Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Didattica a distanza: malumori anche a Camposanto. E in soccorso arriva il “team dell’innovazione”

SAN FELICE E CAMPOSANTO-  Le denunce dei rappresentanti di classe, i malumori dei genitori. La rabbia e il timore della denuncia: se c’è una cosa che a San Felice e Camposanto ha mosso gli animi in questi giorni di lockdown è la didattica a distanza che tocca a centinaia di bambini e ragazzi di tutte le età. Infatti, se inizialmente i bimbi delle materne sono stati dimenticati (è stata questa l’impressione), nelle scuole dei più grandi, le scuole dell’obbligo, gli insegnanti non hanno perso i contatti con gli alunni. Ma questo non vuol dire che sia andato tutto bene. Anzi.

Tante le difficoltà che sono state denunciate, l’ultima arriva direttamente dalla scuola di Camposanto, dalla scuola primaria. E’ un papà, il signor Mirel Cotoi, che ha preso carta e penna per scrivere a un giornale locale, spiegando che nelalclasse del suo bimbo si era partiti bene, facendo senza problemi 16 ore di didattica on-line, divise in 4 giorni , con 2 ore la mattina e 2 il pomeriggio.

Ma ci è stato comunicato che la direzione ha intenzione di ridurre le ore di didattica on line a 6 ore settimanali, motivando la riduzione con il fatto che il numero di ore davanti agli schermi è eccessivo, e che le classi parallele di San Felice fanno meno ore. Le rappresentanti delle classi hanno mandato una PEC al Istituto Comprensivo di San Felice chiedendo di continuare con l’orario attuale, in quanto i bambini in qualsiasi caso passano tante ore davanti agli schermi, vista la situazione attuale.

In più – scrive il papà – si è visto che i bambini aspettano sempre con gioia l’inizio delle lezioni, che diventano anche momenti di interazione sociale, la cosa che manca di più in questo periodo. La dirigenza non ha risposto, ma le insegnanti il giorno 8 aprile hanno comunicato che la direzione ha deciso di ridurre le ore di didattica non più a 6 ma a 8 ore settimanali.
Le rappresentanti delle classi quarte hanno mandato una nuova PEC per chiedere un incontro in videoconferenza, ma di nuovo non hanno avuto risposta. O meglio hanno avuto una risposta solo oggi 16 aprile, dopo che in tantissimi hanno chiamato anche il sindaco di Camposanto per lamentarsi della scarsa didattica on-line.

Nella risposta  – riporta l’uomo – di nuovo le stesse cose: le ore sono troppe davanti agli schermi, e bisogna uniformare la formazione delle classi parallele. Quindi invece di aumentare le ore delle classi parallele, diminuiscono le ore delle nostre classi, un livellamento al ribasso. In qualsiasi caso anche con 16 ore di didattica a distanza non si riesce a fare quello che si faceva in classe, ma ci si avvicina molto, e in queste condizioni è tanto. Nella risposta arrivata oggi la dirigenza si giustifica per la mancata risposta con la situazione di emergenza e il fatto che sono 6 plessi scolastici in 2 comuni. Ma ignorare qualsiasi richiesta è la norma per la dirigenza. Io personalmente ho mandato una PEC il 16/10/2018 per chiedere chiarimenti sulle modalità di nomina dei genitori rappresentanti mensa. Non ho mai avuto risposta.

Questo sembra il modus operandi standard, perché anche altra gente che ha scritto non ha mai avuto risposta. Ma nello stesso momento riceviamo un sacco di mail dall’Istituto, anche con gli auguri per Pasqua. Possiamo scrivere fino alla noia cose come collaborazione, impegno, didattica on-line, ma alle parole non seguono i fatti, è tutto inutile.

La situazione attuale con la didattica on-line a Camposanto è la seguente: le 1° fanno 2 ore settimanali iniziate 06/04, le 2° fanno 3 ore settimanali iniziate nella seconda metà di marzo, le 3° fanno 6 ore settimanali sempre iniziato a metà marzo, le 5° fanno 7 ore settimanali. Può essere chiamata didattica on-line con cosi poche ore?

Vogliamo parlare poi della materna che era stata dimenticata del tutto? Lo sappiamo tutti che la situazione è difficile, ma le problematiche sono più vecchie. Il tentativo della dirigenza di livellare verso il basso è stata solo la goccia che ha fatto traboccare il bicchiere.

“La lettera è stata fraintesa e la precisazione era doverosa” si affretta a puntualizzare Valentina Pasquini, presidente del Comitato dei genitori di Camposanto. “Non si pensi che la lettera raccogliesse il punto di vista di più genitori e che fosse una critica al corpo docente, non è così”, ridimensiona.

Una cosa è certa: gli studenti di San Felice e Camposanto possono contare su un “team genitori” solerte e scrupoloso che si spende vigorosamente affinché tutto proceda come deve. La stretta conseguenza è un dibattito aperto e controverso: non tanto sugli insegnanti, considerati dai genitori premurosi ed efficienti, quanto sulla presenza, sull’intervento e sulla collaborazione della scuola.

“In qualità di presidente del Comitato, ho un filo diretto con la preside – prosegue Pasquini –  E avevamo proposto ai genitori di convogliare le problematiche più urgenti e comunicarle al direttivo del Comitato”. Scrivere in autonomia, per quanto giusto e legittimo, avrebbe ulteriormente complicato una gestione già di per sè difficoltosa.

“Immagino che per la preside non sia stato facile far fronte a tutte le telefonate e le mail dei genitori.  Capisco le proteste sulle tempistiche di risposta, ma – tira le orecchie la Pasquini –  in questa situazione bisogna essere un po’ più tolleranti”.

Fortunatamente da qualche settimana l’istituto comprensivo può contare sul “team dell’innovazione” – che dovrebbe sopperire alla figura dell’animatore digitale rimasta vacante nell’ultimo anno- che, in poco più di una settimana, è riuscito a creare gli account personali per tutti gli studenti dell’Istituto. Inoltre, “In collaborazione con la sindaca Zaniboni e il presidente d’Istituto, abbiamo richiesto alla preside un tavolo tecnico in previsione della riapertura della scuola a settembre”- conclude la Pasquini- ” un incontro che coinvolga tutte le parti per capire come poter ripartire nel migliore dei modi”.

 

 

LEGGI ANCHE

La teledidattica di San Felice fa discutere: ecco cosa non funziona

Scuola a distanza, la denuncia: “Genitori e bambini in difficoltà a San Felice”

San Felice e i bimbi delle materne “dimenticati”. La preside: “Ora nuove indicazioni, la situazione cambierà”

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]