Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Didattica a distanza: malumori anche a Camposanto. E in soccorso arriva il “team dell’innovazione”

SAN FELICE E CAMPOSANTO-  Le denunce dei rappresentanti di classe, i malumori dei genitori. La rabbia e il timore della denuncia: se c’è una cosa che a San Felice e Camposanto ha mosso gli animi in questi giorni di lockdown è la didattica a distanza che tocca a centinaia di bambini e ragazzi di tutte le età. Infatti, se inizialmente i bimbi delle materne sono stati dimenticati (è stata questa l’impressione), nelle scuole dei più grandi, le scuole dell’obbligo, gli insegnanti non hanno perso i contatti con gli alunni. Ma questo non vuol dire che sia andato tutto bene. Anzi.

Tante le difficoltà che sono state denunciate, l’ultima arriva direttamente dalla scuola di Camposanto, dalla scuola primaria. E’ un papà, il signor Mirel Cotoi, che ha preso carta e penna per scrivere a un giornale locale, spiegando che nelalclasse del suo bimbo si era partiti bene, facendo senza problemi 16 ore di didattica on-line, divise in 4 giorni , con 2 ore la mattina e 2 il pomeriggio.

Ma ci è stato comunicato che la direzione ha intenzione di ridurre le ore di didattica on line a 6 ore settimanali, motivando la riduzione con il fatto che il numero di ore davanti agli schermi è eccessivo, e che le classi parallele di San Felice fanno meno ore. Le rappresentanti delle classi hanno mandato una PEC al Istituto Comprensivo di San Felice chiedendo di continuare con l’orario attuale, in quanto i bambini in qualsiasi caso passano tante ore davanti agli schermi, vista la situazione attuale.

In più – scrive il papà – si è visto che i bambini aspettano sempre con gioia l’inizio delle lezioni, che diventano anche momenti di interazione sociale, la cosa che manca di più in questo periodo. La dirigenza non ha risposto, ma le insegnanti il giorno 8 aprile hanno comunicato che la direzione ha deciso di ridurre le ore di didattica non più a 6 ma a 8 ore settimanali.
Le rappresentanti delle classi quarte hanno mandato una nuova PEC per chiedere un incontro in videoconferenza, ma di nuovo non hanno avuto risposta. O meglio hanno avuto una risposta solo oggi 16 aprile, dopo che in tantissimi hanno chiamato anche il sindaco di Camposanto per lamentarsi della scarsa didattica on-line.

Nella risposta  – riporta l’uomo – di nuovo le stesse cose: le ore sono troppe davanti agli schermi, e bisogna uniformare la formazione delle classi parallele. Quindi invece di aumentare le ore delle classi parallele, diminuiscono le ore delle nostre classi, un livellamento al ribasso. In qualsiasi caso anche con 16 ore di didattica a distanza non si riesce a fare quello che si faceva in classe, ma ci si avvicina molto, e in queste condizioni è tanto. Nella risposta arrivata oggi la dirigenza si giustifica per la mancata risposta con la situazione di emergenza e il fatto che sono 6 plessi scolastici in 2 comuni. Ma ignorare qualsiasi richiesta è la norma per la dirigenza. Io personalmente ho mandato una PEC il 16/10/2018 per chiedere chiarimenti sulle modalità di nomina dei genitori rappresentanti mensa. Non ho mai avuto risposta.

Questo sembra il modus operandi standard, perché anche altra gente che ha scritto non ha mai avuto risposta. Ma nello stesso momento riceviamo un sacco di mail dall’Istituto, anche con gli auguri per Pasqua. Possiamo scrivere fino alla noia cose come collaborazione, impegno, didattica on-line, ma alle parole non seguono i fatti, è tutto inutile.

La situazione attuale con la didattica on-line a Camposanto è la seguente: le 1° fanno 2 ore settimanali iniziate 06/04, le 2° fanno 3 ore settimanali iniziate nella seconda metà di marzo, le 3° fanno 6 ore settimanali sempre iniziato a metà marzo, le 5° fanno 7 ore settimanali. Può essere chiamata didattica on-line con cosi poche ore?

Vogliamo parlare poi della materna che era stata dimenticata del tutto? Lo sappiamo tutti che la situazione è difficile, ma le problematiche sono più vecchie. Il tentativo della dirigenza di livellare verso il basso è stata solo la goccia che ha fatto traboccare il bicchiere.

“La lettera è stata fraintesa e la precisazione era doverosa” si affretta a puntualizzare Valentina Pasquini, presidente del Comitato dei genitori di Camposanto. “Non si pensi che la lettera raccogliesse il punto di vista di più genitori e che fosse una critica al corpo docente, non è così”, ridimensiona.

Una cosa è certa: gli studenti di San Felice e Camposanto possono contare su un “team genitori” solerte e scrupoloso che si spende vigorosamente affinché tutto proceda come deve. La stretta conseguenza è un dibattito aperto e controverso: non tanto sugli insegnanti, considerati dai genitori premurosi ed efficienti, quanto sulla presenza, sull’intervento e sulla collaborazione della scuola.

“In qualità di presidente del Comitato, ho un filo diretto con la preside – prosegue Pasquini –  E avevamo proposto ai genitori di convogliare le problematiche più urgenti e comunicarle al direttivo del Comitato”. Scrivere in autonomia, per quanto giusto e legittimo, avrebbe ulteriormente complicato una gestione già di per sè difficoltosa.

“Immagino che per la preside non sia stato facile far fronte a tutte le telefonate e le mail dei genitori.  Capisco le proteste sulle tempistiche di risposta, ma – tira le orecchie la Pasquini –  in questa situazione bisogna essere un po’ più tolleranti”.

Fortunatamente da qualche settimana l’istituto comprensivo può contare sul “team dell’innovazione” – che dovrebbe sopperire alla figura dell’animatore digitale rimasta vacante nell’ultimo anno- che, in poco più di una settimana, è riuscito a creare gli account personali per tutti gli studenti dell’Istituto. Inoltre, “In collaborazione con la sindaca Zaniboni e il presidente d’Istituto, abbiamo richiesto alla preside un tavolo tecnico in previsione della riapertura della scuola a settembre”- conclude la Pasquini- ” un incontro che coinvolga tutte le parti per capire come poter ripartire nel migliore dei modi”.

 

 

LEGGI ANCHE

La teledidattica di San Felice fa discutere: ecco cosa non funziona

Scuola a distanza, la denuncia: “Genitori e bambini in difficoltà a San Felice”

San Felice e i bimbi delle materne “dimenticati”. La preside: “Ora nuove indicazioni, la situazione cambierà”

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    Alcune scene del video sono state registrate prima del DPCM dell'8 marzo 2020[...]