Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Emergenza smog, Legambiente: Modena prima in Regione per superamento dei limiti

La centralina di via Giardini è la prima stazione ARPAE a superare il limite legale di 35 sforamenti per l’anno 2020. Occorre investire sulle opere realmente utili e non applicare misure controproducenti. Continua la campagna sulla qualità dell’aria promossa dal circolo di Modena.

La situazione ambientale a Modena è tutt’altro che buona. La conferma arriva dalla centralina di misurazione delle PM10 collocata su via Giardini, che quest’anno ha superato, prima in tutta l’Emilia-Romagna, la soglia di 35 sforamenti giornalieri del limite di 50 μg/m3. Si tratta della centralina da traffico che stima la concentrazione di polveri sottili presente lungo le strade più trafficate, quella che respirano gli automobilisti, i ciclisti e i pedoni.

Un record negativo che si affianca ai già 28 sforamenti già misurati nella centralina di parco Ferrari, che ha il compito di misurare l’inquinamento urbano di fondo (la quantità “media” di smog che tutti i modenesi respirano all’interno dell’area urbana).

Nel 2019, per intenderci, il superamento del limite di 35 sforamenti in via Giardini si era misurato solo il 10 ottobre, nel 2018 il 15 novembre. Che sia responsabilità di condizioni meteo sempre più sfavorevoli o meno (la mancanza di precipitazioni in inverno è infatti un fattore importante), è comunque evidente che è mancata negli anni un’azione decisa sulle principali fonti di emissioni.

Ricordiamo che, tenendo conto delle emissioni primarie e dei precursori, la maggiore responsabilità dell’inquinamento atmosferico di PM10 è in capo al traffico di merci e persone, che incide per il 34% (dati ARPAE); seguono gli impianti di riscaldamento, responsabili del 20%, e il settore agricolo e zootecnico con il 19%.

È evidente la necessità di agire su più fronti per alleviare questa situazione. Sul fronte del traffico, oltre a rammentare una volta di più che le nuove autostrade non possono essere viste come una soluzione e che sono al contrario dannose, poiché oltre ad essere impattanti promuovono modalità di spostamento non efficienti (siamo infatti ben lontani dalla totale conversione del parco mezzi verso tecnologie “pulite”), bisogna ricordare che tali opere sottraggono fondi alla realizzazione delle vere infrastrutture utili, quelle ferroviarie: esse permetterebbero di ridurre il numero di veicoli circolanti, oltre a rendere più efficienti gli spostamenti (in particolare per le merci che si muovono su grandi distanze).

Ci sono poi misure applicabili da subito, come quella di ridurre i limiti di velocità in autostrada nei giorni di attivazione dell’emergenza smog: come ha dimostrato il progetto BrennerLEC, abbassare a 100 km/h il limite può portare a riduzioni delle emissioni di ossidi di azoto (precursori delle polveri sottili) fino al 30%. Si tratta di una misura che esula dalle competenze del Comune, ma che il Comune stesso può sostenere nei prossimi negoziati per il rinnovo del Piano Aria Integrato Regionale.

Passando agli altri settori, mentre per gli impianti di riscaldamento sono già oggi in vigore regole stringenti che vietano l’impiego dei dispositivi più inquinanti, occorre guardare anche al settore agricolo e zootecnico, relativamente al quale Legambiente ha recentemente denunciato alla Commissione Europea il Ministero per le Politiche Agricole, per la violazione di 4 direttive legata all’autorizzazione allo spandimento dei liquami nei campi durante i mesi invernali (pratica vietata perché inutile per l’agricoltura e dannosa per la qualità dell’aria).

Occorre quindi agire, non in maniera casuale ma coerentemente con le necessità della popolazione che continua a vivere in un territorio fortemente impattato dalle attività umane e costantemente danneggiato dalle azioni di attori pubblici e privati che paiono incapaci di agire efficacemente sulle principali fonti di emissione di polveri sottili.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle emissioni di polveri sottili, il circolo modenese di Legambiente sta promuovendo la campagna “Mal’Aria? – Conosciamo l’aria che respiriamo”, insieme a Officina Progetto Windsor e Polisportiva San Faustino, con il contributo del Quartiere 4.

Una cinquantina di teli con la scritta “NO SMOG” sono stati appesi a balconi e finestre di abitazioni, scuole, parrocchie e altri edifici all’interno del territorio comunale, grazie al contributo di altrettanti volontari, per ricordare a tutte le persone la situazione di reale emergenza ambientale in cui ci troviamo. Allo stesso tempo sono in corso misure delle concentrazioni di PM10 all’interno dell’area urbana, per rilevare puntualmente la qualità dell’aria che tutti noi respiriamo quotidianamente.
Al termine del periodo invernale i risultati verranno presentati pubblicamente.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Quali Paesi danno il meglio nella lotta al Covid-19
Una ricerca realizzata da ECV, classifica gli Stati colpiti dal virus in tre categorie: Winning (vincenti), Nearly there (quasi arrivati) e Need action (bisogno di azione).leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protetteleggi tutto
Glocal
Covid-19: i provvedimenti dell'UE per il rilancio dell'economia
La Commissione europea ha predisposto un piano che non ha precedenti: oltre 1.000 miliardi di euro per assistere imprese e famiglie nel contrasto al Covid19.leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienzaleggi tutto
Glocal
Covid19: i Paesi con la migliore Sanità al mondo
La pandemia del virus Covid19 sta mettendo in crisi Paesi che vantano sistemi sanitari considerati tra i più eccellenti e performanti del mondo.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane impegnate contro il Coronavirus
Molte imprese italiane si sono messe a disposizione del Governo per rifornire il nostro sistema sanitario di strumenti per garantire la vita. Siamo in guerra, ma è una guerra diversa.leggi tutto
Consigli di salute
Bruxismo e digrignamento dei denti
Ad esempio, smettere di fumare o ridurre il consumo di alcol possono essere utili a tal proposito.leggi tutto
Glocal
Economia e coronavirus: come uscirne
Purtroppo le politiche che i governi hanno adottato per affrontare la pandemia e la crisi economica sono contraddittorie e rischiano un fallimento catastrofico a lungo termine.leggi tutto
Consigli di salute
Cosa fare per il mal di denti col coronavirus?
Dal dentista solo per necessità non rinviabili. Le indicazioni sono chiare, solo urgenze. leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - L'autismo ai tempi del Coronavirus
    Intervista a Cristina, mamma di Francesco e Lorenzo.[...]

    Curiosità

    Ecco la guida ai nostri Appennini di Dario Ruscetta, per un'estate magica e senza paura
    “MoBo' Stories: Guida di Viaggio nell'Ombelico Gastronomico di Modena e Bologna”, riconoscibile dal tipico Tortellino immortalato in copertina.[...]
    C'è un incendio, gattini si nascondono sotto al secchio: salvati
    C'è un incendio, gattini si nascondono sotto al secchio: salvati
    E' successo domenica, sul posto i Vigili del Fuoco[...]
    Fine lockdown e ritorno alla 'vita da cani'
    Fine lockdown e ritorno alla 'vita da cani'
    Il consiglio di veterinari esperti su come affrontare la fine del lockdown, il ritorno agli spazi aperti e il contatto con soggetti esterni, assieme al proprio cane[...]
    Forbes elegge l'Emilia Romagna regione dove si mangia meglio al mondo
    Forbes elegge l'Emilia Romagna regione dove si mangia meglio al mondo
    Il noto mensile americano Forbes ha premiato la cucina dell’Emilia-Romagna[...]
    Rimborsi per le imprese, la beffa del click day: Mirandola resta fuori
    Rimborsi per le imprese, la beffa del click day: Mirandola resta fuori
    E' di Mirandola la prima dei non ammessi al bando Impresa Sicura. Possibili bari nel "click day"?[...]
    Il governatore Bonaccini: "Non escludo mia candidatura a primo ministro"
    Il governatore Bonaccini: "Non escludo mia candidatura a primo ministro"
    Ha risposto così a chi gli ha chiesto di una ipotetica sfida con il presidente leghista del Veneto, Luca Zaia.[...]
    Un video per celebrare la natura dell'Oasi Val di Sole di Concordia
    Un video per celebrare la natura dell'Oasi Val di Sole di Concordia
    Il video lo si può visualizzare sulla pagina ufficiale del Comune di Concordia[...]
    Giallo a Mirandola: da dove vengono e dove sono finite quelle mascherine con il logo del Comune?
    Giallo a Mirandola: da dove vengono e dove sono finite quelle mascherine con il logo del Comune?
    Il bando di gara promosso dal comune, per il quale è stata stanziata una cifra di 15.000 euro, è andato deserto, ma sui social sono girate foto di mascherine con il logo di Mirandola. Dove sono finite? Per l'amministrazione comunale non esistono. [...]