Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Ospedale di Mirandola, nuovo percorso orto-riabilitativo per anca, ginocchio e spalla

MIRANDOLA – Un nuovo percorso orto-riabilitativo per fornire una risposta completa e personalizzata ai bisogni di salute dei cittadini che devono sottoporsi all’intervento ortopedico di protesi all’anca, al ginocchio o alla spalla. L’obiettivo, migliorare l’accoglienza e la presa in carico durante l’intero iter, fornire al paziente tutte le informazioni necessarie ad affrontare l’intervento e la successiva riabilitazione, ridurre il disagio pre e post intervengo chirurgico.

Presso l’Ospedale di Mirandola sono stati attivati, a partire dal 4 dicembre scorso, nuovi ambulatori ortopedici dedicati alla valutazione chirurgica per anca, ginocchio e spalla (e differenziati per singolo distretto anatomico) con un aumento dell’offerta complessiva di ben 16 visite settimanali, che si aggiungono alle visite ortopediche già oggi programmate e che non subiranno riduzioni. È così possibile individuare precocemente ed efficacemente il problema di salute e prendere in carico globalmente il cittadino attraverso tutte le fasi di prericovero, ricovero, intervento chirurgico e oltre, fino alla parte riabilitativa, fondamentale per una ripresa ottimale delle attività quotidiane.

Il percorso
Dopo la valutazione specialistica iniziale effettuata su invio del medico curante, il paziente viene inserito in lista per l’intervento (con una classe di priorità definita su base clinica); il pre-ricovero è il momento in cui si fornisce una chiara spiegazione di tutto il percorso e del livello di autonomia che l’impianto di protesi consentirà di avere. Il percorso preoperatorio si svolge tutto nella stessa giornata e comprende esami di laboratorio, ECG, radiografie, visita anestesiologica, visita ortopedica (compilazione cartella clinica e consensi) e perfino una valutazione fisiatrica per pianificare il post-intervento. Il giorno successivo l’anestesista visiona tutti i referti e, se necessario, procede alla richiesta di ulteriori accertamenti che vengono pianificati e gestiti dal team pre-ricovero. Completato il percorso il paziente viene contattato per concordare la data dell’intervento in base alle programmazione operatoria.

Tra gli elementi innovativi spicca l’offerta della valutazione fisiatrica già durante il pre-ricovero: qui viene predisposto un piano riabilitativo personalizzato che contempli tutti i possibili contesti assistenziali, dalla riabilitazione precoce presso l’ospedale già nei primi giorni dopo l’intervento, alla eventuale prosecuzione dell’attività presso le strutture ambulatoriali, fino alla fase di formazione dedicata del paziente e dei suoi familiari o caregiver, per il ripristino della funzionalità articolare a domicilio, qualora non sia ancora raggiunta la piena autonomia.
Particolarmente rilevante, in questo contesto, è il ruolo assunto dalla dall’U.O. di Medicina Riabilitativa grazie alla dotazione di 14 posti letto che le consentono, dallo scorso aprile, di essere centro di riferimento dell’attività ortopedico-riabilitativa di Mirandola e più in generale dell’intera area nord.

“Il percorso, attivo all’Ospedale Santa Maria Bianca da inizio dicembre, è stato elaborato a seguito di una valutazione puntuale delle offerte presenti negli ospedali dell’Azienda USL di Modena, curata dal team multiprofessionale coordinato da Elis Sacchi, Direttore del Dipartimento delle attività chirurgiche AUSL – chiarisce Giuseppe Licitra, della Direzione Medica dell’Ospedale di Mirandola -. Un elemento fondamentale su cui si è ritenuto di dover agire è la comunicazione e la condivisione del percorso con il cittadino che esprime uno specifico bisogno di salute: in questo senso sono state realizzate brochure informative che illustrano le fasi del percorso e le modalità della presa in carico, con particolare riferimento alla fase riabilitativa”.

“Questo percorso – precisa Franco Boselli, Direttore della U.O. di Ortopedia – fornisce una risposta dedicata e in tempi rapidi ai pazienti che necessitano di protesi. Si tratta di patologie molto diffuse anche tra i giovani e che prima non erano trattate nell’ambito di un percorso multidisciplinare. Oggi invece il paziente è seguito in tutto il suo iter di cura. Per quanto ci riguarda il nuovo percorso ha già avuto un impatto importante sull’ortopedia, in senso positivo, anche in conseguenza dello sviluppo dell’attività riabilitativa su Mirandola. Abbiamo già avuto molte richieste e questo certamente produrrà un rilancio di tutta l’attività ortopedica, sia ambulatoriale, sia a livello di sedute operatorie”.

La nuova organizzazione è già stata presentata lo scorso 30 novembre ai Medici di Medicina Generale del Distretto di Mirandola alla presenza del dottor Boselli, del Direttore della Medicina Riabilitativa Luciano Mazzoleni, della Responsabile locale dell’unità operativa Dr.ssa Elisabetta Zucchini e insieme alla Direzione Medica dell’Ospedale di Mirandola: nell’occasione sono stati illustrati i dati di attività delle Unità Operative, le indicazioni di appropriatezza relative all’invio dei pazienti e le modalità di accesso, per favorire una presa in carico corretta e consolidare ulteriormente l’alleanza e fiducia tra professionisti di ospedale e territorio che sta alla base di un’assistenza realmente centrata sui cittadini e i loro bisogni.

L’Ortopedia a Mirandola
Su Mirandola sono stati eseguiti nel 2018 quasi 700 interventi ortopedici tra regime ordinario e day hospital, che comprendono anche protesi d’anca, ginocchio, endoprotesi e atroprotesi a seguito di fratture.
Circa 7000 l’anno le consulenze ortopediche richieste dal Pronto soccorso, 720 le prime visite ortopediche, cui si aggiungono più di 2500 visite di controllo, più di 900 infiltrazioni, più di 200 tunnel carpali e altri tipi di prestazioni minori come atrocentesi e dito a scatto (in totale più di 100 casi trattati).

 

LEGGI ANCHE:

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    San Felice "ed 'na volta", i detti e le espressioni dialettali della tradizione
    San Felice "ed 'na volta", i detti e le espressioni dialettali della tradizione
    Grazie alla collaborazione di tanti sanfeliciani sul gruppo "Sei di San Felice se"[...]
    Su questa mascherina il virus non si attacca, a Nonantola la propone la Fanny
    Su questa mascherina il virus non si attacca, a Nonantola la propone la Fanny
    E' coperta da una sostanza idro oleofobica che fa scivolare le goccioline con il virus che tentano di attaccarsi alla mascherina[...]
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Bautista collabora da aprile 2019 con il producer salentino Machweo[...]
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    I giovani mirandolesi alla trasmissione Rob-O-Cod, un game show televisivo italiano dedicato al "coding" e alla robotica[...]
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    La tecnologia accorcia le distanze tra Modena ed i Paesi in cui non è ancora possibile tornare a viaggiare per promuovere il prodotto[...]
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    E' arrivata in udienza a Bologna la polemica tra il conduttore televisivo e il virologo [...]
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    Eì stata votata dagli ascoltatori delle radio italiane. Uscì il 30 aprile 1979 sul lato B dell'album "Non siamo mica gli Americani", poi ristampata proprio con il titolo di Albachiara a causa del suo immediato successo.[...]
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Andrà insieme alle altre che hanno vinto un titolo alla finale nazionale a Salsomaggiore nel prossimo maggio 2021, nella sede di Miss Italia.[...]
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Primo corso di formazione per operatori in interventi assistiti con gli animali[...]
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    Al termine le riprese del documentario musicale, co-prodotto dal Centro Musica di Modena[...]