Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Assemblea legislativa: venerdì 6 marzo seduta straordinaria sull’emergenza Coronavirus

Si terrà venerdì 6 marzo dalle 9.15 alle 14 la seduta straordinaria dell’Assemblea legislativa dedicata all’emergenza Coronavirus. Questa la decisione, in deroga al Regolamento assembleare, assunta all’unanimità dall’Ufficio di presidenza sentiti i gruppi assembleari.

“Ritengo necessario il confronto fra tutte le forze politiche sulla comunicazione che terrà in Aula il presidente della Regione Stefano Bonaccini, con il quale ho accolto le sollecitazioni pervenuteci dai gruppi” dichiara la presidente dell’Assemblea legislativa Emma Petitti. “È importante – ha sottolineato la presidente – il confronto sull’impatto del coronavirus sulla comunità regionale e i conseguenti effetti sanitari, sociali ed economici, unitamente alle misure messe in campo. I cittadini devono sapere che l’Assemblea legislativa c’è e si è immediatamente attivata”.

Nel frattempo, le diverse parti politiche si esprimono sull’argomento Coronavirus, rendendo noti dubbi, sollevando domande e avanzando richieste di chiarimenti e azioni che permettano, in un modo o nell’altro, di comprendere appieno la situazione e appianare contraddizioni e affrontare la situazione. “Stiamo vivendo un momento delicato, sia sotto il profilo sociale che quello economico, pertanto è necessario che la Giunta Bonaccini dia risposte immediate e certe ai cittadini” dichiarano dal Carroccio.

La Lega si chiede se il sistema sia adeguato a fronteggiare emergenze. Borgonzoni, Marchetti e Facci vogliono quindi sapere “come si stia muovendo la Regione Emilia-Romagna per non trovarsi impreparata nel caso dovessero essere necessari nuovi posti di terapia intensiva”. “Quanti sono i posti di terapia intensiva in regione e quanti sono già occupati?”. A chiederlo, con un’interrogazione rivolta al governo regionale, sono Lucia Borgonzoni, Daniele Marchetti e Michele Facci della Lega.

“Il servizio sanitario regionale”, spiegano Borgonzoni, Marchetti e Facci, “potrebbe necessitare di ulteriori posti di terapia intensiva per superare il momento di emergenza”. Come segnalato dalla Regione Lombardia, proseguono i leghisti, “in riferimento al cosiddetto coronavirus ‘se la diffusione si estende, gli ospedali andranno in grave crisi non solo per i ricoveri collegati al virus ma per tutti i pazienti: sono numerose, infatti, le patologie che richiedono il ricorso alle cure intensive ma i posti disponibili sono limitati’”.

Il consigliere regionale Giancarlo Tagliaferri (Fratelli D’Italia) interroga invece la Giunta  sui centri massaggi cinesi, che non sono soggetti ad alcuna ordinanza di chiusura emanata per fronte all’epidemia coronavirus:

«Siamo di fronte a un’epidemia che si sta sviluppando senza che sia ancora stato individuato chiaro quale sia il cosiddetto “paziente zero”, – dichiara il consigliere – e pare una vera e propria contraddizione in termini il fatto che nessun provvedimento sia stato assunto per sospendere o limitare l’attività dei cosiddetti “centri massaggi” cinesi. Lungi dal criminalizzare una comunità o un’attività, va comunque ricordato che, in passato, è emerso che alcuni di essi fungessero da paravento ad attività illegali legate allo sfruttamento di donne orientali, spesso irregolarmente presenti sul territorio nazionale. Sul web, con tanto di fotografie di ragazze orientali mezze nude, abbondano annunci sin troppo espliciti”. Sarebbe opportuno porsi il problema anche di centri massaggi dove si pratica il “massaggio corpo su corpo” (per citare un altro annuncio tratto dal web) 24 ore su 24.

Le misure adottate per tutelare la salute dei cittadini stanno comportando sacrifici per molti operatori economici; Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto rappresentano il 40,8% del PIL nazionale ed il 32,2% dell’export agro-alimentare. I provvedimenti influiranno negativamente su questi dati in una misura che solo nell’arco dei prossimi anni potremo valutare appieno, pare quindi una contraddizione che proprio nel valutare casi come i centri massaggi ci si comporti col massimo lassismo.

Ho quindi chiesto alla Giunta regionale – conclude Tagliaferri – quali considerazioni intenda formulare in merito, e se non ritenga una drammatica incongruenza quanto riportato in premessa. Infine, se intenda sollecitare misure in tal senso o, quantomeno, attente verifiche da parte delle competenti autorità”.

Giulia Gibertoni del Movimento 5 Stelle denuncia invece la mancanza di dispositivi di protezione per i medici. La circolare ministeriale, sottolinea la pentastellata, “contiene linee guida molto chiare per la gestione di un caso sospetto, prevedendo l’uso dei dispositivi di protezione individuale”. La Gibertoni lancia l’allarme, riportando una dichiarazione del segretario regionale della Federazione italiana dei medici di medicina generale (Fimmg), con un’interrogazione rivolta al governo regionale:

“Mancano i dispositivi di protezione individuale per i camici bianchi del territorio, tra cui i medici di famiglia, i pediatri di libera scelta e i medici di continuità assistenziale, ma anche per il personale dipendente degli studi medici, come infermieri e segretarie”.

La richiesta dei medici, spiega la consigliera, “riguarda specifiche mascherine (con il filtro), camici monouso, occhiali e guanti”. Per l’organizzazione sindacale, prosegue, “occorrerebbe, inoltre, prevedere accessi controllati nelle sedi della guardia medica, così come negli studi dei pediatri di famiglia e dei medici di famiglia (peraltro i pazienti sono costretti a recarsi direttamente negli studi medici per il rilascio delle certificazioni di malattia)”.

La circolare ministeriale, sottolinea quindi la pentastellata, “contiene linee guida molto chiare per la gestione di un caso sospetto, prevedendo l’uso di dispositivi di protezione individuale”. I medici preposti alle cure primarie, rimarca, “sono i primi che le famiglie contattano in caso sospetto contagio e sono i professionisti che svolgono un ruolo centrale per la sostenibilità dell’intera filiera di trattamento del virus; per questo dovrebbero essere garantite loro particolari tutele”. Per lo stesso motivo, conclude la consigliera, “è stato deciso il blocco delle visite fiscali da parte dell’Inps, in attesa, appunto, dei dispositivi di sicurezza individuale”.

Gibertoni vuole quindi sapere dall’esecutivo regionale “quali azioni siano state messe in atto per risolvere questi problemi”.

Tutte le nostre notizie sull’epidemia da Coronavirus

*********************************

******************************

************************

Per maggiori informazioni

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    L'associazione si è presentata pubblicamente con un evento online sabato 20 marzo[...]