Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Medici, CNA Modena: come ripartire dopo il lockdown, le proposte di CNA

MODENA – “Se, e solo se, i dati sanitari lo permetteranno, occorre che il 13 aprile, alla scadenza del lockdown, il nostro Paese si rimetta in moto, perché gli effetti economici dell’emergenza rischiano di diventare irreversibili. Soprattutto in un territorio come il nostro, dove il numero delle imprese che sono dovute rimanere chiuse, in base alle varie normative sono più elevate rispetto alla media nazionale, toccando, in alcuni comuni, addirittura il 70% delle attività”. È un allarme che è sotto gli occhi di tutti quello che ribadisce Claudio Medici, presidente della CNA di Modena. “Per questo, anche se può sembrare anacronistico, è un dovere iniziare a parlare di ripartenza”. Una ripartenza che non può prescindere dalla tutela della salute del lavoro. “Serviranno regole di ingaggio chiare, a cominciare dalla tipologia di mascherine che si dovranno utilizzare, come è facile prevedere, sui luoghi di lavoro. Ad esempio, riteniamo opportuno prevedere un credito d’imposta per l’acquisto di sistemi di protezione, come è stato fatto per le spese di sanificazione”. “Però è necessario trovare il modo di ricominciare, fatte salve le norme di sicurezza: ci sono imprese che iniziano a ricevere ordini dall’estero, dove il lockdown è strutturato in modo diverso. Se queste imprese non lavorano, rischiano di uscire dalle loro filiere. E a rimetterci non saranno solo gli imprenditori: sarà il lavoro”.

È essenziale ribadire come sia necessario innanzitutto garantire la liquidità alle imprese, punto determinante per evitare effetti irreversibili su molte imprese e, dato che il ritorno alla normalità sarà piuttosto lungo, i sostegni finanziari dovranno di essere di lungo respiro. Occorre che il denaro arrivi anche alle piccole imprese attraverso meccanismi che non facciano riferimento solo al merito creditizio. Va in questo senso la nostra richiesta, di cui sta discutendo il Governo, di un prestito per tutte le imprese, garantito al 90% dallo Stato, pari al 25% del fatturato e con una restituzione in 5/10 anni. Così come occorre pensare a misure di esenzione fiscale per settori che stanno subendo più di altri il peso della crisi: penso al commercio, alla ristorazione, ai pubblici esercizi, ai servizi alla persona”.  

Ma l’analisi di CNA vuole soffermarsi sulle azioni locali. “Innanzitutto – sottolinea Medici – occorre distinguere il settore manifatturiero e quella dello dei servizi. Il primo, necessità di finanziamenti che vadano oltre la logica del sussidio e che, come è stato fatto in occasione del sisma, possano innescare investimenti grandi e piccoli. Ad esempio, contributi utili alle aziende per mettere a norma, dal punto di vista sanitario, le imprese e i posti di lavoro. Va anche considerato che le difficoltà di approvvigionamento stanno determinando una ridefinizione delle catene di subfornitura (pensiamo alla meccanica, alla gomma, alla plastica). In questo senso possono avere una grande importanza eventi di B2B.

Diverse, invece, le azioni di sostegno alle attività di servizio alla persona, la ristorazione i pubblici esercizi, sono attività di grande rilevanza sociale e quelle che più hanno patito la strategia di contenimento del virus. 

“Innanzitutto, riteniamo opportuno procedere all’apertura del commercio, magari in modo graduale, (poche vie alla volta, contingentando gli accessi?). Ma c’è di più: Il post emergenza può essere l’occasione per un salto culturale, basti pensare a come il commercio a domicilio stia ridisegnando, almeno in questo momento, le abitudini di consumo. Il modello distributivo ha preso forse una strada ben precisa: quella del commercio on line. Riteniamo che il sistema economico – La Camera di Commercio, le Associazioni, le Amministrazioni Comunali – possano e debbano realizzare una piattaforma comune alla quale possano aderire a costo zero tutte le realtà che operano con i privati”. 

Ma questo non basta. “Non è difficile immaginare – continua il presidente di CNA Modena – ad una repentina crescita di disoccupati nei prossimi mesi. Molti di questi cercheranno nell’autoimprenditorialità una via di uscita. Per questi soggetti occorre un’ampia sburocratizzazione: chi apre un’attività deve poter farlo immediatamente, senza remore, mettendosi eventualmente in regola per ciò che riguarda gli adempimenti amministrativi, entro i sei mesi seguenti all’apertura.

È, poi, necessario che le amministrazioni locali diano il via ad una stagione di piccoli investimenti che abbiano come esecutori le piccole imprese del territorio: anche i comuni, quindi, dovranno poter disporre di risorse straordinarie da impiegare per dare corso alle opere. “A partire dal Comune di Modena – chiosa Medici – che ha annunciato 20 grandi cantieri. Noi riteniamo, invece, che ci sia piuttosto bisogno di 200 piccoli cantieri che sostengano il lavoro delle piccole imprese del territorio e l’occupazione che queste ultime garantiscono”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    Alcune scene del video sono state registrate prima del DPCM dell'8 marzo 2020[...]