Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Coronavirus e Fase 2: Noi, anziani in prigione- LETTERE AL DIRETTORE

Salus et historia, una lettera aperta di Giuseppe Sgubbi di Solarolo, in provincia di Ravenna, responsabile dell’associazione “Gli angeli della salute”. La pubblichiamo in forma integrale:

“Noi anziani non soffriamo in quanto, dovendo mantenere le distanze, nessuno può “amarci”, ma soffriamo in quanto, dovendo mantenere le distanze, non
possiamo “amare” più nessuno. Atroce miseria e definitivo squallore.”

Spettabili Operatori Sanitari, perciò responsabili dalla nostra salute.

SIAMO DEGLI ANZIANI, perciò un “peso” per la società, ma, pur sapendo che gli anni da vivere non saranno tanti, abbiamo ancora tanta voglia di vivere, ci riteniamo ancora utili. Come abbiamo sempre fatto, vogliamo ancora dare senza chiedere niente, vogliamo dare fino all’ultimo respiro, proprio per questa ragioni faremo di tutto per arrivare alla morte, ancora da vivi.
Purtroppo dobbiamo amaramente constatare che Voi non ci conoscete abbastanza, dicendoci di stare a casa, non sapete che per noi significa morte prematura. Se abbiamo capito le vostre intenzioni, nella fase due, noi saremmo gli ultimi a poter uscire da casa. Attenzione, sarà bene che ci fate uscire per primi, diversamente non usciremo per niente, oppure usciremo per andare all’ospedale, se non all’obitorio. Ironia della sorte, dicendoci di stare a casa, volete convincerci che lo fate perché ci volete bene. Vi preghiamo, smettete di volerci bene, iniziate a volerci male, odiateci, smettete di preoccuparvi di noi.
Se occorre firmiamo il “consenso informato” ove abbiamo scritto che se ci arrangiamo da soli, andremo meglio.
Tenendoci in “prigione”, ci impedite di voler bene, anzi ci condannate a non voler bene.
Una società non può definirsi civile se impedisce ai suoi sudditi di poter fare del bene, se si impedisce di aiutare gli altri.
Nel cercare di aiutare un nipotino, abbiamo commesso un grave reato. Siamo stati fortunati, ce la siamo cavati con una multa, ma sappiamo che se “pescati” di nuovo in fallo, potremmo essere arrestati. Se poi cocciutamente insistiamo, rischiamo il patibolo.
Prendiamo atto che state cercando di bloccare il contagio, ci rendiamo anche noi conto che l’emergenza non è ancora finita, e solo quando sarà finita si potrà tornare ad una vita normale. Purtroppo i tempi saranno ancora lunghi, noi temiamo che quando tornerà la normalità non saremo più in grado di svolgere quel poco che vorremmo fare, un poco che per noi è lo scopo della nostra vita.
Il nostro futuro lo vediamo buio, lo stare fermi a casa è la nostra rovina. Che facciamo a casa? Guardando la televisione, vediamo delle bare, vediamo delle fosse comuni, vediamo delle persone intubate.
Sarebbe meglio essere ciechi.
Sarebbe meglio essere anche sordi, dai bollettini apprendiamo che i contagiati sono milioni, che i morti sono centinaia di migliaia, che siamo in guerra.
Continuando di questo passo vi saranno più morti di paura che di virus. Sicuramente diventeremo tutte depressi, tutti con patologie degenerative, consumeremo, con grande gioia delle case farmaceutiche, quintali di psicofarmaci, (antidepressivi, ansiolitici, antipsicotici).
Al seguito del coronavirus ci sono dei morti e ce ne saranno ancora, ma ci saranno anche dei vivi. Come è noto molte coppie giovani, forzatamente costrette alla “clausura”, non sapendo come passare il tempo, avranno fatto sesso. Prossimamente le culle saranno riempite dai figli del coronavirus, o meglio dai figli della paura, chissà se questi neonati li vedremo sorridere.
Che fare? Ci permettiamo di dare qualche consiglio.
In attesa che si torni alla normalità, fateci immediatamente uscire da casa, non andremo in mezzo alla gente, andremo in campagna, in montagna, nelle rive dei fiumi. Una boccata di aria non ci basta più, dobbiamo girare, in caso contrario perdiamo le gambe. Ma entro brevissimo tempo, seppur con un po’ di rischio, mettete gli anziani con gli anziani, ed giovani con i giovani . Vi sono tante associazioni gestite da anziani, ove si gioca a carte, si gioca a bocce, ebbene dite a loro che possono aprire, che possono finalmente programmare le loro attività, date a loro ed a noi fiducia, non faremo assembramenti, terremo le mascherine.
Se cosi sarà fatto, finita l’emergenza, noi saremo ancora in piena forma e potremo svolgere compiti importanti per la società.
Abbiate pietà di noi, vorremmo morire contenti.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    Alcune scene del video sono state registrate prima del DPCM dell'8 marzo 2020[...]