Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Lutto a Camposanto per la scomparsa di Pasquino Branchini

Lutto a Camposanto per la scomparsa di Pasquino Branchini. Aveva 83 anni e per quasi mezzo secolo è stato  il custode del campo da calcio del Comune, dove lavorava come dipendente. Tifosissimo della Virtus, è considerato una istituzione da generazioni di camposantesi.

Commosso il ricordo dell’ex vicesindaco Luca Gherardi:

Gheraaardiiiii, a go da pisar!

Per settimane, dopo il terremoto, ho dormito in palestra insieme ad altre 150 persone disperate come me. Oltre a tantissimi meravigliosi volontari e ai ragazzi di terza media con cui di notte si ripassava Ungaretti per l’esame, là c’era Pasquino, ex dipendente comunale, attivissimo nella Virtus, conosciuto e stimato da tutti. Oggi ci ha lasciato e con lui se ne va una figura conosciutissima in paese che, in quelle settimane allucinanti, è sempre stato al mio e al nostro fianco! Mattina, giorno, sera e notte! La palestra era il suo regno: gli altri al mattino andavano, poi tornavano, poi ripartivano: lui sempre lì! Con una parola buona, una battuta, qualche bestemmia (di quelle in dialetto però, da non considerare bestemmie vere e proprie), un aneddoto per tutti quelli che passavano, di qualunque lingua, di qualunque età! Era rassicurante, per chi come me viveva in trincea più o meno 22 ore al giorno, pensare di tornare in palestra a qualunque ora e sapere di trovarlo là, sveglio, a fumarsi una sigaretta sulla porta laterale, pronto a dirmi “in vot una?”… E in quelle due ore di sonno, immancabilmente, tuonava (la voce era bella profonda e il rimbombo della palestra notevole): “Gheraaaardiiii, a go da pisar!”… doveva andare in bagno, ma l’età, l’ingombro, la fatica a camminare, la situazione gli suggerivano di non andare da solo! Lui rassicurava me e io rassicuravo lui! E alla mattina il primo impegno del vicesindaco era portare il cappuccino a Pasquino, direttamente dal bar che, senza neanche preavviso, me lo faceva trovare pronto alle 6,30, nel bicchiere in cui lo voleva lui, con il cucchiaino con il manico lungo.
“Dammi un tavor!”: dieci gocce d’acqua in un bicchiere d’acqua e si addormentava! I miracoli del placebo…
È stato per tutti noi là dentro un gigante: ci ha aiutato a non perdere la tenacia, a ritrovare la voglia di ridere, a sdrammatizzare momenti davvero tesi e ad affrontare il caos con una leggerezza da fare invidia a Calvino! Gli abbiamo voluto un sacco di bene e abbiamo continuato a volergliene anche dopo, cercandolo, chiamandolo, andandolo a trovare in Comunità alloggio e, quando è stato necessario, anche all’ospedale! Tutti mandavano i Vigili del Fuoco nelle case per recuperare vestiti, effetti personali: lui li ha mandati a prendere dal frigo il salame e la torta, perché voleva che li mangiassimo lì, davanti alla palestra, in quelle sere afose in cui non si voleva mai andare a letto, per paura dell’ennesima scossa notturna. Ognuno di noi in palestra aveva una branda; lui un angolo arredato con tanto di tv allacciata al condominio di fianco (c’erano gli europei e nella vita ci sono delle priorità!)…

Gli mando un abbraccio ora che non c’è più, un abbraccio di gratitudine. Ho raccontato queste piccole storie – ma neanche tanto piccole – per augurargli buon viaggio. Non andrò, con grandissimo dispiacere, al suo funerale, come è giusto in questi giorni. Porterò però quel “Gheraaardiii” nel cuore e presto lo andrò a trovare al cimitero!

L’ho conosciuto davvero quel 20 maggio, quando lo abbiamo dovuto obbligare a lasciare casa sua senza danni ma con troppe scale, dove poi sarebbe rientrato alcune settimane dopo, ancora una volta obbligato perché lui, il Pasqui, sarebbe rimasto a vivere nella sua palestra, con noi, in compagnia, mangiando la torta che i Vigili del Fuoco avevano recuperato dal suo frigo (e che noi avevamo sostituito perché nel frattempo erano passate settimane, ma deluderlo proprio non si poteva).

Ciao Pasqui, continua da lì a dire a tutti la tua, ne abbiamo bisogno! Soprattutto in questi tempi ancora una volta complicati in cui, spesso, si perde la diritta via, come è successo in quell’estate folle.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]