Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

1 maggio 2020: “Lavoro in Sicurezza: per Costruire il Futuro”

Non sarà il virus a impedirci di celebrare la Giornata del 1° Maggio.
“Lavoro in Sicurezza: per Costruire il Futuro” è lo slogan che Cgil, Cisl e Uil hanno scelto quest’anno per la giornata. Dopo l’annullamento della manifestazione nazionale inizialmente prevista a Padova, i sindacati lanceranno una grande campagna di informazione sulla tutela della salute e sul rispetto del protocollo sulla sicurezza in tutti i luoghi di lavoro.
Anche se Cgil Cisl Uil hanno dovuto rinunciare sia a livello nazionale che territoriale alle tradizionali manifestazioni di piazza, due sono gli appuntamenti nazionali del 1° Maggio: uno speciale del Tg3 con i leader sindacali Landini, Furlan e Barbagallo a partire dalle 12:20 sui temi del lavoro, della ripresa produttiva e dell’emergenza sanitaria. In serata (dalle ore 20 alle 24), invece, i tre segretari generali parteciperanno, sempre su Rai Tre, al grande evento musicale promosso dai sindacati e realizzato dalla Rai con collegamenti a distanza, riflessioni e testimonianze.

Di seguito le dichiarazioni dei segretari modenesi di Cgil Cisl Uil sul 1° Maggio 2020.

Manuela Gozzi segretaria Cgil Modena

“Stiamo per celebrare un 1° Maggio che ricorderemo a lungo, non solo perché si svolgerà in maniera del tutto inconsueta, senza cortei, comizi, concerti, senza una piazza. Ce lo ricorderemo perché mai come oggi ci siamo tutti resi conto di quanto sia indispensabile garantire la salute e la sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori. Vogliamo dirlo con chiarezza, e sappiamo di avere con noi tutte le persone che rappresentiamo: non possiamo permettere che si lavori senza la massima sicurezza, a garanzia della salute di tutti. Ci aspettano settimane e mesi complicati, forse ancora più difficili di quelli appena vissuti: il nostro territorio, Modena, ha bisogno di cogliere questa occasione, direi epocale, per ripensare al modello di produzione, che deve mettere al centro la persona, l’ambiente, la salute, la conoscenza e la dignità del lavoro. Quindi festeggiamo assieme questa giornata, dedicata a tutti coloro che con il loro lavoro ci hanno permesso di fronteggiare una terribile ed inattesa minaccia, e impegniamoci assieme per costruire un futuro giusto, equo, solidale e sicuro”.

William Ballotta segretario Cisl Emilia Centrale

Un 1° Maggio con la persona al centro.

La pandemia del coronavirus, con la sua drammatica progressione, ha ormai assunto i caratteri della tragedia umanitaria globale. La pretesa dell’ideologia sovranista di affrontare il fenomeno della pandemia in ordine sparso, Paese per Paese, e credo un virus culturale aggiuntivo. Per questo ritengo fondamentale ripartire dalla centralità della persona e quindi anche del lavoro.

L’analisi economica è certa: recessione dell’economia globale nel 2020, con il rischio di depressione che assocerebbe alla catastrofe economica e sociale la tragedia umana. Sono quindi necessarie oggi risposte straordinarie dei sistemi sanitari già ampiamente provati, ma anche risposte urgenti delle politiche economiche e soprattutto della capacità di innovazione, poiché i suoi effetti di distruzione produttiva, occupazionale, reddituale, sono comparabili solo ad una economia di guerra.

Occorrono strategie sistemiche, convergenti e coordinate che mettano al centro la persona e la sua dignità.

Dobbiamo partire dalla sicurezza delle persone, a tutti i suoi piani e sul luogo di lavoro per primo.

Le attuali debolezze e fragilità evidenziano con chiarezza che occorrano forme di azione collettiva responsabile, forme di cooperazione, di integrazione massima, di partecipazione, a partire dai Governi nazionali, ma anche dai nostri territori.

Solo con un nuovo e forte Patto di Comunità infatti potremo iniziare il cammino verso quella nuova normalità che tutti vogliamo raggiungere presto.

Luigi Tollari, segretario generale Cst Uil Modena e Reggio Emilia

Cari lavoratrici e lavoratori di Modena e Reggio Emilia Questo Primo Maggio si celebra nel contesto di un Paese ancora impegnato a contrastare un’emergenza sanitaria, la più difficile e drammatica della sua Storia. Non avremo la possibilità di essere presenti, come sempre, nelle piazze italiane. Ma abbiamo voluto essere partecipi e in viva voce per far giungere insieme il nostro messaggio di saluto e di cordoglio. Prima di tutto il nostro pensiero va alle migliaia di persone cadute vittima di questa pandemia: lo dobbiamo prima di tutto a loro, ai loro familiari , lo dobbiamo ai medici, agli operatori sanitari che si sono contagiati a migliaia per poterci curare, lo dobbiamo alle nostre famiglie oltre che a noi stessi. Il sindacato dovrà vigilare tramite i propri delegati, le proprie categorie, la propria rappresentanza sociale affinché la ripresa del lavoro avvenga nella massima sicurezza e per scongiurare il rischio di veder risalire col ritorno alla normalità, la curva dei contagi, l’insopportabile conta dei caduti, il dramma umano e sociale della saturazione delle terapie intensive, l’impossibilità di rendere un estremo saluto ai nostri cari. Abbiamo in queste settimane lavorato unitariamente per costruire le condizioni che, nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti, consentissero di condividere col mondo delle imprese e il Governo migliaia di accordi, di protocolli di sicurezza per poter riavviare le attività lavorative. Non si deve abbassare la guardia. Per questo vogliamo celebrare la Festa dei Lavoratori, dando forza ai temi e alle proposte che sono state il cardine delle posizioni espresse in ogni sede da parte di CGIL CISL UIL. Innanzitutto, abbiamo scelto uno slogan per questo Primo Maggio, “Il lavoro in sicurezza per costruire il futuro”. È importante che il lavoro resti protagonista anche e soprattutto in occasione di questo Primo Maggio: perché il lavoro è la leva fondamentale per restituire una prospettiva credibile per il futuro del nostro Paese e di coloro che rappresentiamo. Nel congedarmi voglio rassicurarvi che il sindacato sarà sempre al fianco delle lavoratrici e lavoratori per una vera ripresa economica del paese, che garantisca piena e buona occupazione per tutti. Viva il 1° Maggio. Viva Cgil, Cisl, Uil.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]