Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Grande schermo, linea affidabile e cellophane: con gli smartphone su misura la Terapia Intensiva si racconta alle famiglie

Grande schermo, linea affidabile e cellophane: con gli smartphone su misura la Terapia Intensiva si racconta alle famiglie. Nei giorni scorsi la Regione Emilia – Romagna, con la collaborazione di Unieuro e Lepida ha consegnato all’Azienda Ospedaliero Universitaria di Modena 62 smartphone e altrettante schede SIM dati per consentire ai pazienti ricoverati in isolamento di dialogare in video chiamata con i propri cari. La consegna rientra nel progetto regionale che prevede di destinare quasi 500 apparecchi a tutti gli ospedali della Regione. Ebbene, l’AOU di Modena è stata l’azienda pilota di questo progetto: nelle scorse settimane, infatti, i primi smartphone sono stati consegnati alle Malattie Infettive alla Terapia Intensiva dell’Ospedale Civile di Baggiovara e alla Psicologia Ospedaliera.
“Su mandato della Regione – ha spiegato l’Ing. Mario Lugli, Direttore del Servizio Tecnologie dell’Informazione dell’AOU di Modena – abbiamo fatto la scorsa settimana alcuni test per individuare quali dispositivi (smartphone o tablet), quali App (WhatsApp, Skype, o altri) e quali connessioni (Rete cellulare, Rete Wifi pubblica, rete WiFi Privata) potessero garantire una migliore qualità e continuità nella comunicazione audio/video tra paziente e famigliari. Abbiamo dovuto anche tenere conto di quanto dispongono e di quanto utilizzano normalmente i cittadini, per non rendere complicata la connessione sul lato famigliare.  Queste rilevazioni hanno consentito alla Regione Emilia – Romagna di scegliere la formula migliore per proporre questo servizio. Sono stati scelti Smartphone con grande schermo, dotati di schede SIM Dati che permettono l’uso di WhatsApp e Skype, e consentono di colloquiare con buona qualità audio/video anche attraverso le buste trasparenti contenenti i dispositivi, necessarie per limitarne la contaminazione. Ora con la consegna dei nuovi device di Lepida potremo coprire tutti reparti COVID della nostra Azienda, mantenendo anche alcuni dispositivi di riserva.”
Alcune testimonianze: Terapia Intensiva, Assistenza psicologica, Malattie Infettive

“Solo poco più di un mese fa eravamo orgogliosi di definire “aperta” la nostra Terapia Intensiva – ha spiegato la dottoressa Maria Cristina Soccorsi, intensivista dell’Ospedale Civile – poiché era consentito ai familiari di far visita ai propri cari ed entrare in contatto con loro.  Il coinvolgimento della famiglia era da noi considerato il fulcro della riuscita del processo di cura.  Adesso lottiamo contro un nemico invisibile, che spezza i legami affettivi e costringe all’isolamento, e questo sta lasciando cicatrici enormi. In questo periodo di emergenza, infatti, i reparti coinvolti sono diventati ambienti di cura fortemente inariditi dal punto di vista dell’umanizzazione, tutto sembra tagliato e semplificato, non sono più consentite visite e abbracci veri con i propri cari. Grazie anche a questo progetto regionale, che ci vede coinvolti come reparto pilota, stiamo però riuscendo a recuperare l’obiettivo di garantire una cura attenta anche agli aspetti relazionali e umani. Infatti, con l’utilizzo di questi smartphone abbiamo riaperto in maniera virtuale le porte della nostra Terapia Intensiva, e ristabilito una comunicazione tra i parenti e i propri cari.

Il momento della videochiamata rappresenta, inoltre, per noi sanitari il completamento di un percorso di cura in cui, attraverso le emozioni, l’affettività e la narrazione dei familiari, riusciamo a restituire un volto, un’anima, una storia alla persona malata, aiutandoci a non dimenticare che abbiamo di fronte una persona e non semplicemente un corpo malato o una malattia da curare.

I familiari sono consapevoli che viene offerta loro una grande opportunità; grazie agli smartphone riescono a capacitarsi meglio delle reali condizioni di salute del proprio caro, a capire in cosa consistono le cure di cui necessita e a sentirsi rassicurati nel vedere con quale dedizione e impegno il personale medico ed infermieristico si prende cura di lui. Riescono a sentire di “esserci” per il proprio congiunto e spesso si lasciano andare alle loro emozioni come fiumi in piena.

Spesso i pazienti non riescono a comunicare perché intubati o perché indossano un casco per la ventilazione o ancora perché sedati, ma ai familiari basta solamente vederli e far capire loro di essere presenti.

Alcuni pazienti, anche se non hanno le forze per rispondere, accennano ad un saluto con la mano, ma sono le lacrime che scorrono sui loro volti a parlare.

Tra i tanti episodi, ricordo una signora che voleva rassicurare il padre ammalato informandolo di aver pagato per lui le “bollette”; un gesto in apparenza semplice, ma in quel momento il più adatto, secondo la figlia che lo conosceva, a trasmettergli sicurezza e a suo modo riportarlo alla normalità.

Credo che da ogni momento di difficoltà possano nascere delle opportunità per migliorare e crescere: l’emergenza che stiamo affrontando ci offre, tra le altre, l’occasione di riflettere sul significato più profondo della medicina che non è quello di curare ma di prendersi cura dell’altro”.

“Il Servizio di emergenza Psicologica Covid è attivo dal 20 marzo – spiega la dottoressa Paola Dondi, Responsabile della Psicologia Ospedaliera – e ci consente di sostenere colloqui clinici a distanza tramite l’utilizzo degli Smartphone ricevuti grazie al progetto Regionale Lepida. Essi ci permettono di attivare chiamate e videochiamate sostenute da una buona connessione di rete. Ci sono stati messi a disposizione in totale 6 smartphone. Grazie a tale supporto tecnologico, il Servizio ha già avviato una rete di relazioni terapeutiche rivolte ai malati e ai loro familiari che si trovano a domicilio. Viene inoltre agevolata la comunicazione tra i professionisti coinvolti nei percorsi di cura dedicati in area medica COVID, Malattie infettive, Rianimazione e tutti Reparti coinvolti. Ci si trova nei fatti a lavorare in un contesto organizzativo modificato dove l’intervento psicologico risulta decisivo al fine di colmare la distanza relazionale tra pazienti, familiari e operatori sanitari”.

“In ambito di rapporti con i visitatori – ha commentato la dottoressa Marianna Menozzi – il reparto di malattie infettive ha storicamente sempre cercato di offrire il giusto compromesso tra sicurezza dei pazienti, del personale e dei visitatori stessi: orari di visita quotidiani, regole semplici ma da rispettare e dispositivi di protezione individuale hanno sempre permesso ai pazienti di ricevere visite.

Sin dai primi giorni di epidemia invece, per la prima volta, tutto ciò è venuto a mancare per ovvi motivi di sicurezza, comportando un enorme stress per i pazienti, per i loro cari e sicuramente per il personale del reparto, che ben comprende queste preoccupazioni. Le informazioni cliniche sono state sempre comunicate telefonicamente ai famigliari, ma sappiamo bene che questo non è sufficiente: il contatto con il proprio caro è fondamentale e necessario, sempre.

E questo concetto diventa ancora più importante se i pazienti in questione sono ad esempio incapaci di utilizzare un telefono, sia per gravità clinica, sia per anzianità o ancora per il fatto di non possederne uno durante il ricovero. Non di meno, abbiamo subito avuto dimostrazione della enorme rapidità con cui le condizioni cliniche dei pazienti COVID possono variare, ponendo un ulteriore drammatico problema: l’impossibilità di dare un saluto al proprio caro in condizioni critiche.

A questo punto, se già qualche chiamata sporadica tra pazienti ricoverati e famigliari era stata organizzata dal reparto utilizzando i cellulari privati del personale, siamo successivamente entrati in possesso di tablet donati al nostro reparto per organizzare videochiamate. È stata decisamente la svolta: da allora ogni giorno vengono eseguite le videochiamate tra i pazienti che lo richiedono e i propri cari.

Il successo di questa pratica è stato da subito evidente, con la possibilità di assistere a dei veri e propri incontri virtuali. Sono e continuano ad essere momenti toccanti, allegri, gioiosi, carichi di amore o ancora tristi e immensamente dolorosi, ma in cui il sincero affetto che lega quelle persone permette di rendere un po’ più umano il regime di isolamento”.

 

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    "Cosa ci fanno quelli sull'albero?" E' la potatura acrobatica che si fa a Concordia
    La maestosità e il pregio delle piante richiede di intervenire in arrampicata, così si può intervenire esclusivamente sui rami con problematiche mantenendo la naturale conformazione della chioma.[...]
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Quando anche il semplice dormire diventa spettacolo: il dormitorio dei gufi a Medolla
    Da qualche giorno gli abitanti di Medolla, genitori e bambini soprattutto, si trovano riuniti con il naso all’insù a scrutare tra le chiome di alcuni alberi del centro. La biologa finalese Eleonora Tomasini ci spiega che cosa sta accadendo[...]
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]