Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Coronavirus e le imprese della Bassa: paura per l’export e poca liquidità -L’INTERVISTA

SOLIERA- Paura per l’export e mancanza di liquidità: è questo il quadro delineato da Massimo Bonora, di Soliera, responsabile commerciale della Commerciale Fond chesi occupa di alluminio, ghisa  e bronzo. Già consigleire comunale per il Movimento 5 stelle a Soliera, non ha perso lo slancio per le denunce sulle cose che non vanno e per raccontare, invece,quanto c’è di buono sul territorio. Come ad esempiola storia  della Tecnoguarnizioni di Soleira, che ha potenziato il suo lavoro unendo le competenze acquisite e valorizzando quello che per loro era già una normale produzione consolidata, creando una maschera a semicalotta in policarbonato, indicata per la protezione del viso e degli occhi.

La visiera è adatta sia per le applicazioni che già Tecnoguarnizioni realizza in campo medico da decenni, che per le attività produttive delle aziende che vogliano tutelare maggiormente i propri dipendenti. Ma la nuova maschera è un articolo che va a completare la protezione delle mascherine respiratorie, può essere utilizzato con occhiali da vista, è riutilizzabile e facilmente igienizzabile

Una storia positiva, di riesilenzia e coraggio, come tante che vi abbiamo raccontato. Proviamo adesso, con Bonora, a fare un discorso di più ampio respiro: abbiamo voluto fare il punto con lui su quel che sta accadendo alle imprese della Bassa con le ordinanze Coronavirus.

Maggio è ancora lontano e l’economia trema. Il Coronavirus sta mettendo alle strette molti settori, spingendo le imprese, dove possibile, a sviluppare forme di lavoro alternative grazie alle nuove tecnologie (dallo smart working alle teleconferenze). Ma il vero problema è per quelle aziende per cui la prestazione lavorativa non può essere resa da remoto: ci sono prodotti impossibili da produrre in smart working.

Bonora, lei è un responsabile commerciale, come sta affrontando il lockdown la sua azienda?

Io sono, appunto, un commerciale. Il codice Ateco della mia azienda non ci permette di continuare a lavorare a pieno regime. Ma essendo fornitori di metalli per l’industria e avendo diversi clienti in tutto il territorio, che producono/lavorano materiale per ditte strategiche autorizzate (dall’alimentare al farmaceutico), ci è stato concesso di fornire diverse commesse, utili a far proseguire l’attività a quelle imprese che il Governo ha ritenuto utili per il sistema Paese. Tutto ciò ha ovviamente comportato dei sacrifici, che l’azienda ha chiesto a tutti i dipendenti: con organizzazione e rotazione del personale di tutti i reparti, siamo riusciti a far fronte alle richieste in maniera sicura ed evitando i contatti ravvicinati.

Altri commerciali, seguendo le indicazioni governative, hanno lavorato da casa, con i colleghi che venivano attivati fisicamente in azienda per ottemperare alle commesse.

I suoi clienti sono sparsi per tutto il territorio, quali segnali ha colto?

Il segnale è quello di sofferenza, l’incertezza del momento e della riapertura rende lo scenario preoccupante. Sappiamo che qualche grande azienda sta programmando la riapertura, ovviamente in regime di sicurezza, questo ci fa sperare in una ripresa delle attività. Non sarà a pieno regime e ci costringerà a una programmazione del piano lavorativo “alla giornata”, ma speriamo di iniziare a vedere segnali di reazione e di risveglio.

Registro qualche preoccupazione delle aziende che esportano: hanno giustificato timore che i loro clienti, non ricevendo le forniture e dovendo proseguire con la propria produzione, si possano rivolgere altrove, con tutte le possibili conseguenze che possiamo immaginare.

Inoltre c’è un dato preoccupante che questa chiusura forzata ci lascia: i pagamenti. Le aziende più deboli finanziariamente avranno difficoltà a rispettare gli impegni presi e anche quelle più solide saranno investite dagli insoluti bancari. Insomma oggi più che mai è il momento di tenere i nervi saldi e fare squadra, fare sistema sarà fondamentale nell’immediato futuro.

Per quanto riguarda la sua azienda, avete ricevuto revoche degli ordini?

Si, abbiamo avuto degli annullamenti e delle sospensioni. Si spera momentanee. Ma niente di eclatante fortunatamente.

Lei che vive in prima persona il settore delle industrie, cosa succederà alle imprese una volta che l’emergenza sarà rientrata?

Sarà un’incognita. Non tanto nell’immediato, dove credo ci potrà essere una reazione, ma è sul medio e lungo periodo che bisogna dare continuità. E’ importante  “fare sistema” ed è necessario che il sistema associativo, politico e finanziario sostenga la produttività. Magari facendo in modo che questa esperienza insegni qualcosa a tutti noi. Ci vuole meno individualismo e più collaborazione, infondo siamo tutti legati.

Ho una strana sensazione: avendo vissuto il terremoto della Bassa, sento che questa sia un’emergenza molto simile, anche se più estesa. Dimostriamo chi siamo, ce la possiamo fare.

 

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    La maestosità e il pregio delle piante richiede di intervenire in arrampicata, così si può intervenire esclusivamente sui rami con problematiche mantenendo la naturale conformazione della chioma.[...]
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro. La biologa finalese Eleonora Tomasini ci spiega che cosa sta accadendo[...]
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]