Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Coronavirus, serve un cantiere per la Fase 2 della scuola

Il Sindacato Scuola Flc Cgil Modena ha rilasciato un comunicato per chiedere chiarezza sulla didattica e sulla ripartenza. Lo riportiamo integralmente:

Per quest’anno scolastico la scuola non riaprirà: non ci sono e non ci potranno essere da qui a giugno le condizioni per un rientro in classe sicuro. Sarebbe folle solo pensarlo.
E fino alla fine di quest’anno si dovrà continuare con il lavoro di queste settimane sulla Didattica a Distanza.
Proprio per questo ogni sforzo deve essere concentrato su come dovrà iniziare e proseguire, in sicurezza, il prossimo anno scolastico.
Sono poche anche le certezze sulla riapertura delle scuole per il prossimo anno scolastico: qualche dichiarazione dagli ambienti del Ministero fa capire che ci si sta lavorando, ma quale sia il piano, o i piani, nessuno a oggi lo sa ancora.

E allora bisogna cominciare a mettere in fila le cose e a dire e chiarire che se a settembre la scuola non sarà in grado di ripartire con la modalità in presenza sarà un problema enorme, e non sarà un problema soltanto per la scuola.
Il blocco di tutte le attività produttive ed economiche non c’è stato: sono migliaia le aziende che, anche a Modena, attraverso deroga o autocertificazione si sono infilate in presunte filiere delle attività essenziali. Tutti i segnali di queste ore ci dicono poi che presto ripartiranno anche tutte le altre.
Non mi interessa – qui – ragionare sull’opportunità o meno, né su quali modalità e con quali protocolli. Mi fermo soltanto a segnalare il rischio del cortocircuito che questo scenario produrrà nelle famiglie con genitori/lavoratori e figli/studenti. Soprattutto se studenti delle scuole del primo ciclo: come funzionerà e come sarà organizzata la scuola a settembre avrà un effetto domino sul resto della società.

Nessuno è in grado di ipotizzare il contesto epidemiologico che ci ritroveremo a settembre. Guardando all’oggi, però, quanto è immaginabile, tra 5 mesi, trovarsi autobus affollati alle 7 e mezzo del mattino e aule con 24/25 alunni (quando va bene..) seduti gli uni accanto agli altri dalle 8 alle 13? E quanto ci lasciano tranquilli queste immagini? Quanto ci lascia tranquilli pensare ai nostri figli e ai nostri studenti dentro a questi contesti?

In questi giorni diversi osservatori si esercitano a proporre scenari che vanno da un inizio con Didattica a Distanza tout court per un periodo indefinito, ai doppi turni, fino a un mix di DaD e lezioni in presenza.

Se non ci saranno le condizioni per tornare in aula sarà ancora Didattica a Distanza (Quale? Come? Con un po’ di linee guida o lasciando tutto, ancora una volta, allo spontaneismo?).
Ma se un qualche rientro invece ci sarà, allora siamo fin troppo in ritardo nella programmazione di quale rientro potrà essere a fronte delle condizioni che saranno date.

Perché a questo ritardo non seguano danni da improvvisazione e raffazzonamento serve iniziare a mettere insieme da subito intelligenze e competenze che, a partire dai territori, inizino a declinare scenari e modalità della ripresa delle attività scolastiche.
Come si tornerà a scuola, e come si farà scuola, non può essere un problema soltanto della scuola: ci sono di mezzo i trasporti, i servizi di produzione e somministrazione dei pasti per i più piccoli, la possibilità che la fibra, il wi-fi e ogni altro strumento di collegamento alla rete siano davvero fruibili per tutti, senza distinzione geografica o di portafoglio, la necessità di ridisegnare gli spazi e gli ambienti comuni delle scuole e le regole ed i protocolli di come viverli in sicurezza. E se gli spazi delle scuole non bastassero (e potrebbero non bastare se devi distanziare le persone) servirà trovare altri spazi e altri contenitori, rendendo fruibili quelli che ci sono già, perché non ci sarà il tempo per costruirne altri.
Così come serviranno più insegnanti, più tecnici, più collaboratori scolastici.
E se si dovrà fare i conti anche con le paure e i timori che queste settimane hanno acceso in tutti noi, e che nei bambini e nei ragazzi potrebbero avere un peso specifico maggiore, allora forse serviranno anche quelle figure e quei professionisti che possano aiutare a rendere meno invasive e meno invalidanti quelle paure e quei timori.
Sono queste le intelligenze e le competenze che servono: quelle del mondo del lavoro, della scuola, della sanità, degli amministratori locali, del mondo delle professioni e dell’associazionismo.
Vanno individuate subito e da subito rese operative.

Non sappiamo se e come lo farà il governo, se e come si attiverà il ministero.
Sappiamo però che non possiamo permetterci il lusso di aspettare ancora: si deve partire dove si può, dove ci sono le energie e le condizioni – storiche, strutturali, di cultura amministrativa – per poter partire immediatamente.
L’Emilia-Romagna, Modena, queste energie e queste condizioni le hanno.
Hanno anche qualcosa in più: la storia della scuola dell’Italia democratica e repubblicana ci racconta che proprio qui ci sono state le intuizioni e le risorse che hanno fatto nascere pratiche e modelli che sono stati da esempio per tutta l’Italia e spesso anche un riferimento per altri paesi: è qui che nasce il primo nido d’infanzia pubblico, qui nasce il tempo pieno alle elementari. E’ proprio a Modena che nascono le prime esperienze che porteranno poi al riconoscimento delle 150 ore per il diritto allo studio prima per i metalmeccanici e poi per tutti gli altri lavoratori.
Qui il governo da parte del pubblico, il movimento dei lavoratori, le intelligenze diffuse, hanno permesso di creare, hanno permesso di fare, di fare bene e fare prima quei modelli che poi sono stati in grado di diventare sistemi efficaci e virtuosi.
Adesso abbiamo l’urgenza di riscoprire quelle storie e quella tradizione che vanno messe insieme all’intelligenza e alla lungimiranza di capire qual è la posta in gioco, e alla necessità di raccogliere questo appello e partire immaginando e programmando la scuola e la società che sarà. Subito!

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]
    Meteo, gennaio freddo, ma non da record. In linea con la media 1991-2020
    Meteo, gennaio freddo, ma non da record. In linea con la media 1991-2020
    Il giorno più freddo del mese è stato il giorno 19 con una temperatura pari a -1.7°C, non particolarmente rigido se paragonato al 28 febbraio 2018 con i suoi -5.2°C o al 7 gennaio 2017 con -4.2°C[...]
    Tortellini, Lambrusco e Duomo di Modena, una moneta celebra l'Emilia-Romagna e la modenesità
    Tortellini, Lambrusco e Duomo di Modena, una moneta celebra l'Emilia-Romagna e la modenesità
    La Zecca dello Stato ha presentano la nuova Collezione Numismatica 2021[...]