Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Nuove terapie per il Morbo di Crohn, il Policlinico partecipa a uno studio internazionale

L’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena in prima linea nella lotta la Malattia  di Crohn. Il Policlinico di Modena – con la Struttura Complessa di Gastroenterologia diretta dalla prof.ssa Erica Villa e con la Struttura Complessa di Chirurgia d’Urgenza e Chirurgia Generale d’Urgenza e Oncologica, diretta dalla prof.ssa Roberta Gelmini – è tra gli 11 centri italiani individuati per uno studio clinico internazionale che dovrà valutare l’efficacia delle cellule staminali nel trattamento delle fistole perianali nella Malattia di Crohn. Nei giorni scorsi è stato effettuato il primo impianto di staminali su un paziente di 33 anni seguito da 8 anni presso l’Ambulatorio delle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali (MICI) della Gastroenterologa, nella sale operatorie del Policlinico. Si tratta di uno dei primi casi trattati con un intervento del genere in Emilia – Romagna. Ad oggi il paziente sta bene e non ci sono segni di recidiva attiva della patologia perianale

Lo studio – spiega la prof. Erica Villa di UNIMORE, Direttore della Gastroenterologia e del Dipartimento ad Attività Integrata di Medicine Specialistiche – è stato avviato nel 2017 per confermare l’efficacia e la sicurezza di una singola somministrazione di cellule staminali del tipo Cx601 per il trattamento delle fistole perianali complesse nei pazienti con malattia di Crohn. Si tratta di uno studio di Fase III a doppio cieco, cioè nel quale il paziente non sa se viene trattato con il farmaco o il placebo. Lo studio continuerà per tutto 2020. Per noi è un onore essere tra gli undici centri in Italia a partecipare alla sperimentazione”. Oltre a Modena, in Emilia – Romagna anche Bologna e Cento partecipano alla sperimentazione.

La Malattia di Crohn (o enterite regionale granulomatosa) è una malattia cronica dell’apparato digerente che comporta diversi disturbi funzionali gastrointestinali ed extra-intestinali secondari (tra cui spiccano quelli epatici, articolari, dermatologici e sistemici). “Questa malattia – conclude la prof. Villapuò colpire “a salto” il tratto gastrointestinale dalla bocca all’ano, la sede maggiormente coinvolta è l’ultima ansa ileale ove si osservano lesioni di tipo erosivo-ulceroso di diversa gravità; nel 20% dei pazienti tale patologia può complicarsi con malattia fistolosa perianale. Il Cx601 è la prima terapia con cellule staminali allogeniche a ricevere parere positivo del CHMP in Europa. Questo trattamento offre una nuova potenziale opzione terapeutica per pazienti in cui le fistole abbiano mostrato una risposta inadeguata ad almeno una terapia convenzionale o biotecnologica con antiTNF alfa”.

Le cellule staminali sono impiantate in sala operatoria dal chirurgo generale in stretta collaborazione con il gastroenterologo-endoscopista di riferimento, entrambe figure professionali imprescindibili nell’ottica del trattamento multidisciplinare di queste patologie” aggiunge la prof Roberta Gelmini di UNIMORE direttore della Struttura Complessa di Chirurgia d’Urgenza e Chirurgia Generale d’Urgenza e Oncologica e componente del gruppo di lavoro delle Rete Regionale delle MICI

L’intervento – come spiegano il dottor Giovanni Rolando, il chirurgo che ha materialmente operato il paziente e la dr.ssa Angela Bertani Gastroenterologo-Endoscopista referente per le MICI del Policlinico di Modena e per la rete Regionale MICI – si svolge in due sedute, la prima di preparazione in cui si identificano i tramiti fistolosi, si bonificano le cavità ascessuali e si inseriscono i fili di setone che permettono il drenaggio dei tramiti. Il secondo intervento eseguito dopo almeno 2 settimane dal primo prevede la rimozione dei setoni, la chiusura degli orifizi interni al canale anale e la inoculazione lungo i tramiti fistolosi del farmaco o del placebo”.

In Sala, oltre al dottor Rolando e al dottor Alessandro Tarantini della chirurgia generale, erano presenti la gastroenterologa-endoscopista dr.ssa Angela Bertani e l’Anestesista dr. Lorenzo Dall’Ara.

Attualmente sono oltre 1000 i pazienti con MICI che afferiscono all’ambulatorio dedicato della Gastroenterologia del Policlinico di Modena, di cui la metà circa con malattia di Crohn riconosciuto come centro di riferimento spoke della AOU di Modena della rete regionale delle MICI. Di questi pazienti è verosimile che altri 2 possano essere trattati in futuro con questa metodica.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]
    Mario Veronesi come Bill Gates e Steve Jobs: ecco come si racconta il biomedicale di Mirandola
    Mario Veronesi come Bill Gates e Steve Jobs: ecco come si racconta il biomedicale di Mirandola
    Come quelli americani, è un sogno nato in un garage, racconta il professor Simone Ferriani per spiegare l'incredibile ascesa del distretto[...]
    Meteo, gennaio freddo, ma non da record. In linea con la media 1991-2020
    Meteo, gennaio freddo, ma non da record. In linea con la media 1991-2020
    Il giorno più freddo del mese è stato il giorno 19 con una temperatura pari a -1.7°C, non particolarmente rigido se paragonato al 28 febbraio 2018 con i suoi -5.2°C o al 7 gennaio 2017 con -4.2°C[...]