Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Confesercenti Modena: “La Fase 2 per i nostri operatori resta un miraggio”

MODENA – Commercio, ristorazione e servizi alla persona, dimenticati nella famosa Fase 2: Confesercenti Modena interviene con un giudizio assolutamente negativo sulla tempistica delle riaperture annunciata dal Presidente del Consiglio, che mette a rischio la prosecuzione di migliaia di attività.

Le tempistiche previste per i settori del commercio, della ristorazione e per parrucchieri ed estetisti – commenta Mauro Rossi Presidente Confesercenti Modena – sono inaccettabili e immotivate: riaprendo i negozi il 18 maggio e addirittura il 1 giugno si va ad aggravare un bilancio già tragico. C’è il rischio più che concreto che molti tengano chiuso per sempre e che questo lockdown prolungato scateni tensioni sociali di difficile gestione”.

I dati nazionali parlano chiaro: il prolungamento della sospensione delle attività costerà altri 10 miliardi di fatturato, in un momento in cui le imprese stanno ancora aspettando di fruire delle misure di sostegno di marzo: dal bonus all’accesso al credito agevolato.

L’annuncio in conferenza stampa fatto dal premier Conte è stato una doccia fredda – prosegue Rossi – apprendere che il commercio al dettaglio potrà riaprire il 18 maggio e i pubblici esercizi come bar, ristoranti e parrucchieri addirittura il 1 giugno è una pessima notizia, che condannerà alla chiusura moltissime attività già oggi stremate da mesi di chiusura forzata e tutt’ora private di concrete misure di sostegno.L’aspettativa era molto diversa: da settimane circolavano piani che davano la ripresa delle nostre attività con date ben diverse. Classificare il commercio come ad alto rischio di contagio è totalmente assurdo: già da ora le attività del commercio al dettaglio riaperte hanno garantito, in completa sicurezza, un presidio fondamentale di servizio alla comunità. Le nostre categorie sono più che pronte alla riapertura e hanno già studiato specifici protocolli di sicurezza, per questo chiediamo con forza che il calendario annunciato venga rivisto. Inoltre – prosegue Rossi – mancano del tutto risposte per il comparto turistico, le cui attività sono ancora in uno stato di profonda incertezza, senza fatturato e senza prospettive per il futuro. Migliaia di attività del terziario – commercio e servizi – rischiano, di fatto, di scomparire: soprattutto le piccole e micro imprese che non hanno la forza per resistere a ulteriori 20 giorni di chiusura e i pubblici esercizi come bar e ristoranti che devono attendere addirittura oltre 1 mese, per non parlare del settore del commercio su area pubblica che non trova patria nell’annuncio del premier. La cosa che le imprese oggi chiedono è solo una: riaprire al più presto. Dobbiamo trovare delle soluzioni per coniugare salute e ripartenza, altrimenti l’emergenza sanitaria diventerà una catastrofe economica paragonabile a una guerra. Inoltre le attività che riusciranno a sopravvivere a mesi di forzata inattività riprenderanno in uno stato di grave sofferenza. La possibilità all’orizzonte è di avere danni gravissimi a imprese e lavoro, con un aumento delle chiusure delle attività e un incremento della disoccupazione”.

Confesercenti Modena esprime forte preoccupazione perché, se queste date saranno mantenute molte attività sceglieranno di non riaprire e quei pochi che ci riusciranno è probabile che diventino esercizi commerciali per eletti. “Ci sarà una reazione del mercato e dei consumatori – conclude Rossi – ma il rischio più elevato è che il delicato equilibrio economico su cui già prima ci reggevamo cada del tutto: è importante capire che chiudere una serranda è molto più facile che aprirla. Turismo, commercio al dettaglio, piccola manifattura sono tre eccellenze italiane che rischiano di pagare un prezzo altissimo per via di questo lockdown prolungato. Occorre che le date della Fase 2 vengano immediatamente riviste“.

Le attività commerciali, artigianali e di servizio di vicinato, così come i mercati ambulanti, rappresentano un punto di riferimento sicuro, proprio perché di prossimità, e possono riaprire in tutta sicurezza, rispettando i protocolli già condivisi e sottoscritti. E lo stop è ancora più grave se si considera che, a tutt’oggi, gli imprenditori non hanno alcuna certezza rispetto agli aiuti annunciati, pure a fondo perduto, che dovrebbero essere emanati in settimana.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    La maestosità e il pregio delle piante richiede di intervenire in arrampicata, così si può intervenire esclusivamente sui rami con problematiche mantenendo la naturale conformazione della chioma.[...]
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro. La biologa finalese Eleonora Tomasini ci spiega che cosa sta accadendo[...]
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]