Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Oneri delle imprese, la Regione: “Le variabili sono tante. Siamo aperti a suggerimenti”

Riceviamo dalla Regione Emilia-Romagna una replica sui casi denunciati da due aziende del territorio che hanno fatto sapere di aver rinunciato a nuovi investimenti perché si sono ritrovati nuovi oneri da pagare.  In un caso, fino a 200 mila euro in più.

Scrivono da Bologna:

Vorremmo innanzitutto rassicurare gli imprenditori che intendono investire nelle loro aziende sul fatto che la nuova disciplina regionale sul contributo di costruzione è stata particolarmente attenta nel salvaguardare i loro investimenti e la possibilità di sviluppo delle loro imprese.
Per far questo la Giunta regionale ha elaborato questa disciplina attraverso il confronto non soltanto con i Comuni, ma anche con Confindustria, l’Associazione dei costruttori, i sindacati, il CNA, le cooperative, e tutte le altre organizzazioni imprenditoriali e con i professionisti. Si è trattato di un lavoro complesso di affinamento e verifica dell’intero testo poi approvato dal Consiglio regionale, che per questo ha ricevuto la piena adesione di tutte le organizzazioni del settore.
Colpisce piuttosto la confusione e la palese contraddittorietà delle affermazioni che si leggono nella notizia apparsa sulla stampa locale , riferendo del caso di due imprese che intendono investire nel Comune di San felice sul Panaro: basta ricordare che in apertura si dice che gli imprenditori lamentano che “dovrebbero spendere 200 mila euro”in più; in conclusione dell’articolo le somme aggiuntive imputate alla delibera regionale salgono addirittura a 2 milioni e 300 mila euro (“ il costo stimato inizialmente era di 700 mila euro, lievitato con la nuova delibera regionale a oltre 3 milioni di euro”!). In mezzo, si riscontrano numerose imprecisioni e false affermazioni dirette solo ad allarmare gli operatori. Cerchiamo dunque di fare chiarezza.
Innanzitutto, per entrambi i casi si parla di un intervento di ampliamento e potenziamento di stabilimenti produttivi esistenti e dunque di interventi che riguardano aree produttive da qualificare e riconvertire. Ebbene, per tali interventi la delibera regionale non prevede affatto l’aumento degli oneri di urbanizzazione dovuti, bensì la loro diminuzione di almeno il 21 % rispetto ai valori pagati in precedenza. In media con la nuova delibera regionale si passa, per il produttivo, dagli attuali 15,42 euro a mq a 12,09 euro.
Inoltre, i Comuni hanno la possibilità di ridurre il contributo di costruzione dovuto fino all’azzeramento, nei casi in cui si intervenga qualificando aree residenziali e produttive esistenti (come nel nostro caso). Il fatto che l’amministrazione di San Felice sul Panaro, nel recepire la disciplina regionale (con la delibera del Consiglio comunale n. 55 del 19 settembre scorso) non si è avvalsa né di questa possibilità di ridurre o addirittura azzerare gli oneri dovuti, né della possibilità di ridurre la classe del comune, (che consente di diminuire del 20% gli oneri dovuti per tutti gli interventi edilizi), non è certo imputabile alla disciplina generale regionale.
In secondo luogo, è vero che una recente norma statale ha previsto il pagamento del così detto contributo straordinario, ma nell’articolo di giornale si omette di precisare che questo contributo nella nostra Regione non si paga per tutti gli interventi edilizi. La delibera regionale ha chiarito piuttosto che esso è dovuto nei rari casi in cui l’operatore ha beneficiato di una deroga agli ordinari piani urbanistici. Inoltre va ricordato che, nel calcolo delle somme eventualmente dovute, si tiene conto di tutte le spese sostenute dall’imprenditore per la realizzazione dell’intervento.
Quanto infine alle modalità di calcolo degli oneri dovuti per le strutture verticali (quali silos, magazzini verticali, ecc.) la Regione è intervenuta per stabilite, con il concorso delle amministrazioni locali e dei rappresentanti degli operatori economici, regole chiare e di uniforme applicazione, per superare il contenzioso che frequentemente si sviluppava nei Comuni, che in precedenza avevano introdotto le più disparate modalità per il calcolo delle superfici e quindi degli oneri dovuti per tali strutture atipiche.
Siamo del resto consapevoli che quest’ultima soluzione, come ogni altra norma innovativa introdotta dalla nuova disciplina regionale, scontano una prima fase di assestamento e possono aver bisogno di una messa a punto. Per questo stiamo monitorando la prima fase di applicazione della nuova disciplina sul contributo di costruzione, pronti a considerare ogni suggerimento e proposta avanzati, ma nell’ambito di una corretta informazione e applicazione delle norme regionali.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Era stato messo in vendita sul web, sul mercato antiquario. Il 22 gennaio, venerdì, si terrà una cerimonia pubblica per la riconsegna del manoscritto recuperato.[...]
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]