Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Coronavirus e Fase 2: Noi, anziani in prigione- LETTERE AL DIRETTORE

Salus et historia, una lettera aperta di Giuseppe Sgubbi di Solarolo, in provincia di Ravenna, responsabile dell’associazione “Gli angeli della salute”. La pubblichiamo in forma integrale:

“Noi anziani non soffriamo in quanto, dovendo mantenere le distanze, nessuno può “amarci”, ma soffriamo in quanto, dovendo mantenere le distanze, non
possiamo “amare” più nessuno. Atroce miseria e definitivo squallore.”

Spettabili Operatori Sanitari, perciò responsabili dalla nostra salute.

SIAMO DEGLI ANZIANI, perciò un “peso” per la società, ma, pur sapendo che gli anni da vivere non saranno tanti, abbiamo ancora tanta voglia di vivere, ci riteniamo ancora utili. Come abbiamo sempre fatto, vogliamo ancora dare senza chiedere niente, vogliamo dare fino all’ultimo respiro, proprio per questa ragioni faremo di tutto per arrivare alla morte, ancora da vivi.
Purtroppo dobbiamo amaramente constatare che Voi non ci conoscete abbastanza, dicendoci di stare a casa, non sapete che per noi significa morte prematura. Se abbiamo capito le vostre intenzioni, nella fase due, noi saremmo gli ultimi a poter uscire da casa. Attenzione, sarà bene che ci fate uscire per primi, diversamente non usciremo per niente, oppure usciremo per andare all’ospedale, se non all’obitorio. Ironia della sorte, dicendoci di stare a casa, volete convincerci che lo fate perché ci volete bene. Vi preghiamo, smettete di volerci bene, iniziate a volerci male, odiateci, smettete di preoccuparvi di noi.
Se occorre firmiamo il “consenso informato” ove abbiamo scritto che se ci arrangiamo da soli, andremo meglio.
Tenendoci in “prigione”, ci impedite di voler bene, anzi ci condannate a non voler bene.
Una società non può definirsi civile se impedisce ai suoi sudditi di poter fare del bene, se si impedisce di aiutare gli altri.
Nel cercare di aiutare un nipotino, abbiamo commesso un grave reato. Siamo stati fortunati, ce la siamo cavati con una multa, ma sappiamo che se “pescati” di nuovo in fallo, potremmo essere arrestati. Se poi cocciutamente insistiamo, rischiamo il patibolo.
Prendiamo atto che state cercando di bloccare il contagio, ci rendiamo anche noi conto che l’emergenza non è ancora finita, e solo quando sarà finita si potrà tornare ad una vita normale. Purtroppo i tempi saranno ancora lunghi, noi temiamo che quando tornerà la normalità non saremo più in grado di svolgere quel poco che vorremmo fare, un poco che per noi è lo scopo della nostra vita.
Il nostro futuro lo vediamo buio, lo stare fermi a casa è la nostra rovina. Che facciamo a casa? Guardando la televisione, vediamo delle bare, vediamo delle fosse comuni, vediamo delle persone intubate.
Sarebbe meglio essere ciechi.
Sarebbe meglio essere anche sordi, dai bollettini apprendiamo che i contagiati sono milioni, che i morti sono centinaia di migliaia, che siamo in guerra.
Continuando di questo passo vi saranno più morti di paura che di virus. Sicuramente diventeremo tutte depressi, tutti con patologie degenerative, consumeremo, con grande gioia delle case farmaceutiche, quintali di psicofarmaci, (antidepressivi, ansiolitici, antipsicotici).
Al seguito del coronavirus ci sono dei morti e ce ne saranno ancora, ma ci saranno anche dei vivi. Come è noto molte coppie giovani, forzatamente costrette alla “clausura”, non sapendo come passare il tempo, avranno fatto sesso. Prossimamente le culle saranno riempite dai figli del coronavirus, o meglio dai figli della paura, chissà se questi neonati li vedremo sorridere.
Che fare? Ci permettiamo di dare qualche consiglio.
In attesa che si torni alla normalità, fateci immediatamente uscire da casa, non andremo in mezzo alla gente, andremo in campagna, in montagna, nelle rive dei fiumi. Una boccata di aria non ci basta più, dobbiamo girare, in caso contrario perdiamo le gambe. Ma entro brevissimo tempo, seppur con un po’ di rischio, mettete gli anziani con gli anziani, ed giovani con i giovani . Vi sono tante associazioni gestite da anziani, ove si gioca a carte, si gioca a bocce, ebbene dite a loro che possono aprire, che possono finalmente programmare le loro attività, date a loro ed a noi fiducia, non faremo assembramenti, terremo le mascherine.
Se cosi sarà fatto, finita l’emergenza, noi saremo ancora in piena forma e potremo svolgere compiti importanti per la società.
Abbiate pietà di noi, vorremmo morire contenti.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]