Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Salgono a 8 gli infetti nel Modenese. In totale 47 contagi da Coronavirus in regione

MERCOLEDì 26 FEBBRAIO, ORE 20 – Salgono a 8 gli infetti nel Modenese. In totale 47 contagi da Coronavirus in regione, ma non c’è un focolaio emiliano: tutti, secondo i primi accertamenti, derivano dai focolai lombardi e veneto.
Di questi 47 contagiati solo tre sono in Terapia Intensiva, una percentuale molto bassa. E’ il punto sulla situazione dell’epidemia da Coronavirus in corso in Emilia-Romagna, fatto dall’assessore regionale Venturi la sera di mercoledì 26 febbraio.

E’ stato registrato il primo decesso in Emilia-Romagna: si tratta di un paziente lodigiano che si era presentato a Piacenza, 70 anni, con molte patolgie pregresse di cuore e polmonari. E’ stato ricoverato prima a Piacenza poi a Parma, in Terapia Intensiva.

Il numero dei contagiati – ha spiegato Venturi – sale velocemente perchè sono arrivati tutti in una volta i tamponi dei pazienti che presentavano sintomi ed erano strettamente collegati ai malati già accertati.

I 28 casi di Piacenza, 8 in più, sono tutti di cittadini autopresentati nella notte tra martedì e mercoledì. Uno viene da Codogno: “C’è evidentemente qualcosa che non va – osserva l’assessore emiliano – noi non rimandiamo indietro nessuno ma avremmo piacere che i pazienti di Codigno rimanessero a Lodi. Ho già parlato con la Regione Lombardia”.

A Modena sono 8 casi, legati alla persona singola, il primo contagiato carpigiano: sette sono già in carico al reparto di Malattie Infettive del Policlinico, uno è in Terapia Intensiva,

Altri 8 casi sono a Parma legato a una trasferta a Codogno per il ballo. Zero casi a Bologna, Ferrara, Reggio Emilia, Forlì-Cesena.

Pista consistente su Rimini: oggi sono 3, tutti ricoverati in Malattie Infettive. Il primo è un ristoratore di Cattolica, di 71 anni, poi un suo dipendente e un paziente che è andato nell’esercizio commerciale, che è stato chiuso. “C’è possibile relazione sia con focolaio di Codogno sia con quello di Padova: c’è verifica in corso. L’ipotesi  – osserva l’assessore – è rassicurante”

Abbiamo i primi due dimessi, sono di Piacenza: l’infermiere che lavora ospedale di Codogno che al  triiage parlò con il paziente 1. Anche un secondo paziente è tornato a casa “dopo pochi giorni” sottolinea l’assessore.

Tra le notizie positive quella di una donna affetta dal virus che ha partorito in queste ore e ha dato alla luce un bimbo sano e privo di contagio. E’ accaduto a Piacenza, dove la paziente –  lombarda- era ricoverata. “Rappresenta un elemento significativo nelle notizie da dare”, ha sottolineato Venturi,

Proseguono, inoltre, le denunce per chi diffonde notizie false

 

La conferenza stampa dell’assessore Venturi:

LA NOTA DELLA REGIONE

Aggiornamento Coronavirus. All’ospedale di Piacenza mamma contagiata partorisce: il bambino sta bene e non ha il virus. I primi due pazienti dimessi. I casi positivi salgono a 47, quasi 630 i test tampone refertati. L’assessore Venturi: “Continuiamo a non avere elementi per parlare di focolaio in Emilia-Romagna, attrezzati per gestire la situazione”

Dei 47, sono 3 i pazienti in terapia intensiva, quasi la metà sono in isolamento domiciliare a casa. La mappa dei nuovi moduli provvisori per triage all’esterno delle strutture ospedaliere predisposta dalla Protezione civile per proteggere gli operatori sanitari. Non servirà il certificato medico per bambini e ragazzi per il rientro a scuola quando riapriranno

Bologna – Una mamma, positiva al Coronavirus, che all’ospedale di Piacenza partorisce un bambino che sta bene e che non ha il virus, e i primi due pazienti dimessi. Sempre dal nosocomio piacentino, infatti, sono usciti un signore di Codogno e un operatore sanitario di Piacenza che lavora al Pronto soccorso del Comune lodigiano, dove fece il triage al paziente 1 (il primo a essere contagiato in Italia). Entrambi, adesso, osserveranno un periodo di isolamento precauzionale a casa, ma stanno bene.

Mauro Codeluppi, direttore Malattie infettive all’ospedale di Piacenza, spiega: “I due pazienti che abbiamo dimesso ieri non avevano una sintomatologia grave. Pur avendo contratto il virus, non sono mai andati incontro a insufficienza respiratoria, ma solo a febbre e sintomi respiratori minori. Il primo, il triagista che lavora all’ospedale di Codogno, è stato in reparto dalla notte tra sabato e domenica fino a ieri mattina. Il secondo, medico del nostro ospedale, ha avuto un ricovero ancora più breve, da domenica a martedì. Entrambi sono stati dimessi perché ormai senza febbre e clinicamente guariti, con l’unica raccomandazione di trascorre un ulteriore periodo di isolamento a casa, per il tempo necessario a escludere una residua contagiosità.

Intanto, in Emilia-Romagna il numero di casi positivi sale a 47, alla luce dei quasi 630 test tampone refertati: 28 a Piacenza, 8 a Parma, 8 a Modena – tutti riconducibili al focolaio lombardo – e 3 a Rimini, sui quali sono in corso approfondimenti epidemiologici.

Dei 47, sono 3 i pazienti in terapia intensiva, quasi la metà sono in isolamento domiciliare a casa.
Diciassette
 i nuovi casi registrati dopo l’aggiornamento del mattino: 8 nel piacentino, 4 nel parmense, 3 nel modenese e 2 nel riminese.

“Continuiamo a non avere elementi per parlare di focolaio in Emilia-Romagna, anche alla luce delle nuove positività- sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi-. Ribadisco che il nostro sistema sanitario è perfettamente in grado di sostenere la situazione al meglio, sia per quanto riguarda i cittadini sia nei confronti del personale sanitario. Proseguono inoltre gli accertamenti sui casi ancora in corso di analisi, che sono circa una quarantina a fronte degli oltre 600 tamponi ad oggi refertati. E da domani- aggiunge Venturi- ai due attuali laboratori di Bologna e Parma si affiancherà anche quello di Pievesestina in provincia di Cesena. Desidero inoltre tranquillizzare le famiglie che in queste ore si erano poste l’interrogativo se fosse necessario un certificato medico per il rientro a scuole dei loro figli alla riapertura delle scuole. L’Ufficio scolastico regionale mi ha infatti confermato che non sarà necessario alcun certificato medico per essere riammessi a scuola. Quanto a episodi di fake news- conclude-, non si fermano le denunce alla polizia postale da parte delle aziende sanitarie”

Punti triage esterni agli ospedali

Si rafforza il numero dei presidi, a protezione degli operatori sanitari, che serviranno a dividere già all’ingresso i pazienti con possibili sintomi da Coronavirus dagli altri. La Protezione civile regionale ha infatti predisposto, oltre ai 3 già allestiti a Piacenzanuovi moduli provvisori per il triage, dove poter sottoporre le persone ai primi controlli prima di accoglierle all’interno dei servizi ospedalieri: 3 a Modena (Mirandola e Vignola Pavullo); 1 a Ferrara (Cento); 1 a Ravenna.

Altri sono previsti a Bologna, Parma, Reggio Emilia, Rimini e Forlì Cesena.

 

Tutte le nostre notizie sull’epidemia da Coronavirus

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per maggiori informazioni

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Da Berlino a Finale per visitare le Meleghine
    Paolo Saletti ha condiviso sul proprio profilo Facebook un incontro curioso e inaspettato avvenuto durante un sopralluogo alle Meleghine[...]
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Alessandro Bergonzini, la passione per la storia al servizio della narrazione
    Intervista all'autore di Camposanto de "Nel giardino della salamandra" e "Naamah"[...]
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Il coraggio di cambiare lavoro, la storia di Arianna Gamberini
    Si è messa in proprio come consulente di immagine lasciando il posto da dipendente: l'esperta di lavoro Francesca Monari l'ha intervistata[...]
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono arrivati i fenicotteri nelle valli mirandolesi
    Sono stati immortalati in tutta la loro bellezza da Raffaele Gemmato mentre facevano sosta nella Bassa nel loro lungo volo verso Sud[...]
    Unimore nella classifica Times Higher Education 2021
    Unimore nella classifica Times Higher Education 2021
    l giudizio complessivo della rivista britannica assegna all’ateneo emiliano una posizione di classifica compresa tra 401 e 500 a livello mondiale[...]
    Anime Manga, a Modena la mostra con le storie di maghette, calciatori e robottoni
    Anime Manga, a Modena la mostra con le storie di maghette, calciatori e robottoni
    Fondazione Modena Arti Visive ospita dal 12 settembre al 10 gennaio[...]
    Bronzo per il sanfeliciano Francesco Calì al campionato italiano Juniores su strada
    Bronzo per il sanfeliciano Francesco Calì al campionato italiano Juniores su strada
    Per Francesco, la conferma di un ottimo stato di forma a una settimana dalle ottime performance fatte registrare al Giro del Friuli[...]
    "21 lettere": la scommessa controcorrente della casa editrice indipendente di Soliera
    "21 lettere": la scommessa controcorrente della casa editrice indipendente di Soliera
    Fondata da Alberto Bisi, propone sei titoli l'anno, una copertina scevra da inutili descrizioni e trame, un logo in negativo e temi tra i più disparati[...]