Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Coronavirus, la situazione dell’AOU di Modena: ricoveri, personale, presidi

Coronavirus: la situazione dell’AOU di Modena rispetto alle attività organizzative dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena in riferimento all’infezione COVID-19 attuate sempre di concerto e in stretta sinergia con l’Azienda USL di Modena, in un’ottica di sistema. Il personale impegnato, la situazione dei ricoveri, dei presidi. Il lavoro in Terapia Intensiva.

Il personale impegnato

Dall’inizio del periodo sono 80 le unità fra infermieri, OSS, ostetriche e tecnici di radiologia assunte. Le assunzioni continueranno anche nei prossimi giorni in base all’evoluzione della situazione.
Stiamo formalizzando rapporti di lavoro con medici in formazione specialistica in Anestesia e Rianimazione, Malattie dell’Apparato Respiratorio e in Medicina d’Urgenza, come previsto dal Decreto-legge n.14 del 9/3/2020.
Inoltre, grazie anche alla disponibilità degli operatori e alla riduzione di attività programmate, le equipe cliniche ed infermieristiche di reparti non strettamente impegnati in prima linea nella gestione dell’emergenza stanno coadiuvando reparti più direttamente esposti.
Nell’ambito del nostro personale, al momento sono 13 i sanitari dell’Azienda Ospedaliera che sono risultati positivi

Situazione ricoveri

Attualmente presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria sono ricoverati nei due stabilimenti 94 pazienti positivi, dei quali 23 ricoverati nelle Terapie Intensive (18 presso la Terapia Intensiva del Policlinico e 5 nella Terapia Intensiva e Rianimazione di Baggiovara), 46 assistiti presso le Malattie Infettive e 25 in altri reparti COVID.
Quindi 79 al Policlinico e 15 all’Ospedale civile di Baggiovara.
Viene confermato il piano Aziendale di riorganizzazione e potenziamento di letti da dedicare ai pazienti COVID-19 come espresso nel precedente comunicato.

Tutti gli interventi per adattare l’assetto dei due ospedali all’evoluzione del contagio sono inseriti in un più complessiva strategia provinciale in un’ottica di rete provinciale e regionale.

Situazione presidi

Nonostante le difficoltà dei giorni scorsi, le dotazioni disponibili consentono agli operatori di avere a disposizione i dispositivi di protezione individuale coerenti con le più aggiornate indicazioni specifiche, appropriate in base al setting di cura.

Tamponi

Dal momento della attivazione del Laboratorio di Virologia del Policlinico, il 10 marzo, presso lo stesso, sono stati effettuati circa 400 tamponi. Le analisi vengono fatte per i pazienti di tutta la provincia di Modena.

Raccolta fondi

In questi giorni difficili per tutti, molti cittadini hanno manifestato il desiderio di sostenere il Servizio Sanitario pubblico con donazioni. I nostri profili social aziendali sono stati letteralmente investiti da questa volontà. Siamo grati di questa vicinanza e solidarietà che riconosce l’impegno e l’abnegazione di tutto il personale nella gestione della crisi. Tante iniziative quindi che oltre a sostenerci ci incoraggiano profondamente.
Sul sito web dell’AOU di Modena abbiamo creato una pagina dedicata dove verranno enumerate tutte le iniziative e verrà mostrato come i nostri professionisti, operativamente, lavorano giorno per giorno per affrontare questa crisi.

Il lavoro quotidiano in terapia intensiva

Nelle aree di terapia intensiva dedicate ai pazienti COVID19 lavorano 24 ore su 24, 7 giorni su 7 medici e personale infermieristico impegnati ad assicurare, ai pazienti che presentano le insufficienze respiratorie più severe, terapie di supporto delle funzioni vitali e terapie antivirali ed immunologiche specifiche. La parte più complessa è quella di gestire in maniera appropriata la ventilazione meccanica secondo una modalità protettiva che include sedazione profonda e prono-supinazione del paziente per 48-72 ore. Ecco le risposte ad alcune domande che ci sono giunte nei giorni scorsi.

Se si dovesse arrivare a saturare la Terapia intensiva è vero che si dovrebbero scegliere i pazienti da curare?

La scelta se sottoporre o no un paziente a cure intensive dipende dal beneficio che il paziente può avere da queste cure. Per questa ragione da anni esistono indicazioni precise a livello internazionale e nazionale per evitare l’accanimento terapeutico e proporzionare le cure in base alle condizioni cliniche acute e croniche del paziente. Per quanto riguarda i casi severi di polmonite da nCOVID, i dati pubblicati sull’esperienza cinese e le prime esperienze Italiane indicano che i pazienti con patologie gravi croniche ed anziani hanno una mortalità molto elevata e non modificata dall’utilizzo delle cure intensive (intubazione e ventilazione meccanica controllata), così come avviene per altre infezioni che determinano gravi quadri di sepsi. Per questa ragione, indipendentemente dalla disponibilità di risorse, ad oggi appare futile sottoporre alcune tipologie di pazienti a cure molto invasive in caso di gravi quadri infettivi come quelli determinati da SARS-COV-2.

Come vengono curati ad oggi i pazienti più gravi?

I pazienti presentano sostanzialmente un quadro di severa insufficienza respiratoria, definita ARDS (acute respiratory distress syndrome), che si associa a disfunzione di altri organi quali il sistema cardiocircolatorio e renale. I trattamenti intensivi sono sostanzialmente supportivi e son volti a mantenere in vita il paziente durante il decorso della malattia limitando i danni indotti da presidi salva vita quali la ventilazione meccanica. Oltre alla convenzionale terapia supportiva, si stanno sperimentando nel mondo approcci multimodali volti a ridurre la massiva risposta infiammatoria causata da SARS-COV-2
Che cosa provoca la polmonite interstiziale?
Come per molte malattie infettive, la polmonite nel caso di infezione da SARS-COv-2 sembra essere causata da una abnorme risposta infiammatoria dell’ospite che vede come bersaglio non solo il polmone, ma anche altri organi.
Quali sono i soggetti più a rischio?
Per quanto riguarda lo sviluppo di quadri respiratori severi, i pazienti più a rischio sembrano essere i pazienti anziani e/o con copatologie quali obesità, diabete ed ipertensione.
Per quante ore al giorno state lavorando?
Invertiamo, il mio gruppo dorme non più di 4-5 ore al giorno da almeno 3 settimane, il resto al lavoro.
Quanti paziente avete seguito dall’inizio della crisi?
Abbiamo ad oggi trattato circa 20 pazienti con ARDS da SARS-COV-2.
Vi coordinate con gli altri centri ospedalieri per scambiare informazioni? Se sì in che modo?
Oltre ai dati già pubblicati in maniera rigorosa dall’esperienza cinese, lo scambio di informazioni con gli ospedali lombardi ed emiliano romagnoli è continuo attraverso teleconferenze e scambio di esperienza e protocolli.
Ci sono state terapie che più di altre hanno prodotto buoni risultati? Se sì quali?

Per quanto riguarda i pazienti più gravi, non abbiamo certezze che esistono protocolli terapeutici vincenti, ma sicuramente sappiamo che la malattia ha un decorso molto lungo (circa 20 gg) ed insidioso. Qualche speranza proviene dall’utilizzo di nuovi antivirali e farmaci specifici in grado di modulare la risposta del paziente all’infezione.

I caschi CPAP sono un supporto utile

I caschi CPAP (Continuous Positive Airway Pressure) sono un supporto non invasivo alla respirazione di produzione italiana che vengono utilizzati per trattare la i pazienti con insufficienza respiratoria prima che sia necessario ricorrere alla ventilazione meccanica protettiva invasiva oppure dopo la ventilazione meccanica invasiva nei pazienti estubati che presentano ancora una disfunzione respiratoria residua.

Tutte le nostre notizie sull’epidemia da Coronavirus

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Quali Paesi danno il meglio nella lotta al Covid-19
Una ricerca realizzata da ECV, classifica gli Stati colpiti dal virus in tre categorie: Winning (vincenti), Nearly there (quasi arrivati) e Need action (bisogno di azione).leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protetteleggi tutto
Glocal
Covid-19: i provvedimenti dell'UE per il rilancio dell'economia
La Commissione europea ha predisposto un piano che non ha precedenti: oltre 1.000 miliardi di euro per assistere imprese e famiglie nel contrasto al Covid19.leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienzaleggi tutto
Glocal
Covid19: i Paesi con la migliore Sanità al mondo
La pandemia del virus Covid19 sta mettendo in crisi Paesi che vantano sistemi sanitari considerati tra i più eccellenti e performanti del mondo.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane impegnate contro il Coronavirus
Molte imprese italiane si sono messe a disposizione del Governo per rifornire il nostro sistema sanitario di strumenti per garantire la vita. Siamo in guerra, ma è una guerra diversa.leggi tutto
Consigli di salute
Bruxismo e digrignamento dei denti
Ad esempio, smettere di fumare o ridurre il consumo di alcol possono essere utili a tal proposito.leggi tutto
Glocal
Economia e coronavirus: come uscirne
Purtroppo le politiche che i governi hanno adottato per affrontare la pandemia e la crisi economica sono contraddittorie e rischiano un fallimento catastrofico a lungo termine.leggi tutto
Consigli di salute
Cosa fare per il mal di denti col coronavirus?
Dal dentista solo per necessità non rinviabili. Le indicazioni sono chiare, solo urgenze. leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - L'autismo ai tempi del Coronavirus
    Intervista a Cristina, mamma di Francesco e Lorenzo.[...]

    Curiosità

    Rimborsi per le imprese, la beffa del click day: Mirandola resta fuori
    Rimborsi per le imprese, la beffa del click day: Mirandola resta fuori
    E' di Mirandola la prima dei non ammessi al bando Impresa Sicura. Possibili bari nel "click day"?[...]
    Il governatore Bonaccini: "Non escludo mia candidatura a primo ministro"
    Il governatore Bonaccini: "Non escludo mia candidatura a primo ministro"
    Ha risposto così a chi gli ha chiesto di una ipotetica sfida con il presidente leghista del Veneto, Luca Zaia.[...]
    Un video per celebrare la natura dell'Oasi Val di Sole di Concordia
    Un video per celebrare la natura dell'Oasi Val di Sole di Concordia
    Il video lo si può visualizzare sulla pagina ufficiale del Comune di Concordia[...]
    Giallo a Mirandola: da dove vengono e dove sono finite quelle mascherine con il logo del Comune?
    Giallo a Mirandola: da dove vengono e dove sono finite quelle mascherine con il logo del Comune?
    Il bando di gara promosso dal comune, per il quale è stata stanziata una cifra di 15.000 euro, è andato deserto, ma sui social sono girate foto di mascherine con il logo di Mirandola. Dove sono finite? Per l'amministrazione comunale non esistono. [...]
    Quando l'Acqua Santa arriva a domicilio
    Quando l'Acqua Santa arriva a domicilio
    E' il pensiero gentile che si sono ritrovati i fedeli rivaresi nella cassetta delle lettere in questi giorni. [...]
    Sempre più caldo e sempre meno pioggia. Ecco il clima che verrà: proiezioni climatiche al 2050 in Emilia-Romagna
    Sempre più caldo e sempre meno pioggia. Ecco il clima che verrà: proiezioni climatiche al 2050 in Emilia-Romagna
    Lo studio è stato condotto da Regione Emilia-Romagna, Osservatorio Clima di Arpae e Art-ER (Attrattività Ricerca Territorio Emilia-Romagna),[...]
    Craccavano il software dei distributori e li svaligiavano
    Craccavano il software dei distributori e li svaligiavano
    Una banda composta da due moldavi e un rumeno aveva prelavato prodotti del valore di oltre 800 euro[...]
    Trova busta con 1150 euro: era l'incasso di un esercente
    Trova busta con 1150 euro: era l'incasso di un esercente
    La Polizia locale ha restituito al commerciante il plico smarrito che un passante, trovandolo a terra, non ha esitato a portare al Comando di via Galilei[...]
    La fontana dei Due Fiumi piena di schiuma
    La fontana dei Due Fiumi piena di schiuma
    E' andata meglio a Castelvetro dove qualche giorno fa dai rubinetti di casa usciva vino. E che vino: un ottimo Lambrusco.  [...]
    Coronavirus, all'Unipol Arena il servizio "test drive" da 100mila esami al mese
    Coronavirus, all'Unipol Arena il servizio "test drive" da 100mila esami al mese
    E' a Bologna il più grande centro screening dell'Emilia-Romagna[...]