Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

“Ostili per piccolo cabotaggio elettorale”: Bio Bimat attacca il sindaco di Concordia

E’ attraverso un comunicato affidato alla pagina Facebook ufficiale di Bio Bimat – Biometano a Concordia che rende nota la propria posizione riguardo l’impianto per la produzione di biometano a Concordia e i rapporti con le istituzioni e le amministrazioni locali: si parla di “un’aperta ostilità al progetto, per interessi di piccolo cabotaggio elettorale”, quando invece risulterebbe  – a sentire l’azienda – che prima delle elezioni il PD fosse d’accordo quando è stato messa in opera realizzazione dell’impianto. Lo stesso PD che dichiarava a dicembre scorso di aver espresso in sede di Conferenza “parere negativo in materia ambientale, sanitaria e paesaggistica, come pure in merito alla proposta di variante urbanistica presentata dalla proponente Bio Bimat”

Scrivono dalla azienda

I soci di Bio Bimat stanno valutando, con i propri legali, la possibilità di presentare un esposto in Procura per tutelare i propri diritti lesi e gli investimenti fatti, che rischiano di venire compromessi da una gestione della procedura autorizzativa inquinata da forzature politiche. Le azioni che saranno intraprese intendono mettere tutti davanti alle proprie responsabilità. Le pressioni di aperta ostilità al progetto, per interessi di piccolo cabotaggio elettorale, non possono che soccombere davanti al rispetto di regole, procedure e valutazioni di merito di economia circolare finalizzato a produrre energia pulita (il biometano) senza emissioni di CO2.
Il percorso che ha portato alla presentazione del progetto per la realizzazione di un impianto per la produzione di biometano a Concordia può essere ripercorso alla luce dei tre incontri avuti a suo tempo con il sindaco, di quello con la vecchia giunta comunale ed il parere urbanistico preliminare rilasciato dal Comune di Concordia. Da questo percorso e dal parere preliminare, è emerso un iter lineare e trasparente che deponeva, senz’altro, per la realizzabilità dell’impianto di produzione di biometano, determinando l’impresa investitrice ad acquistare un’area sul presupposto, certificato, dell’insussistenza di vincoli e la piena compatibilità urbanistica dell’intervento. L’acquisizione dell’area è stata decisa proprio sulla base dalle certezze indotte dal confronto con gli amministratori comunali e dalla certificazione rilasciata dal Comune. A fronte di tali circostanze, i soci di Bio Bimat hanno trovato sorprendente che sia stato poi lo stesso Comune di Concordia ad ingaggiare una vera e propria battaglia per dimostrare l’esistenza di vincoli sull’area in questione, facendo passare per bosco una recente ricrescita di vegetazione caratterizzata da essenze di scarsa qualità ed in pessimo stato sanitario, obiettivamente priva del minimo pregio paesaggistico. Parliamo, per intenderci, della stessa area verde che, nei mesi scorsi, ha visto tagliate, secondo noi legittimamente, oltre 3.600 metri quadri di presunto bosco, per il quale, se fosse vero il suo grande e inestimabile valore, stiamo attendendo le eventuali conseguenze legali.
Le battaglia ingaggiata dal Comune potrà condurre tutt’al più, laddove l’istanza autorizzativa venga respinta, ad una vittoria di Pirro per gli effetti negativi che il diniego avrà anche per l’amministrazione comunale, per gli obiettivi pianificatori che questa si è prefissata e per gli altri proprietari del compendio in cui è ricompresa l’area acquistata da Bio Bimat.
Tale compendio coincide con un comparto lottizzatorio, già previsto dalla strumentazione urbanistica previgente, ma solo parzialmente attuato. L’attuale strumento urbanistico generale ha quindi confermato ed espresso il completamento del comparto, le cui urbanizzazioni non risultano ultimate, mentre quelle già realizzate non sono cedute. Proprio nel perseguimento di siffatta esigenza, il Comune aveva favorito la vendita dell’area poi acquistata da Bio Bimat.
La realizzazione dell’impianto avrebbe consentito il completamento urbanistico del comparto, con spese a carico dei proponenti e con un problema in meno per il Comune di Concordia, a cui finalmente sarebbero state cedute le infrastrutture realizzate con fondi privati. Ad oggi, tutti i sevizi del comparto non sono ancora stati ceduti e ricadono su aree di proprietà di Bio Bimat, che, senza con ciò voler mettere a rischio le attività già insediate nel comparto, ha comunque il diritto o di sgravare la propria area da infrastrutture che la occupano abusivamente o di pretendere un adeguato ristoro per il loro mantenimento.
Proprio per gestire tale esigenza di completamento del comparto, durante lo sviluppo del progetto di insediamento dell’impianto di Bio Bimat, si sono svolti, su richiesta del Comune, che ne ha anche curato l’organizzazione, incontri con i funzionari di Regione Emilia-Romagna per condividere le modalità del percorso autorizzativo dell’impianto e le modalità di completamento infrastrutturale del comparto. A tali incontri ha partecipato Bio Bimat, che poi si è sempre attenuta alle indicazioni emerse, prima fra tutte quella di abbandonare la proposta di piano attuativo già presentata, per sollevare l’amministrazione comunale dalle difficoltà di condurre a termine, nel rispetto delle regole ed in modo trasparente, il relativo iter approvativo
Arrivano poi gli articoli di giornale e si avvicinano le elezioni. Il clima cambia  scrivono da Bio bimat.
Gli amministratori locali in pubblico, preferivano serbare un atteggiamento di ostilità pregiudiziale, sempre più accentuato in vista delle scadenze elettorali, in modo contraddittorio con le indicazioni europee e mondiali per la tutela del clima e dell’ambiente. Impianti simili a quello che intende realizzare Bio Bimat sono già presenti in Emilia-Romagna, in molte altre regioni italiane, ed anche a pochi chilometri da Concordia e sono citati da Legambiente come esempi virtuosi di economia circolare, nonché presentati come modelli di sviluppo sostenibile nei convegni. Tali impianti sono presentati come fiore all’occhiello da tutte le amministrazioni realmente focalizzate alla salvaguardia dell’ambiente, mentre a Concordia si vive la dicotomia di un sindaco che da un lato firma in pompa magna a Bruxelles il Patto sul clima (PAESC) e dall’altro nega, a dispetto dei Santi, un impianto, veramente finalizzato a questo obbiettivo.
Sull’iniziativa di Bio Bimat si è strumentalmente opposto un discredito indotto da un presunto ma inesistente aumento di traffico e da un presunto ma altrettanto inesistente impatto odorigeno. Elementi privi di fondamento, sui quali, in sede di Conferenza dei Servizi, non ci sono stati rilievi a fronte dei chiarimenti resi dalla proponente. Fra l’altro, Bio Bimat, che ha sempre confidato, purtroppo a torto, nella buona fede di funzionari ed amministratori locali, ha cercato di riportare il procedimento al mero confronto in sede tecnica: per ben due volte ha invitato amministratori e imprenditori della zona a visitare un impianto simile, per poter valutare di persona l’impatto prodotto sull’ambiente circostante. Nessuno ha accettato l’invito! Più chiaro di così…
La pubblicazione del comunicato ha sollevato alcune domande da parte di cittadini che chiedono conto al Sindaco Luca Prandini e al Capogruppo Paolo Negro. Si attende dunque la replica delle istituzioni e il chiarimento della questione tra le due parti.

LEGGI ANCHE:

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Paolo Saletti ha condiviso sul proprio profilo Facebook un incontro curioso e inaspettato avvenuto durante un sopralluogo alle Meleghine[...]
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Intervista all'autore di Camposanto de "Nel giardino della salamandra" e "Naamah"[...]
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Si è messa in proprio come consulente di immagine lasciando il posto da dipendente: l'esperta di lavoro Francesca Monari l'ha intervistata[...]
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono stati immortalati in tutta la loro bellezza da Raffaele Gemmato mentre facevano sosta nella Bassa nel loro lungo volo verso Sud[...]
    Unimore nella classifica Times Higher Education 2021
    Unimore nella classifica Times Higher Education 2021
    l giudizio complessivo della rivista britannica assegna all’ateneo emiliano una posizione di classifica compresa tra 401 e 500 a livello mondiale[...]
    Anime Manga, a Modena la mostra con le storie di maghette, calciatori e robottoni
    Anime Manga, a Modena la mostra con le storie di maghette, calciatori e robottoni
    Fondazione Modena Arti Visive ospita dal 12 settembre al 10 gennaio[...]
    Bronzo per il sanfeliciano Francesco Calì al campionato italiano Juniores su strada
    Bronzo per il sanfeliciano Francesco Calì al campionato italiano Juniores su strada
    Per Francesco, la conferma di un ottimo stato di forma a una settimana dalle ottime performance fatte registrare al Giro del Friuli[...]
    "21 lettere": la scommessa controcorrente della casa editrice indipendente di Soliera
    "21 lettere": la scommessa controcorrente della casa editrice indipendente di Soliera
    Fondata da Alberto Bisi, propone sei titoli l'anno, una copertina scevra da inutili descrizioni e trame, un logo in negativo e temi tra i più disparati[...]