Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Novi e il Coronavirus, il sindaco Diacci:”La nostra comunità ha già superato l’emergenza del sisma, siamo preparati. Ma il virus ci ha tolto il calore di stringerci”

NOVI- “E’ vero, si dice distanti ma uniti, ma per la nostra comunità è particolarmente difficile”: così il sindaco di Novi, Enrico Diacci, sintetizza l’atmosfera del comune della Bassa. “Abbiamo già vissuto la grande emergenza del sisma del 2012, ma avevamo il grande vantaggio di essere tutti insieme nelle piazze e nei cortili, siamo pronti ad affrontare anche questa emergenza ma se potessimo farlo stretti l’uno con l’altro sarebbe più facile”.

Sono passati quasi due mesi dal decreto del 9 marzo che ha ampliato la “zona rossa”, estendendola a tutto il Paese. Come ha reagito la città, i cittadini stanno rispettando le misure previste? Si registrano infrazioni?

Qualche infrazione c’è stata. Sono intervenuti i Carabinieri, la Polizia locale e la Guardia di Finanza in situazioni particolari, anche per quanto riguarda le attività produttive. Ma eccetto qualche caso sporadico, la maggioranza dei miei cittadini sta cercando di rispettare le indicazioni. Devo dire che non abbiamo avuto grandi problemi e disagi.

Quali sono i dati attuali della diffusione del Covid-19 a Novi: quanti sono i positivi, i ricoveri e i pazienti guariti?

I dati aggiornati a lunedì 20 aprile registrano 40 positivi: di cui 36 in isolamento domiciliare e 4 ricoverati. I pazienti guariti sono 14.

Come sta affrontando l’emergenza la macchina comunale? Quali iniziative sono state messe in campo per aiutare i cittadini?

I servizi allo sportello e tutti quelli impossibili da remoto sono stati contingentati cercando di garantire una risposta a tutti. Per i bambini e per tutti i ragazzi in età scolare, il nostro istituto comprensivo ha subito attivato la didattica a distanza: abbiamo avuto un buon riscontro dalle famiglie, la scuola ha lavorato molto bene.

Abbiamo esonerato, come Unione, tutte le rette dei servizi per l’infanzia, dei trasporti, della mensa: siamo andati incontro il più possibile alle esigenze dei cittadini. Il comune di Novi ha prorogato tutte le scadenze delle imposte comunali e abbiamo evitato di portare avanti quella che era la prima impostazione del bilancio, che prevedeva un aumento (anche se piccolo) dell’Irpef comunale.

Come state gestendo il lavoro del Consiglio Comunale per evitare la paralisi delle attività costituzionali?

Abbiamo attivato da subito lo smart working e organizzato dei turni garantendo lo svolgimento delle attività. Grazie ai servizi informatici in Unione eravamo abbastanza preparati

I sindaci sono la prima frontiera delle richieste dei cittadini, cosa chiedono? Aiuti economici, aiuti per la gestione dei parenti anziani o dei bambini, esoneri particolari?

Le richieste d’aiuto c’erano prima e continuano a esserci ora. Ma credo che in questo momento i cittadini stiano cercando soprattutto una voce amica, qualcuno che li possa rassicurare e che li aiuti anche nelle cose più banali come l’interpretazione delle direttive. Fin dall’inizio ho cercato di rispondere direttamente a tutti quelli che hanno scritto sui social e che chiedevano di essere ricontattati telefonicamente. Mi sono messo in prima linea, cercando di rispondere a tutti. Spero di esserci riuscito: la fiducia nel sindaco è un collante fondamentale perché la comunità possa reggere a questa onda d’urto.

Quale è stata la maggiore criticità che, come sindaco, ha vissuto nella gestione dell’emergenza?

Nei primi momenti, tra la fine di febbraio e gli inizi di marzo, con i primi provvedimenti nazionali che uscivano da un momento all’altro senza preavviso, la criticità è stata trovare il punto di coordinamento tra tutte le associazioni locali, le attività produttive, le scuole. Capire esattamente come interpretare nel migliore dei modi le normative nazionali e applicarle alla nostra realtà: il Governo pensa a delle misure che poi ogni territorio deve personalizzare e cucire su misura.

Quale settore la preoccupa di più, una volta che l’emergenza sarà rientrata?

Molto difficile fare questa previsione. Di concerto con i medici di medicina generale – con i quali ogni settimana faccio il punto della situazione in videoconferenza- siamo preoccupati delle ripercussioni che la fase 2 avrà su tutto il territorio: l’emergenza oggi gestita da ospedali e terapie intensive , di riflesso, coinvolgerà medici di famiglia e strutture territoriali. Servirà ancora più attenzione ed energia in questa fase. Dovranno ripartire tutte quelle attività ordinarie e allo stesso tempo contenere questa nuova fase dell’epidemia.

Cosa ci dobbiamo aspettare il 3 maggio?

Mi auguro intanto che sia una concertazione e non un “tira e molla” a livello nazionale , che ci sia condivisione tra regioni e territori. Spero che venga data, soprattutto alla parte produttiva la possibilità di ripartire, soprattutto tenendo conto delle nostre eccellenze del territorio.

 

 

 

 

LE ULTIME NOTIZIE CORONAVIRUS

LEGGI TUTTO IL NOSTRO SPECIALE CORONAVIRUS

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo ha il sapore dell'Emilia-Romagna, con Pellegrino Artusi
    Sono oltre 60 gli eventi e le attività proposti da Regione Emilia-Romagna e Casa Artusi presentati in 31 Paesi di tutti i continenti[...]
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    Alcune scene del video sono state registrate prima del DPCM dell'8 marzo 2020[...]