Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Emergenza Coronavirus: secondo CNA, a Modena a rischio chiusura almeno 4.000 pmi e 10.000 posti di lavoro

MODENA, 19 MARZO – A Modena a rischio chiusura almeno 4.000 pmi e 10.000 posti di lavoro. Il 20% delle aziende ha già fatto ricorso agli ammortizzatori sociali. Una situazione straordinaria alla quale far fronte con interventi straordinari, a partire dalla parziale cancellazione di alcune imposte e, a crisi finita, dall’attivazione di una campagna di piccoli investimenti per le imprese locali

“I 25 miliardi messi in campo, rappresentano un’indispensabile misura per sostenere famiglie, lavoratori e imprese, ma, a nostro giudizio, non saranno comunque sufficienti – commenta Claudio Medici, Presidente della CNA di Modena, dopo l’attesa pubblicazione del decreto Cura Italia – la posta in gioco è altissima e i segmenti economici che rischiano di più sono quelli più diffusi: lavoro autonomo e piccole imprese, la spina dorsale della nostra economia, in particolare quella del territorio”

Se l’emergenza dovesse proseguire sino a fine giugno, ci aspettiamo il default di circa 4.000 imprese modenesi, con 10.000 posti di lavoro a rischio. Non sono solo numeri nostri, sono cifre che nascono anche da studi di società di consulenza piuttosto prestigiose. Il dato certo è che più di un’azienda su cinque (il campione è rappresentato dalle aziende che hanno affidato la gestione dei propri libri paga a CNA) ha già attivato ammortizzatori sociali. Significa che il 20% delle imprese già oggi manifesta preoccupanti cali di lavoro, se non addirittura fermi. Ed è un numero che è destinato ad impennarsi nei prossimi giorni.”.

Il che non significa certo che CNA pretenda la fine dei provvedimenti restrittivi, assolutamente necessari per difendere la nostra salute, il più importante dei beni. “Il fatto è che le risorse messe in campo sinora appaiono sproporzionate rispetto all’enormità dei danni che stiamo sopportando e che sono destinati a moltiplicarsi, se l’emergenza dovesse protrarsi per mesi, con effetti drammatici per i livelli produttivi e l’occupazione del territorio e di tutto il Paese”.

Ma c’è un altro aspetto che impedisce di dare una valutazione definitiva del provvedimento. “Mancano diversi decreti attuativi, che sono poi le regole con cui viene applicato il decreto. A questo proposito abbiamo sentito parlare di un click day per concorrere alla distribuzione degli indennizzi di 600 euro ad autonomi, artigiani e commercianti. A parte il fatto che si tratta di un meccanismo contestabile in situazioni normali, oggi, affidare ad uno strumento equo come un tiro di dadi l’assegnazione di questo contributo, in alcuni casi vitale, sarebbe offensivo, per non dire incivile, questo lo diciamo ora in modo chiaro e tondo”.

“Crediamo – continua Medici – che gli interventi a favore delle imprese, che spaziano dalla sospensione dei versamenti, al sostegno al credito, agli ammortizzatori sociali vadano indirizzati con maggiore incisività a favore del lavoro autonomo, delle attività di minore dimensione e delle filiere – turismo, trasporti, ristorazione, cinema e cultura – che più di altre stanno già subendo il blocco totale delle attività e degli incassi. Invece, alcune di queste realtà, come le lavanderie industriali, che operano soprattutto al servizio delle imprese della ristorazione e del turismo, non sono nemmeno state ammesse alla proroga dei versamenti”.

Secondo l’Associazione, è indispensabile pensare subito ad altre azioni di sostegno. “Ad esempio – sottolinea Medici – non al mero spostamento, ma quanto meno alla parziale cancellazione di imposte che stanno maturando su redditi solo presunti, ma di fatto inesistenti, su servizi di cui le imprese usufruiscono in modo ridotto, ad esempio lo smaltimento dei rifiuti”. 

Si tratta di azioni a livello nazionale, ma un ruolo in questo senso può essere esercitato anche dalle amministrazioni locali.  “E’ necessario che, a crisi finita, gli enti locali attuino una massiccia serie di piccoli investimenti assegnati ad imprese locali, nel rispetto del codice degli appalti, che per lavori sino a 350.000 euro prevede che i comuni possano chiedere preventivi alle imprese che vogliono”.

“Credo sia chiaro – chiosa Medici – che quella che stiamo attraversando è una crisi tanto inaspettata quanto straordinaria e, in quanto tale, da affrontare con strumenti straordinari, anche in sede europea. Anzi, crediamo che questo per l’Europa sia un banco di prova che da un lato, se le risposte saranno adeguate, può rafforzarne il suo ruolo, dall’altro decretarne la fine, qualora dovessero prevalere egoismi e chiusure”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    L'associazione si è presentata pubblicamente con un evento online sabato 20 marzo[...]