Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

La teledidattica di San Felice fa discutere: ecco cosa non funziona

SAN FELICE SUL PANARO E CAMPOSANTO – La didattica a distanza, all’Istituto comprensivo di San Felice e Camposanto, diventa motivo di discordia. In un clima in cui tutti hanno voglia di denunciare, ma – il che la dice lunga –  preferiscono trincerarsi dietro l’anonimato.

Da una parte i genitori che ci hanno contattato: chi lamenta l’irreperibilità della dirigente scolastica, altri che esprimono disappunto per la mancanza di organizzazione, altri ancora che vedono sostituire l’ottimo “ingranaggio” delle lezioni online messo a punto dalle insegnanti per “uniformare le classi dell’istituto”. Dall’altra parte ci sono ex docenti e insegnanti/genitori che difendono a spada tratta l’operato di preside e colleghi.

A scatenare la polemica, la testimonianza (qualche giorno fa sul nostro giornale) del genitore e rappresentante di una classe secondaria alla “Giovanni Pascoli”di San Felice, che ha espresso con amarezza un panorama scolastico un po’ confusionario.

Fortunatamente, tutte le criticità messe in evidenza dal rappresentante sono state chiarite e sistemate in un recente incontro genitori/scuola, colloquio  successivo alla pubblicazione dell’articolo. Nonostante la rettifica doverosa, altri genitori continuano a riferire la persistenza di situazioni poco rassicuranti.

In particolare una mamma, rappresentante di una classe primaria dello stesso Istituto e che ci ha chiesto di rimanere anonima, ha dichiarato di aver “più volte provato a contattare la dirigente scolastica, senza successo“. “Mi sono rivolta anche al Provveditorato: ma quando ho spiegato che la preside era già a conoscenza di tutta la situazione, non ho più ricevuto risposta neanche da loro“, racconta la rappresentante di classe.

Cattive notizie anche dall’elementare di Camposanto: “Una classe di 13 alunni con tutti gli strumenti a disposizione e gli account personali già attivati dalla prima elementare”- spiega Nazzarena, la rappresentante di classe. Un calendario organizzato dalle insegnanti, impiegato già dai primissimi giorni con quattro ore di lezione al giorno (due la mattina e due il pomeriggio) per quattro giorni alla settimana e adoperato senza inconvenienti fino alla prima settimana di aprile”.

Quale è stato, dunque, il problema? “Il problema è nato con le prime linee guida della direzione scolastica che segnalavano alle insegnanti la necessità di diminuire le ore e uniformarsi alle altre classi di quarta elementare di San Felice. Sul perchè alterare un metodo così ben collaudato,  la motivazione che ci è stata presentata è stata quella di non poter permettere ai bimbi di restare così tante ore davanti allo schermo e di dover allineare allo stesso modo tutte le classi“.

A nulla sono servite le lettere (e i solleciti) spedite dai genitori alla preside: le ore di lezione sono scese da 16 a 8, senza possibilità di replica.

Ma non tutti hanno la stessa opinione sulla didattica online di san Felice e sull’operato della scuola. Non mancano le persone che si ritengono soddifatte così. “Il punto di vista del genitore di San Felice è un’infusione di negatività gratuita e rischia di offendere la sensibilità di chi sta onestamente lavorando per il bene comune – dichiara la mamma di un allievo di prima media della “Giovanni Pascoli” nonché insegnante di un liceo della zona – “Molti genitori hanno stima dei docenti dei propri figli e di tanti insegnanti che, come me, chiedono un minimo di comprensione e pazienza in un momento in cui le vite sono state stravolte“.

Le fa eco una nostra lettrice, genitore e rappresentante di due classi prime della scuola media, che su Facebook ci scrive: “Dopo una sola settimana di stop totale perché non si sapeva il da farsi il prof referente di ogni classe si è premunito di mettersi in contatto con un rappresentante che ha fatto da portavoce con gli altri genitori per consegne varie. Le video lezioni sono iniziate il 16 marzo con un calendario che è poi stato sostituito solo la settimana successiva e da allora è sempre lo stesso! 2/3 video lezioni giornaliere + le ore che trascorrono per visionare il materiale, guardare i video esplicativi caricati dai prof e svolgere le consegne sono più che sufficienti. Io personalmente mi sarei opposta se le ore fossero state di più.
Qualche problema c’è stato e non nego i disagi ma senza dipingerli come tragedie, così come è stato fatto. Considerato anche che proprio la nostra scuola è partita 2 settimane prima di ricevere delle direttive sul da farsi. Mi faccio portavoce delle 45 famiglie che sono pienamente soddisfatte dell’operato e della professionalità dei professori che seguono i nostri figli

Dello stesso avviso un ex docente della Giovanni Pascoli: “Altri istituti hanno cambiato più piattaforme per la didattica online senza nessun tipo di formazione per gli addetti ai lavori, nessuno si è mai lamentato – spiega l’insegnante –  In un momento difficile come quello attuale dovremmo essere tutti più comprensivi“- conclude.

 

LEGGI ANCHE

Scuola a distanza, la denuncia: “Genitori e bambini in difficoltà a San Felice”

San Felice e i bimbi delle materne “dimenticati”. La preside: “Ora nuove indicazioni, la situazione cambierà”

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    La maestosità e il pregio delle piante richiede di intervenire in arrampicata, così si può intervenire esclusivamente sui rami con problematiche mantenendo la naturale conformazione della chioma.[...]
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro. La biologa finalese Eleonora Tomasini ci spiega che cosa sta accadendo[...]
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]