Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Covid-19: il Pronto soccorso al telefono per migliorare l’assistenza a domicilio

Un nuovo progetto interaziendale di monitoraggio integrato e teleconsulto provinciale tra Medici di medicina generale e Dipartimento di emergenza urgenza che consente di migliorare ulteriormente la gestione dei pazienti al domicilio, intervenendo precocemente: il protocollo, attivato nei giorni scorsi e già operativo su tutto il territorio provinciale, consente ai Medici di medicina generale (MMG) di contattare il Pronto Soccorso per confrontarsi in maniera diretta sulle condizioni di persone covid positive o sospette che si trovano al domicilio.

Sono circa duemila sul territorio modenese le persone covid positive seguite al domicilio dal proprio Medico di medicina generale, in collaborazione con il servizio di Sorveglianza attiva del Dipartimento di Sanità Pubblica. È noto quanto la precocità del trattamento impatti sulla risposta alle cure sia in termini di efficacia che di possibile durata della degenza in questi pazienti. Per evitare la frammentazione della risposta ed il crearsi di pericolose sacche di pazienti in possibile evoluzione – che il sistema di emergenza-urgenza rischierebbe di intercettare tardivamente – è stato istituito un percorso che integra il monitoraggio proattivo dei MMG verso i loro assistiti e l’attività del Pronto Soccorso, nell’ottica di fornire sia un teleconsulto ai professionisti impegnati sul territorio che la possibilità di un accesso concordato al PS per effettuare gli eventuali accertamenti necessari, evitando accessi impropri e riducendo il rischio di contagio.

Come funziona

I pazienti covid-19 sospetti o accertati, già in qualche modo intercettati dal sistema territoriale, sono assistiti dal MMG che effettua il monitoraggio telefonico in integrazione con il Servizio di Igiene Pubblica su pazienti covid positivi e/o sospetti. Attraverso il monitoraggio attivo delle loro condizioni cliniche, il MMG può intercettare i casi a più elevato rischio di evoluzione verso le complicanze dell’infezione da covid, con particolare riferimento alla insufficienza respiratoria acuta e, qualora riscontrasse elementi di particolare preoccupazione, può contattare i colleghi del Pronto Soccorso di riferimento per la sua area distrettuale per confrontarsi, condividere il percorso diagnostico terapeutico oppure concordare un accesso al PS in tempi rapidi per un approfondimento diagnostico o l’eventuale ricovero.

Lo stesso percorso può essere seguito dai medici delle USCA (Unità speciali di continuità assistenziale) che, chiamati a visitare un paziente al domicilio in accordo con il MMG, riscontrassero la necessità di un confronto telefonico. Infine, un terzo aspetto recentemente evidenziato riguarda i cittadini che sono seguiti negli ambulatori di Porta Aperta: anche i medici di Porta Aperta, che restano punto di riferimento per queste persone, potranno fare diretto riferimento al percorso del PS.

Dal canto proprio il medico di PS condivide con il collega MMG l’eventuale ricovero o il rientro al domicilio, valutando insieme a lui l’opportunità di una terapia e di successivi controlli.

“La pandemia ha pesantemente coinvolto la provincia di Modena impattando duramente sul sistema sanitario anche a livello locale – dichiara il dottor Stefano Toscani, Direttore del Dipartimento interaziendale di Emergenza-urgenza –. Nonostante questo la risposta è stata pronta e ha permesso di superare le prime fasi dell’emergenza. Ci troviamo ora in una seconda fase estremamente delicata: il sistema ha intercettato una fetta importante dei pazienti più gravi e isolato al domicilio quelli meno gravi, garantendo loro un monitoraggio il più possibile puntuale, grazie anche a questi nuovi progetti. Il nostro compito è fare di tutto per assicurare la piena integrazione tra tutti i soggetti coinvolti per migliorare il più possibile l’assistenza ai pazienti del nostro territorio”.

“Si tratta di un progetto innovativo che coinvolge tutte e tre le aziende sanitarie provinciali, Ausl, Aou e Ospedale di Sassuolo Spa – osserva la dottoressa Anna Franzelli, Direttrice del Dipartimento Cure Primarie AUSL – e che vede la collaborazione stretta e fondamentale dei Medici di medicina generale oltre che delle Unità speciali di continuità assistenziale. Una sinergia importante a favore dei nostri cittadini, con una particolarità, la collaborazione con Porta Aperta che può chiedere un consulto per una possibilità ulteriore di presa in carico e di cura per le persone più fragili che si rivolgono all’associazione”.

“Questo progetto – spiegano il dottor Geminiano Bandiera e il dottor Antonio Luciani, rispettivamente Direttori del Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile e del Policlinico di Modena – vuole costituire un ponte tra gli ospedali e il territorio. Abbiamo voluto mettere a disposizione dei Medici di Medicina Generale un filo diretto che ci consenta non solo di intercettare potenziali casi positivi nelle prossime fasi dell’epidemia, ma anche di monitorare i pazienti seguiti dal territorio che, in caso di esigenze diagnostiche e di rivalutazione, possono accedere al Pronto Soccorso, su appuntamento preso dal Medico di Medicina Generale, in tutta sicurezza tramite specifici percorsi dedicati.”

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    La maestosità e il pregio delle piante richiede di intervenire in arrampicata, così si può intervenire esclusivamente sui rami con problematiche mantenendo la naturale conformazione della chioma.[...]
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro. La biologa finalese Eleonora Tomasini ci spiega che cosa sta accadendo[...]
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]