viene premiata. A circa un anno dall’attivazione del Protocollo per l’inserimento scolastico del bambino con diabete, la Federazione Diabete Emilia-Romagna insieme all’Azienda USL premia le scuole che si sono distinte nell’accoglienza e assistenza ai bimbi con diabete di tipo 1.

<

Modena “fa scuola” nell’assistenza ai bimbi con diabete: grazie al Protocollo in vigore da circa un anno Luca, Francesca, Malik, Anna, Nicholas e Marco (nomi di fantasia), che frequentano le scuole della nostra provincia possono contare su un accompagnamento a 360 gradi da parte di insegnanti e operatori scolastici, che hanno accettato di aiutarli nelle quotidiane operazioni che la loro malattia comporta, senza dover rinunciare a nessuna delle attività previste nel loro percorso di istruzione.

Proprio per l’impegno nel garantire la corretta assistenza a questi piccoli, le scuole sono state premiate da Federazione Diabete Emilia-Romagna insieme all’Azienda USL di Modena come “Scuole Accoglienti” per i bambini con diabete.

A ricevere il premio sono stati: Scuola dell’infanzia paritaria San Benedetto Abate e l’Istituto Figlie di Gesù di Modena, la Scuola Primaria Montecuccoli di Sestola, l’Istituto comprensivo di Lama Mocogno – Plesso di Polinago, l’Istituto comprensivo 2 Ravarino – Primaria Buonarroti e la Scuola materna paritaria Minime dell’Addolorata di Castelfranco Emilia. Sei scuole che sono una parte dei tanti istituti che, in provincia di Modena, hanno aderito e si stanno formando, aprendosi alle richieste dei loro alunni con diabete e facendo così da apripista a livello nazionale. Non esiste infatti ancora una procedura univoca su tutto il territorio.

Sono circa 200 i minori in provincia con diabete di tipo 1. È questa infatti la più frequente patologia endocrino-metabolica dell’età evolutiva e comporta una carenza assoluta di insulina: il paziente necessita di terapia insulinica e di un attento autocontrollo glicemico. Come tutti i coetanei questi bimbi trascorrono, in un anno, tra le 800 e le 1200 ore a scuola ed è dunque importante poter offrire loro un percorso scolastico personalizzabile ed adattato alla specifica realtà locale, costruito grazie all’accoglienza e all’impegno del personale scolastico.

Al fine di ottenere un inserimento efficace, all’interno del Protocollo per l’inserimento scolastico del bambino con diabete si prevede che durante l’orario scolastico sia garantito al bambino il diritto di controllare la glicemia, trattare l’ipoglicemia con zucchero (o con glucagone se necessario), trattare l’iperglicemia con insulina, consumare i pasti scolastici nei modi e nei tempi appropriati, avere la possibilità di bere, mangiare e andare in bagno quando richiesto, svolgere in sicurezza le attività ludico-sportive.

Solo così i bimbi – e dunque le loro famiglie – possono vivere appieno l’esperienza scolastica con i propri compagni, fin dalla più tenera età, contando sulla presenza di personale formato che li può aiutare a controllarsi e soprattutto che può riconoscere i “segnali di allarme” di eventuali crisi ipoglicemiche, somministrare l’insulina se la rete parentale non è in grado di supportare il bambino in orario scolastico, o di farmaci salvavita (come il glucagone) qualora se ne manifesti la necessità.

Grazie al Protocollo è stato dunque possibile mettere a sistema il percorso di inserimento in ambito scolastico e nei servizi educativi per i minori con diabete tipo 1, sia dopo il ricovero per l’esordio della malattia che durante l’intero percorso scolastico, indicando alle scuole le corrette procedure di assistenza, e garantendo la necessaria formazione. Un salto di qualità – e di responsabilità – per la sanità modenese che riconosce un diritto fondamentale dei minori con diabete, quello di vivere le stesse esperienze rivolte ai loro compagni, senza paura, sentendosi sicuri, protetti e accompagnati.

Il Protocollo per l’inserimento scolastico del bambino con diabete

Negli ultimi anni, la stretta collaborazione tra Associazioni di volontariato, Istituzioni scolastiche e Azienda USL Modena ha dato vita alle prime esperienze di somministrazione di insulina ai bambini con diabete da parte degli insegnanti di alcune Scuole della Provincia di Modena. Da tali positive esperienze è nata l’esigenza condivisa di un protocollo, firmato ad aprile 2019 e dunque operativo da circa un anno.

Il protocollo prevede una collaborazione attiva e coordinata tra famiglia, Diabetologia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena (centro di riferimento provinciale per il diabete tipo 1 in età evolutiva 0-18 anni), Pediatria di Comunità, Pediatri e Medici di Medicina Generale dell’Azienda USL di Modena, Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado della provincia e Associazioni di volontariato. Attraverso la condivisione di una comune conoscenza delle problematiche correlate al diabete tipo 1 e l’individuazione puntuale di compiti e obiettivi dei diversi attori coinvolti nel percorso, sarà possibile garantire e facilitare l’accoglienza, l’inclusione e la sicurezza, supportando anche la famiglia.

La procedura del Protocollo viene offerta a tutti i minori con diagnosi di diabete tipo 1 che frequentino una comunità scolastica/educativa, che sono poi seguiti per tutto il loro percorso scolastico. Il personale scolastico viene invitato a partecipare agli incontri di informazione/formazione sul diabete tipo 1 organizzati dalla Pediatria di Comunità e concordati con la scuola. Una corretta formazione è infatti necessaria per una serena e sicura vita scolastica, sia per gli operatori stessi che per il minore.

Tutte le scuole possono approfondire la conoscenza della malattia, e quindi essere pronte ad accogliere l’eventuale ingresso di un bimbo con diabete, aderendo allo specifico progetto “Anche i bambini possono avere il diabete” contenuto nella Guida AUSL Sapere & Salute e realizzato in collaborazione con FEDER. Dall’avvio del protocollo hanno aderito 21 istituti della provincia di Modena.

Il Diabete tipo 1

È la più frequente patologia endocrino-metabolica dell’età evolutiva. Rappresenta circa il 93% di tutti i casi di diabete in infanzia-adolescenza e comporta una carenza assoluta di insulina: il paziente necessita dunque di terapia insulinica e di un attento autocontrollo glicemico.

In provincia di Modena il tasso di incidenza nella fascia d’età 0-14 anni è di 17.2 casi su 100mila abitanti/anno. Dati nazionali ed internazionali mostrano un aumento dell’incidenza del diabete tipo 1 (+3-4%/anno) soprattutto fra i bambini più piccoli (0-4 anni: +5.4%/anno; 5-9 anni +4.3% anno), è dunque ragionevole pensare a un raddoppio dei casi nei prossimi 10 anni.

Attualmente in provincia di Modena risultano in carico ai servizi sanitari 193 minori (età <18 anni) affetti da diabete tipo 1.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca, nell'immaginario, è il posto che i libri li salva, non che li dà via. Abbiamo voluto capire di più su questa scelta intervistando Luca Verri, responsabile della biblioteca di Bomporto.[...]