Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Mascherine introvabili e a prezzi eccessivi: c’è un caso Modena?

MODENA, 28 MARZO 2020 – Nei giorni scorsi Federconsumatori aveva denunciato come intollerabile una situazione che vedeva in vendita mascherine di varia natura a prezzi esorbitanti. Si chiedeva ai gestori delle farmacie di esporre la nota di acquisto, per consentire a tutti di verificare quale dei tre soggetti in campo (produttori, distributori, esercenti) fosse effettivamente responsabile di incrementi fino al 600%. Per quanto è dato di sapere, nessuno lo ha fatto. Federconsumatori aveva chiesto ai consumatori di segnalare acquisti a prezzi gonfiati. In questo caso, invece, ha avuto un fortissimo riscontro. Tutte le segnalazioni che seguono sono documentate da scontrini e altro, e sono state trasmesse all’autorità competente. Continua Federconsumatori nel proprio comunicato:

Francamente ci saremmo aspettati che il caso da noi segnalato, una confezione di 5 mascherine FFP2 venduta a 50 euro presso una grande Farmacia di Modena, rappresentasse un caso limite. In realtà abbiamo appurato che tutte le Farmacie, che avevano la disponibilità di quell’articolo lo hanno venduto più o meno a quel prezzo. Con una significativa, quanto negativa eccezione, una Farmacia della città dove sono state vendute confezioni da 10 mascherine FFP2 a 145 euro. Tante le segnalazioni anche per un prodotto venduto in diverse farmacie, una semplice mascherina in stoffa “agli ioni d’argento” venduta a 20 euro al pezzo, un prodotto non sanitario di minimo valore. Tuttavia la situazione più incredibile non riguarda una farmacia, ma un produttore di Concordia che nei giorni scorsi è stato al centro dell’attenzione pubblica per aver riconvertito la propria attività, con una produzione attesa di un milione di mascherine al mese.

Sono stati i consumatori, ed in primis le imprese, a segnalarci l’incredibile richiesta della Tecnoline Spa, vale a dire 5 euro + IVA, per la vendita di mascherine a tre strati, che peraltro non sono ancora state riconosciute come dispositivi medici. Un prezzo incredibile, che potrebbe tradursi, al consumatore, in non meno di 12/15 euro. Un follia, se si considera che a tale prezzo corrispondono costi di produzione unitari di poche decine di centesimi, come è stato rilevato da più parti. Oltre al caso della Tecnoline di Concordia è stata data notizia anche del caso di una azienda reggiana, la Nuova Sapi di Casalgrande, anch’essa riconvertita alla produzione di mascherine (oltre 100.000 giornaliere), all’apparenza simili a quelle della Tecnoline. Non è noto il costo di produzione, ma sicuramente inferiore ai circa 0,50 euro, prezzo al quale sarà venduto nelle Farmacie del reggiano. E qui il paradosso: il consumatore modenese, nell’impossibilità di uscire dal proprio Comune, dovrà sostenere un costo da 20 a 30 volte superiore a quello del consumatore reggiano, per la medesima mascherina. Un dato che conferma che la provincia di Modena è quella dove si registrano le maggiori tensioni, e che spinge a chiedersi se esista o meno un “Caso Modena”.

Qui sta accadendo qualcosa che deve essere oggetto di approfondimento da parte delle autorità competenti, per verificare se nell’attuale situazione di grave emergenza sanitaria siano state messe in atto vere e proprie manovre speculative, non solo sulle mascherine. Bisogna verificare la sussistenza o meno di aumenti di prezzi non fisiologici, di comportamenti speculativi, di possibili accaparramenti per ottenere aumenti di prezzo. Tutto ciò va fatto con la massima rigidità, tenendo ben presenti i dati del contagio, che riguardano il personale sanitario e chi opera nelle Strutture di accoglienza, vale a dire i soggetti che, in questo momento, sono impegnati in prima linea nella battaglia contro il Covid 19, e che stanno garantendo la tenuta del nostro sistema sanitario. E con loro, in prima linea, chi opera nel commercio, nei trasporti, nelle aziende che continuano ad essere aperte. Non c’è bisogno di nuove norme, perché la normativa c’è già. Si tratta dell’art. 501 bis del Codice Penale che, in grande sintesi, punisce chiunque compia manovre speculative per procurare un lucro dovuto ad un aumento anomalo dei prezzi. Un reato che prevede pene durissime: reclusione fino a tre anni, multe fino a 25.000 euro, sequestro delle merci, inibizione dall’attività. Per parte nostra auspichiamo che le autorità competenti  facciano con sollecitudine i necessari controlli, al fine di scongiurare il consumarsi di illeciti di tale gravità ai danni dei cittadini-consumatori del territorio modenese.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]