Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

E il sindaco Palazzi spera che il 2020 possa fargli mantenere le promesse elettorali

FINALE EMILIA – E il sindaco Palazzi spera che il 2020 possa fargli mantenere le promesse elettorali.
“Si spera”. Colpisce l’uso di queste parole nelle primissime righe del bilancio che il sindaco Palazzi fa su Facebbok, nell’ultimo giorno del 2019, riguardo lo stato delle opere e dei lavori pubblici sul territorio di Finale a partire dalla data del suo insediamento, risalente ormai a più di tre anni fa (correva il 5 giugno 2016).

Ma in cosa spera il sindaco? Dall’elenco appare chiaro che quello in cui confida il primo cittadino sia il passaggio in concreto di una serie consistente di lavori pubblici che faticano ad uscire dalla fase progettuale/burocratica che anticipa i cantieri.
E’ così per il Municipio, la Torre dei Modenesi, il Teatro, il palazzetto dello sport, la piscina esterna, l’auditorium, il Castello, la casa del commiato e molte altre opere pubbliche, che vengono elencate nelle cinque pagine di resoconto stilate dal sindaco.

Ma cosa aveva promesso Palazzi tre anni fa, quando fu eletto alla guida del Comune? Andiamo a rispolverare il suo programma:

L’ARTICOLO PROSEGUE DOPO LE IMMAGINI

 

Il programma era ricco. Si proponeva ad esempio un contributo economico per i bimbi appena nati, la promozione dei nidi nelle aziende, il recupero dell’evasione fiscale, il potenziamento delle misure per gli anziani autosufficienti, un osservatorio giovanile e la lotta senza mezzi termini alla droga. E ancora, un vigile urbano tutti i giorni a Massa Finalese e le ronde nelle frazioni, il blocco dei nuovi centri commerciali. Prometteva la riverifica degli interventi urbani: asfaltature, illuminazione, marciapiedi, e il controllo capillare delle manutenzioni. Voleva mettere in ordine la viabilità intorno alle scuole, le aree verdi pubbliche e  le rotonde di Massa Finalese.

Sulla ricostruzione, tre anni e mezzo fa Palazzi dava priorità al Palazzo Municipale e al Teatro Sociale, e lanciava la proposta di un concorso di idee per il recupero del centro storico: piazza Gramsci, via Trento Trieste, piazza Roma, piazza Garibaldi e piazza Verdi.

E adesso? Palazzi nel suo bilancio di metà mandato parla molto di lavori e opere pubbliche. Ma non per rivendicare un successo. Infatti, possiamo costatare che proprio i due interventi che il primo cittadino spera vedano quantomeno l’apertura dei cantieri (Municipio e Teatro) sono quelli che nel suo programma sono elencati alla voce “priorità pubblica”.
Il progetto esecutivo del Municipio è stato consegnato solo poche settimane fa, e ora attende il placet di Regione e Soprintendenza. Lo stesso vale per il progetto del Teatro, che a giugno l’opposizione metteva nel lungo elenco delle opere mai partite per le quali aveva organizzato un tour in città.

A quanto si legge dal resoconto, l’amministrazione di Finale finora è riuscita a portare a casa la messa in sicurezza della scuola elementare di Massa Finalese, di cui ha terminato anche  i lavori di risanamento. Per quanto riguarda i cimiteri sono stati completati i lavori relativi al giardino del cimitero monumentale, come è stata completata anche una parte importante del tetto del tetto del cimitero di Finale e il muro del cimitero di Massa Finalese. Sul lato dell’illuminazione pubblica è stata ultimata l’installazione dell’illuminazione led dei giardini pubblici “De Gasperi” ed è in atto la sostituzione di circa 330 altri corpi illuminanti sia nel comune che nelle frazioni. La viabilità ha visto conclusa l’asfaltatura di diversi chilometri di strade.
Per quanto riguarda tutti gli altri obbiettivi del passato programma elettorale, come le agevolazioni per le aziende volenterose di investire sul territorio, il potenziamento dei servizi legati alla scuola o un vigile in pianta stabile a Massa Finalese, solo per citarne alcuni, il sindaco non ne fa menzione in questo resoconto.

In definitiva il 2020 inizia, sebbene l’amministrazione del sindaco Palazzi non sia rimasta con le mani in mano, con i cantieri più importanti e forse anche più identitari per la popolazione finalese che per ora rimangono intrappolati negli uffici tecnici, ma con le premesse che questo forse sia l’anno dello scatto in avanti.

La sfida, o forse la preghiera, di Palazzi è quindi molto chiara: quella di riuscire a sbloccare queste situazioni nell’anno che è appena iniziato, in modo da presentarsi alle prossime elezioni (ormai non così lontane) con una prova tangibile dell’operato della sua amministrazione sul piano della ricostruzione oppure restare con un pugno di mosche e ancora tante promesse.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Pit, dalla Spagna a Modena, cane antidroga al servizio della Polizia Locale
    Pit, dalla Spagna a Modena, cane antidroga al servizio della Polizia Locale
    Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli al Comando per augurare buon lavoro alla nuova Unità cinofila che sarà impiegata anche nell’ambito del progetto Scuole sicure[...]
    Consiglieri comunali indisciplinati a Finale, la reprimenda del presidente Saletti
    Consiglieri comunali indisciplinati a Finale, la reprimenda del presidente Saletti
    In nemmeno un anno che siede sullo scranno più importante dell'assise ne ha visto di tutte i colori[...]
    La compagnia delle Mo.re torna in scena: da Nonantola, Ravarino e Bomporto ai teatri emiliani
    La compagnia delle Mo.re torna in scena: da Nonantola, Ravarino e Bomporto ai teatri emiliani
    Il cast è formato da ragazzi e ragazze,guidati dal fondatore Maicol Piccinini, di Nonantola[...]
    Le immagini più belle di #EViaggioItaliano, il tour nazionale su veicoli elettrici
    Le immagini più belle di #EViaggioItaliano, il tour nazionale su veicoli elettrici
    Il progetto che rilancia il turismo sostenibile per valorizzare il patrimonio enogastronomico, culturale e imprenditoriale italiano[...]
    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Paolo Saletti ha condiviso sul proprio profilo Facebook un incontro curioso e inaspettato avvenuto durante un sopralluogo alle Meleghine[...]
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Intervista all'autore di Camposanto de "Nel giardino della salamandra" e "Naamah"[...]
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Si è messa in proprio come consulente di immagine lasciando il posto da dipendente: l'esperta di lavoro Francesca Monari l'ha intervistata[...]
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono stati immortalati in tutta la loro bellezza da Raffaele Gemmato mentre facevano sosta nella Bassa nel loro lungo volo verso Sud[...]