Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Sanzioni più giuste e controllo più serrato del territorio: la nuova via del comandante Gianni Doni

MIRANDOLA, SAN FELICE, CONCORDIA, MEDOLLA, CAMPOSANTO, SAN POSSIDONIO E SAN PROSPERO – Sanzioni più giuste e controllo più serrato del territorio: è la nuova via del comandante Gianni Doni, che ha reso omogenee, e quindi più giuste, le sanzioni in vigore tra un Comune e l’altro e ha varato il nuovo strumento del Daspo per arginare il degrado nei paesi.

Lo strumento è l’approvazione del nuovo regolamento di polizia urbana avvenuta di recente abbiamo colto l’occasione per chiedere un incontro al Comandante del Corpo di Polizia Locale dell’Unione Comuni Modenesi Area Nord, Gianni Doni, sia per discuterne i punti salienti, come il nuovo DASPO per chi turba ripetutamente la quiete pubblica, sia per fare un punto della situazione sull’anno passato nella sede provvisoria di San Possidonio, dopo lo spostamento obbligato dal rogo appiccato nel maggio scorso e in procinto dello spostamento presso la nuova sede provvisoria presso il tecnopolo di Mirandola, che dovrebbe avvenire tra marzo e aprile. Lo abbiamo incontrato nel suo ufficio in centro a Mirandola, dove è diviso (gli altri uffici sono nel palazzo comunale di San Possdionio) il Corpo di Polizia Locale dopo che la sede storica di via Roma è stata resa inagibile dall’incendio.

Esaminando questo anno passato, partendo dal suo arrivo il 2 Gennaio del 2019, il comandante Doni traccia un bilancio estremamente positivo sia da parte dell’attività di controllo della polizia comunale sia dal punto di vista di rispetto delle leggi da parte dei cittadini. Le attività di controllo sono state tutte incrementate in misura considerevole, con un aumento ad esempio di posti di controllo stradale da 938 del 2018 a 1500 nel 2019 (con un conseguente e proporzionale incremento di veicoli controllati). Un dato impressionante riguarda gli alcol-test, passati da 1752 a 12.418.
Altre tipologie di controlli incrementati sono stati quelli edilizi, ambientali, sul commercio e di regolarità del lavoro. Questi dati, che testimoniano un notevole impegno nel tenere monitorata la situazione nei nostri territori, non devono tuttavia essere confusi con una particolare incidenza di reati o irregolarità. La realtà è, infatti, esattamente l’opposto: il rapporto tra controlli e sanzioni fa emergere un quadro di un territorio particolarmente sano, dove la percentuale dei reati in esame è molto bassa, in alcuni casi dello zero virgola, come ad esempio riguardo i verbali per guida sotto l’effetto dell’alcool, pari allo 0.25% del totale dei controlli, mancata assicurazione, 0.17% dei controlli o di guida senza patente, appena lo 0.08% dei casi. Anche in ambiti non stradali il rapporto è molto buono, con appena 16 sanzioni ad esercizi commerciali su 711 controlli o 57 violazioni ambientali accertate a fronte di 495 controlli.

La facilità nei controlli e nello svolgimento del lavoro futura sarà inoltre aumentata dal nuovo regolamento di Polizia Urbana, adottato a partire da questo nuovo anno, che è andato a sostituire e unificare i precedenti 7 regolamenti distinti propri di ciascun comune aderente al corpo di polizia unico. Aderiscono al Corpo, infatti, sette dei nove Comuni Area Nord. Finale Emilia e Cavezzo sono fuori, mentre sono compresi Mirandola, Concordia, San Possidonio, San Felice, Camposanto, Medolla e San Prospero.
Questa unificazione andrà a semplificare notevolmente il lavoro dei vigili, che prima si potevano trovare in difficoltà a gestire infrazioni identiche ma regolate da regolamenti differenti, a seconda del territorio su cui venivano commesse (comprese le situazioni, letteralmente di limite, dove da un lato della strada vigeva un regolamento mentre su quella opposta un altro), permettendo così di impiegare più tempo e risorse al controllo attivo.
Un elemento che ha già fatto parlare di se in questo regolamento è il provvedimento di DASPO (termine calcistico/sportivo che indica il divieto di accesso allo stadio) dai territori del comune dove si è tenuto un comportamento lesivo della facoltà della popolazione di usufruire degli spazi pubblici: accattoni molesti, ubriachi, teppisti e danneggiatori vari, solo per fare qualche esempio.
Questo provvedimento, previsto nei decreti sicurezza e che è già stato adottato a San Felice, ci è stato spiegato nel dettaglio dal comandante, che ne ha evidenziato la gradualità: ad una persona che assuma atteggiamenti che mettano in discussione la libera fruizione degli spazi pubblici da parte dei cittadini, la polizia ha facoltà di intimare un ordine di allontanamento, accompagnato da una sanzione pecuniaria. In caso di recidiva l’ordine può essere ripetuto alla persona, accompagnandolo con una nuova sanzione monetaria pari a tre volte quella originale e, se anche questo viene ignorato, il questore può adottare un foglio di via (il vero e proprio DASPO), che ha durata minima di un anno e se viene violato comporta reato penale.
Il caso di San Felice, che è stato citato prima ad esempio, è alla seconda intimazione di allontanamento. Alla domanda su quale fosse la sua opinione in merito alla effettiva efficacia di questo tipo di provvedimento, il Comandante Doni si è detto convinto che il potere deterrente di questa norma sia e sarà sufficiente, anche grazie alla bassa (come abbiamo visto prima) percentuale di crimini di questo tipo sul nostro territorio.

Per quanto riguarda il futuro la polizia dell’unione si accinge a cambiare di nuovo la sua sede provvisoria, come detto in apertura, entro un mese circa, spostandosi all’interno del tecnopolo di Mirandola, in una posizione che ha suscitato anche qualche polemica da parte della Minoranza in consiglio comunale a Mirandola. Questa soluzione, a detta del Comandante, comporterà spese minime (si parla della sola installazione del’impianti di sorveglianza e delle inferriate) e permetterà di aspettare che venga individuata la sede definitiva che dovrà ospitare il corpo.

Di sicuro, infatti, non si tornerà più  in centro, nella palazzina di via Roma di proprietà comunale, in condivisione con appartamenti di edilizia popolare, che ha già drammaticamente dimostrato tutti i limiti che ha. Ma un’idea di sistemazione definitiva ancora manca, visto che è ancora lontana la realizzazione del progetto per la sede della polizia di Mirandola dove magari potevano trovare posto anche gli agenti del corpo locale.
Ci è stato riferito, infatti, che non è ancora stata scelto quello che sarà il fabbricato in cui la Polizia dell’unione troverà la sua sede finale e che tra individuazione e cantiere si dovrà aspettare almeno due anni. Per questo argomento, quindi, la palla è ancora in mano ai sindaci.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Era stato messo in vendita sul web, sul mercato antiquario. Il 22 gennaio, venerdì, si terrà una cerimonia pubblica per la riconsegna del manoscritto recuperato.[...]
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]