Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Punto nascita Mirandola, lontana la soglia dei 500 parti annui. Ma non è più un problema

Ce l’avevano raccontata con disarmante semplicità: se ci sono meno di 500 parti all’anno, la sicurezza non può essere garantita, per cui il Punto Nascita va chiuso. E così, senza troppo clamore, si seguirono le prescrizioni del Ministero e venne chiuso il Punto Nascita di Pavullo.
E così sembrerebbe avviato al suo destino anche il punto nascita di Mirandola.  Anche nel 2019, infatti ci sono stati meno di 500 parti: in 12 mesi qui sono nati appena 364 bambini.
I numeri sono in calo: nel 2018 i nati a Mirandola erano stati 394, nel 2018 erano 396, nel 2016 erano 423 e nel 2015 erano 399.

Per Mirandola  tre anni fa venne decisa una deroga, in quanto zona terremotata. Il Ministero chiese alla Regione di predisporre un progetto che garantisse la fidelizzazione delle donne e che qui avvenissero almeno 500 parti l’anno. Bisognava garantire un servizio, tecnicamente parlando, di primo livello, con la presenza 24 ore su 24 di anestesista, ginecologo, pediatra e ostetriche.

Tutto è stato fatto ma le nascite sono rimaste al palo. Il numero 363 è ben lontano da 500. Non ci si avvicina neanche un po’.
E allora? Dobbiamo far chiudere i battenti al nostro amato Punto Nascita, un luogo dove la professionalità e la dedizione degli operatori raggiungono vette altissime?

No. Infatti la deroga prosegue. Dall’Ausl spiegano che non è arrivata nessuna indicazione contraria dal Ministero. Con Roma  l’interlocuzione è stretta, da Modena vengono regolamente i dati dei monitoraggi e tutti i dati sulla progettualità. E dal Ministero si valuta quello dei 500 parti sia un obiettivo a lungo termine, in presenza di una progettualità che lo sia altrettanto, e nessuno ha posto la questione chiusura.

Politicamente, inoltre, l’aria è cambiata. Quei 500 parti fissati come soglia minima per garantire quegli standard fino ad oggi richiesti per gestire un parto in sicurezza possiamo dimenticarceli. Il paramentro principale, quello che sulla base delle direttive ministeriali del 2010 aveva decretato la chiusura del punto nascite dell’ospedale di Pavullo, si può modificare e Mirandola non sarebbe dunque in pericolo.

Ecco cosa dice il ministro della Sanità Roberto Speranza:

“Abbiamo approvato da pochi giorni il Patto per la salute quindi non facciamo propaganda, non è nel nostro stile. Nel Patto per la salute, sottoscritto dal Governo e da tutte le regioni italiane, nella scheda 15 si prevede une revisione del decreto ministeriale 70 che, al suo interno, disciplina anche la questione dei punti nascita”.

In attesa di vedere le nuove prescrizioni, pare legittimo pensare che stavolta il Punto nascita di Mirandola non lo vuole chiudere nessuno. E la questione sicurezza? Chissà come verrà interpreata nel nuovo decreto ministeriale. E vedremo se sarà tutto confermato finita la campagna elettorale.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Paolo Saletti ha condiviso sul proprio profilo Facebook un incontro curioso e inaspettato avvenuto durante un sopralluogo alle Meleghine[...]
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Intervista all'autore di Camposanto de "Nel giardino della salamandra" e "Naamah"[...]
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Si è messa in proprio come consulente di immagine lasciando il posto da dipendente: l'esperta di lavoro Francesca Monari l'ha intervistata[...]
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono stati immortalati in tutta la loro bellezza da Raffaele Gemmato mentre facevano sosta nella Bassa nel loro lungo volo verso Sud[...]
    Unimore nella classifica Times Higher Education 2021
    Unimore nella classifica Times Higher Education 2021
    l giudizio complessivo della rivista britannica assegna all’ateneo emiliano una posizione di classifica compresa tra 401 e 500 a livello mondiale[...]
    Anime Manga, a Modena la mostra con le storie di maghette, calciatori e robottoni
    Anime Manga, a Modena la mostra con le storie di maghette, calciatori e robottoni
    Fondazione Modena Arti Visive ospita dal 12 settembre al 10 gennaio[...]
    Bronzo per il sanfeliciano Francesco Calì al campionato italiano Juniores su strada
    Bronzo per il sanfeliciano Francesco Calì al campionato italiano Juniores su strada
    Per Francesco, la conferma di un ottimo stato di forma a una settimana dalle ottime performance fatte registrare al Giro del Friuli[...]
    "21 lettere": la scommessa controcorrente della casa editrice indipendente di Soliera
    "21 lettere": la scommessa controcorrente della casa editrice indipendente di Soliera
    Fondata da Alberto Bisi, propone sei titoli l'anno, una copertina scevra da inutili descrizioni e trame, un logo in negativo e temi tra i più disparati[...]