Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Coronavirus, serve un cantiere per la Fase 2 della scuola

Il Sindacato Scuola Flc Cgil Modena ha rilasciato un comunicato per chiedere chiarezza sulla didattica e sulla ripartenza. Lo riportiamo integralmente:

Per quest’anno scolastico la scuola non riaprirà: non ci sono e non ci potranno essere da qui a giugno le condizioni per un rientro in classe sicuro. Sarebbe folle solo pensarlo.
E fino alla fine di quest’anno si dovrà continuare con il lavoro di queste settimane sulla Didattica a Distanza.
Proprio per questo ogni sforzo deve essere concentrato su come dovrà iniziare e proseguire, in sicurezza, il prossimo anno scolastico.
Sono poche anche le certezze sulla riapertura delle scuole per il prossimo anno scolastico: qualche dichiarazione dagli ambienti del Ministero fa capire che ci si sta lavorando, ma quale sia il piano, o i piani, nessuno a oggi lo sa ancora.

E allora bisogna cominciare a mettere in fila le cose e a dire e chiarire che se a settembre la scuola non sarà in grado di ripartire con la modalità in presenza sarà un problema enorme, e non sarà un problema soltanto per la scuola.
Il blocco di tutte le attività produttive ed economiche non c’è stato: sono migliaia le aziende che, anche a Modena, attraverso deroga o autocertificazione si sono infilate in presunte filiere delle attività essenziali. Tutti i segnali di queste ore ci dicono poi che presto ripartiranno anche tutte le altre.
Non mi interessa – qui – ragionare sull’opportunità o meno, né su quali modalità e con quali protocolli. Mi fermo soltanto a segnalare il rischio del cortocircuito che questo scenario produrrà nelle famiglie con genitori/lavoratori e figli/studenti. Soprattutto se studenti delle scuole del primo ciclo: come funzionerà e come sarà organizzata la scuola a settembre avrà un effetto domino sul resto della società.

Nessuno è in grado di ipotizzare il contesto epidemiologico che ci ritroveremo a settembre. Guardando all’oggi, però, quanto è immaginabile, tra 5 mesi, trovarsi autobus affollati alle 7 e mezzo del mattino e aule con 24/25 alunni (quando va bene..) seduti gli uni accanto agli altri dalle 8 alle 13? E quanto ci lasciano tranquilli queste immagini? Quanto ci lascia tranquilli pensare ai nostri figli e ai nostri studenti dentro a questi contesti?

In questi giorni diversi osservatori si esercitano a proporre scenari che vanno da un inizio con Didattica a Distanza tout court per un periodo indefinito, ai doppi turni, fino a un mix di DaD e lezioni in presenza.

Se non ci saranno le condizioni per tornare in aula sarà ancora Didattica a Distanza (Quale? Come? Con un po’ di linee guida o lasciando tutto, ancora una volta, allo spontaneismo?).
Ma se un qualche rientro invece ci sarà, allora siamo fin troppo in ritardo nella programmazione di quale rientro potrà essere a fronte delle condizioni che saranno date.

Perché a questo ritardo non seguano danni da improvvisazione e raffazzonamento serve iniziare a mettere insieme da subito intelligenze e competenze che, a partire dai territori, inizino a declinare scenari e modalità della ripresa delle attività scolastiche.
Come si tornerà a scuola, e come si farà scuola, non può essere un problema soltanto della scuola: ci sono di mezzo i trasporti, i servizi di produzione e somministrazione dei pasti per i più piccoli, la possibilità che la fibra, il wi-fi e ogni altro strumento di collegamento alla rete siano davvero fruibili per tutti, senza distinzione geografica o di portafoglio, la necessità di ridisegnare gli spazi e gli ambienti comuni delle scuole e le regole ed i protocolli di come viverli in sicurezza. E se gli spazi delle scuole non bastassero (e potrebbero non bastare se devi distanziare le persone) servirà trovare altri spazi e altri contenitori, rendendo fruibili quelli che ci sono già, perché non ci sarà il tempo per costruirne altri.
Così come serviranno più insegnanti, più tecnici, più collaboratori scolastici.
E se si dovrà fare i conti anche con le paure e i timori che queste settimane hanno acceso in tutti noi, e che nei bambini e nei ragazzi potrebbero avere un peso specifico maggiore, allora forse serviranno anche quelle figure e quei professionisti che possano aiutare a rendere meno invasive e meno invalidanti quelle paure e quei timori.
Sono queste le intelligenze e le competenze che servono: quelle del mondo del lavoro, della scuola, della sanità, degli amministratori locali, del mondo delle professioni e dell’associazionismo.
Vanno individuate subito e da subito rese operative.

Non sappiamo se e come lo farà il governo, se e come si attiverà il ministero.
Sappiamo però che non possiamo permetterci il lusso di aspettare ancora: si deve partire dove si può, dove ci sono le energie e le condizioni – storiche, strutturali, di cultura amministrativa – per poter partire immediatamente.
L’Emilia-Romagna, Modena, queste energie e queste condizioni le hanno.
Hanno anche qualcosa in più: la storia della scuola dell’Italia democratica e repubblicana ci racconta che proprio qui ci sono state le intuizioni e le risorse che hanno fatto nascere pratiche e modelli che sono stati da esempio per tutta l’Italia e spesso anche un riferimento per altri paesi: è qui che nasce il primo nido d’infanzia pubblico, qui nasce il tempo pieno alle elementari. E’ proprio a Modena che nascono le prime esperienze che porteranno poi al riconoscimento delle 150 ore per il diritto allo studio prima per i metalmeccanici e poi per tutti gli altri lavoratori.
Qui il governo da parte del pubblico, il movimento dei lavoratori, le intelligenze diffuse, hanno permesso di creare, hanno permesso di fare, di fare bene e fare prima quei modelli che poi sono stati in grado di diventare sistemi efficaci e virtuosi.
Adesso abbiamo l’urgenza di riscoprire quelle storie e quella tradizione che vanno messe insieme all’intelligenza e alla lungimiranza di capire qual è la posta in gioco, e alla necessità di raccogliere questo appello e partire immaginando e programmando la scuola e la società che sarà. Subito!

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    La maestosità e il pregio delle piante richiede di intervenire in arrampicata, così si può intervenire esclusivamente sui rami con problematiche mantenendo la naturale conformazione della chioma.[...]
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro. La biologa finalese Eleonora Tomasini ci spiega che cosa sta accadendo[...]
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]