Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

La teledidattica di San Felice fa discutere: ecco cosa non funziona

SAN FELICE SUL PANARO E CAMPOSANTO – La didattica a distanza, all’Istituto comprensivo di San Felice e Camposanto, diventa motivo di discordia. In un clima in cui tutti hanno voglia di denunciare, ma – il che la dice lunga –  preferiscono trincerarsi dietro l’anonimato.

Da una parte i genitori che ci hanno contattato: chi lamenta l’irreperibilità della dirigente scolastica, altri che esprimono disappunto per la mancanza di organizzazione, altri ancora che vedono sostituire l’ottimo “ingranaggio” delle lezioni online messo a punto dalle insegnanti per “uniformare le classi dell’istituto”. Dall’altra parte ci sono ex docenti e insegnanti/genitori che difendono a spada tratta l’operato di preside e colleghi.

A scatenare la polemica, la testimonianza (qualche giorno fa sul nostro giornale) del genitore e rappresentante di una classe secondaria alla “Giovanni Pascoli”di San Felice, che ha espresso con amarezza un panorama scolastico un po’ confusionario.

Fortunatamente, tutte le criticità messe in evidenza dal rappresentante sono state chiarite e sistemate in un recente incontro genitori/scuola, colloquio  successivo alla pubblicazione dell’articolo. Nonostante la rettifica doverosa, altri genitori continuano a riferire la persistenza di situazioni poco rassicuranti.

In particolare una mamma, rappresentante di una classe primaria dello stesso Istituto e che ci ha chiesto di rimanere anonima, ha dichiarato di aver “più volte provato a contattare la dirigente scolastica, senza successo“. “Mi sono rivolta anche al Provveditorato: ma quando ho spiegato che la preside era già a conoscenza di tutta la situazione, non ho più ricevuto risposta neanche da loro“, racconta la rappresentante di classe.

Cattive notizie anche dall’elementare di Camposanto: “Una classe di 13 alunni con tutti gli strumenti a disposizione e gli account personali già attivati dalla prima elementare”- spiega Nazzarena, la rappresentante di classe. Un calendario organizzato dalle insegnanti, impiegato già dai primissimi giorni con quattro ore di lezione al giorno (due la mattina e due il pomeriggio) per quattro giorni alla settimana e adoperato senza inconvenienti fino alla prima settimana di aprile”.

Quale è stato, dunque, il problema? “Il problema è nato con le prime linee guida della direzione scolastica che segnalavano alle insegnanti la necessità di diminuire le ore e uniformarsi alle altre classi di quarta elementare di San Felice. Sul perchè alterare un metodo così ben collaudato,  la motivazione che ci è stata presentata è stata quella di non poter permettere ai bimbi di restare così tante ore davanti allo schermo e di dover allineare allo stesso modo tutte le classi“.

A nulla sono servite le lettere (e i solleciti) spedite dai genitori alla preside: le ore di lezione sono scese da 16 a 8, senza possibilità di replica.

Ma non tutti hanno la stessa opinione sulla didattica online di san Felice e sull’operato della scuola. Non mancano le persone che si ritengono soddifatte così. “Il punto di vista del genitore di San Felice è un’infusione di negatività gratuita e rischia di offendere la sensibilità di chi sta onestamente lavorando per il bene comune – dichiara la mamma di un allievo di prima media della “Giovanni Pascoli” nonché insegnante di un liceo della zona – “Molti genitori hanno stima dei docenti dei propri figli e di tanti insegnanti che, come me, chiedono un minimo di comprensione e pazienza in un momento in cui le vite sono state stravolte“.

Le fa eco una nostra lettrice, genitore e rappresentante di due classi prime della scuola media, che su Facebook ci scrive: “Dopo una sola settimana di stop totale perché non si sapeva il da farsi il prof referente di ogni classe si è premunito di mettersi in contatto con un rappresentante che ha fatto da portavoce con gli altri genitori per consegne varie. Le video lezioni sono iniziate il 16 marzo con un calendario che è poi stato sostituito solo la settimana successiva e da allora è sempre lo stesso! 2/3 video lezioni giornaliere + le ore che trascorrono per visionare il materiale, guardare i video esplicativi caricati dai prof e svolgere le consegne sono più che sufficienti. Io personalmente mi sarei opposta se le ore fossero state di più.
Qualche problema c’è stato e non nego i disagi ma senza dipingerli come tragedie, così come è stato fatto. Considerato anche che proprio la nostra scuola è partita 2 settimane prima di ricevere delle direttive sul da farsi. Mi faccio portavoce delle 45 famiglie che sono pienamente soddisfatte dell’operato e della professionalità dei professori che seguono i nostri figli

Dello stesso avviso un ex docente della Giovanni Pascoli: “Altri istituti hanno cambiato più piattaforme per la didattica online senza nessun tipo di formazione per gli addetti ai lavori, nessuno si è mai lamentato – spiega l’insegnante –  In un momento difficile come quello attuale dovremmo essere tutti più comprensivi“- conclude.

 

LEGGI ANCHE

Scuola a distanza, la denuncia: “Genitori e bambini in difficoltà a San Felice”

San Felice e i bimbi delle materne “dimenticati”. La preside: “Ora nuove indicazioni, la situazione cambierà”

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]