Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl Modena: nuova denuncia dei sindacati sulle mancate tutele degli operatori sanitari

I sindacati Fp Cgil, Cisl Fp ed Uil Fpl intervengono sulle omissioni in tema di sorveglianza sanitaria in sanità.

La sorveglianza sanitaria è l’insieme di azioni che il datore di lavoro mette in atto sul posto di lavoro al fine di tutelare la salute e la sicurezza dei propri operatori in relazione ai rischi che corrono.
Se sono chiare le tutele che si attivano quando il lavoratore viene accertato come positivo al Covid-19, non sono assolutamente chiare le tutele che le Aziende sanitarie modenesi mettono in atto prima di quel momento. Anzi a giudizio dei sindacati di categoria della sanità, le azioni di controllo e sorveglianza attivate prima di riscontrare le positività sono assolutamente insufficienti.

“Non è possibile che un lavoratore che si rivolge alla sorveglianza sanitaria – spiegano Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl – per denunciare un contatto con un paziente Covid-19 sia sentito solo per telefono, rassicurato con qualche parola e rimesso a lavorare senza alcun tipo di controllo e registrazione di questa denuncia”.
In pratica l’operatore che vuole denunciare questo rischio, di cui tra l’altro non si conoscono al momento ancora le conseguenze su di sè e i propri famigliari, viene congedato dalla sorveglianza sanitaria aziendale dopo quattro chiacchiere al telefono e senza nessuna certificazione di idoneità, e non viene inserito in percorsi di sorveglianza attiva.

Il colloquio conoscitivo per la valutazione del rischio tra l’operatore coinvolto e la sorveglianza sanitaria non viene favorito in alcun modo, anzi, spesso addirittura sembrerebbe ostacolato dal responsabile di turno, che si sostituisce al servizio di prevenzione e protezione nella valutazione delle situazioni a rischio, sentenziando sulla necessità o meno di contattare il medico competente.

Nelle settimane scorse non sono mancate infatti le segnalazioni di operatori che sono stati a casa perché manifestavano febbre e sintomi respiratori, insorti successivamente a contatti con pazienti covid-19 positivi, al quale è stato negato il tampone, diversamente da quanto previsto dalle stesse procedure aziendali.
Di contro continuano le segnalazioni di accessi agevolati ai tamponi da parte di qualcuno, anche in assenza di sintomi. Molti lavoratori si chiedono se le procedure aziendali valgano per tutti e in cosa si nasconda la differente possibilità di accedere ai test diagnostici, oltre a chiedersi ancora dove siano finiti i referti di svariate decine di tamponi eseguiti ormai da un mese e che ancora non sono arrivati.

“Non ci stiamo e non staremo zitti – è il duro attacco di Fp Cgil, Cisl Fp ed Uil Fpl – non è un problema di interpretazione di leggi, ma di una scelta precisa: quella di indebolire il nesso causale tra malattia e luogo di lavoro, indispensabile in futuro per avere un eventuale risarcimento dei danni da infortunio o riconoscimento della malattia professionale”.
I sindacati chiedono che le denunce dei lavoratori, che si rivolgono alla sorveglianza sanitaria aziendale, siano registrate, valutate e gestite in maniera puntuale. Le aziende devono raccogliere le denunce dei lavoratori che hanno contatti con pazienti con sospetta o accertata infezione da covid-19 e mettere per iscritto la presa d’atto della denuncia, la valutazione del medico competente, con il rilascio di una certificazione che attesti l’eventuale idoneità a proseguire l’attività lavorativa oppure i provvedimenti intrapresi.

Qualora un domani questi lavoratori si dovessero ammalare chi riconoscerà che hanno contratto la malattia sul posto di lavoro?

Riteniamo che il dato sugli operatori positivi sia assolutamente sottostimato, per il semplice fatto che i controlli non sono eseguiti in maniera minuziosa, ma solo su coloro che hanno sintomi conclamati. Continua quindi la sequela di scelte sbagliate che espongono i lavoratori a enormi rischi di salute: dapprima, con i reparti ormai già pieni di pazienti positivi e ad emergenza già iniziata, si è detto agli operatori che le mascherine non servivano, e chi le indossava veniva redarguito perché procurava allarme e preoccupazione tra i cittadini e gli utenti. Si è proseguito con lo stravolgimento dei protocolli di sicurezza dove mascherine chirurgiche, considerate un presidio medico chirurgico e non un DPI, dalla sera alla mattina, sono diventati presidi che si potevano indossare 20 giorni di fila. Poi è arrivata la deroga alla sorveglianza sanitaria per la quale i lavoratori che avevano avuto contatti con i pazienti positivi potevano continuare a stare sul posto di lavoro; oggi si giunge all’ultimo atto: le denunce dei lavoratori che sono stati a contatto con pazienti positivi non vengono neppure più raccolte.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]