Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Giuseppe Lesce (Federmacchine): “Le aziende devono ripartire, non possiamo perdere un giorno in più”

“Lo abbiamo condiviso col Presidente di Confindustria Boccia e credo che il messaggio sia giunto sufficientemente chiaro anche ai rappresentanti delle Istituzioni. Ora ritengo necessario condividere il nostro grido d’allarme con l’opinione pubblica: dobbiamo ripartire al più presto, non oltre la data del 13 aprile, se vogliamo evitare il collasso irreversibile del nostro sistema economico”.

Così si pronuncia Giuseppe Lesce, Presidente di Federmacchine, la Federazione italiana delle aziende produttrici di beni strumentali al servizio di tutti i settori industriali che rappresenta un fatturato complessivo di 50 miliardi di euro, con una vocazione all’export altissima (vicino al 70%) e un’occupazione di 200.000 addetti, suddivisi in oltre 5.100 aziende sul territorio nazionale.

Lesce segnala che ogni giorno aumenta la preoccupazione delle imprese rispetto alle decisioni del Governo, che a fronte della graduale contrazione dei contagi e della necessità di programmare la ripartenza valuta esclusivamente i fabbisogni finanziari delle imprese, con l’erogazione di 400 miliardi di euro di liquidità, e non la necessità di continuare a presidiare i mercati globali, dove stiamo compromettendo la nostra competitività perché, mentre noi chiudiamo le fabbriche, i nostri concorrenti più vicini, come Tedeschi e Svizzeri, a parità di contagi, non hanno mai interrotto la produzione. Il tutto mentre gli esperti indicano che la cancellazione totale dell’epidemia sarà un risultato di medio-lungo periodo (c’è chi parla di svariati mesi e persino di anni).

Non è pensabile fermare ulteriormente gran parte dei processi produttivi – ammonisce Lesce – pensando di compensarli finanziariamente, per i limiti del bilancio statale e per l’interconnessione mondiale di tutta l’economia. L’Italia non può ignorare che molti Paesi, in primis la Germania, principale concorrente dei settori che rappresento, stanno continuando l’attività produttiva senza per questo mettere a repentaglio sicurezza e salute dei loro lavoratori. Tutto questo significa per noi una oggettiva erosione di quote di mercato faticosamente costruite nel tempo”. 

Per questo Federmacchine auspica con forza che il Governo conceda alle aziende di tutti i settori manifatturieri di ripartire già da martedì 14 aprile, a condizione ovviamente che siano garantite le misure di igiene e sicurezza a tutela di tutto il personale.

Vogliamo dire al Governo che non possiamo perdere un giorno in più. Il 14 aprile è la nostra last call per la sopravvivenza – avverte Lesce – in quanto una pausa più lunga rappresenterà per moltissime aziende, soprattutto quelle più piccole della filiera di fornitura, la fermata definitiva. Siamo inoltre convinti che la piena ripresa dell’attività produttiva, nel rispetto delle norme sanitarie, non sia affatto in contrasto con la sfida in atto di arginare il virus e tornare alla normalità”. 

I settori che realizzano beni strumentali (macchine e impianti) per tutte le filiere produttive hanno indubbiamente una centralità strategica della quale Federmacchine, in questa fase di crisi, sente tutta la responsabilità: nessuno mette in discussione la tutela della salute e della vita delle persone che, come rilevano le statistiche, riguarda al 95% la generazione degli ultrasessantenni. Ma dobbiamo preoccuparci anche delle condizioni di vita che lasciamo alle generazioni future.

Segnalo infine – conclude Lesce – un problema oggettivo di coesione sociale, cioè di tenuta complessiva della società che deve tornare ad essere gestito con lungimiranza e responsabilità politica, contemperando le esigenze medico-sanitarie con la tutela del lavoro attraverso la creazione di valore reale e non di debito.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    Alcune scene del video sono state registrate prima del DPCM dell'8 marzo 2020[...]
    Dal Teatro del Popolo di Concordia la Compagnia Instabili Vaganti presenta "Alone"
    Dal Teatro del Popolo di Concordia la Compagnia Instabili Vaganti presenta "Alone"
    Come la pandemia ha cambiato le nostre vite in 8 episodi e ½” è il sottotitolo che rivela la precisa linea narrativa di “8 e ½ Theatre Clips” (Italia - Iran, 2020)[...]