Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Un mese fa il picco, ora il Coronavirus a Modena è in lenta e costante diminuzione

GIOVEDì 30 APRILE 2020- Forniamo il consueto Bollettino con le principali notizie rispetto alle attività organizzative dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena in riferimento all’infezione COVID-19 attuate in stretta e costante sinergia con l’Azienda USL di Modena, nell’ottica di garantire un’azione di sistema.

 

Situazione ricoveri casi sospetti e accertati

 

Come si può vedere dal grafico, prosegue una graduale diminuzione dei casi, dopo il picco registrato a fine marzo. Complessivamente i casi COVID accertati ricoverati sono stabili negli ultimi giorni, con una lenta e costante diminuzione dei pazienti ricoverati in Terapia Intensiva.

 

La situazione di stamattina vede nel complesso ricoverati in Azienda Ospedaliero Universitaria 108 pazienti COVID positivi: 41 all’Ospedale Civile e 67 al Policlinico. Di questi, sono in terapia intensiva 22 pazienti, dei quali 9 nella terapia intensiva del Policlinico di Modena e 13 presso l’Ospedale Civile, e 4 pazienti in sub intensiva, distribuiti tra i due ospedali. In degenza ordinaria sono seguiti 82 pazienti, 28 all’Ospedale Civile di Baggiovara e 54 al Policlinico.

 

La ripresa delle attività: gradualità e sicurezza

La rete sanitaria provinciale è impegnata in questo periodo nella pianificazione di un programma di riavvio progressivo delle attività, che dovrà tener conto di numerosi fattori quali non solo la presenza di pazienti COVID ancora ricoverati presso le strutture ospedaliere, ma soprattutto la necessità di revisionare profondamente l’organizzazione delle attività per poter garantire l’erogazione delle stesse in sicurezza per pazienti ed operatori. Per questo la ripartenza non potrà che essere graduale, prudente e continuamente modulata anche alla luce di quella che potrà essere l’evoluzione dell’epidemiologia nel corso della Fase 2 di prossimo avvio.

 

Dal 4 maggio ricomincia la parto-analgesia

 

Il segno di un lento ma progressivo ritorno alla normalità può essere dato dalla notizia che dal 4 di maggio riprenderà l’attività di parto-analgesia, interrotta all’inizio della crisi in quanto era necessario che gli anestesisti fossero tutti occupati nella gestione del COVID19. L’attività riprende con modalità nuove che consentono di evitare per il momento gli incontri formativi per le future mamme interessate, sostituite da video-corsi. Tutte le informazioni si possono trovare sul sito http://www.aou.mo.it/ostetricia_parto_analgesia

L’anestesista inoltre sarà disponibile per fornire delucidazioni (telefono 059 4225312 il lunedì, mercoledì e venerdì dalle h 12 alle h 13).

 

 

TEMA DELLA SETTIMANA – MALATTIE INFETTIVE E PNEUMOLOGIA

 

Prof.ssa Cristina Mussini, Direttore Malattie Infettive

I buoni risultati che abbiamo ottenuto in termini clinici sono frutto del grande lavoro di tutta la rete sanitaria provinciale. Tutti i protocolli clinici sperimentali, infatti, sono stati utilizzati in tutti gli ospedali della provincia. Sono questi protocolli ci hanno consentito di raggiungere ottimi risultati anche sul fronte della riduzione della mortalità.

 

Cosa possiamo fare tutti nella fase 2? La prima cosa da gridare con forza è che non è vero che il virus è diventato più buono. Vediamo un numero di casi inferire perché il lockdown ha ridotto la circolazione del virus, ma il quadro clinico delle polmoniti da COVID19 che vediamo è lo stesso dell’inizio della crisi.

 

A costo di grandi sacrifici siamo riusciti a contenere il contagio, ma ora dobbiamo agire per non vanificare questi sforzi. Si tratta di un virus che ha grande capacità di trasmettersi, quindi dobbiamo usare le mascherine e mantenere le distanze. Attenzione: all’inizio avremo paura e sarà facile rispettare le regole, poi tenderemo a pensare che la crisi sia passata. È in quel momento che non dovremo abbassare la guardia: il virus sta circolando e l’unica arma che abbiamo per fermarne la circolazione al momento è mantenere le distanze e utilizzare le mascherine.

 

Prof. Enrico Clini, Direttore Malattie Apparato Respiratorio

Stiamo assistendo a un netto miglioramento, gli ospedali hanno meno pressione e questo consente anche a come riattivare alcuni reparti nelle loro funzioni originarie, tra questi anche il nostro. Se questo è pur vero, occorre però ricordare che continueremo a confrontarci con la epidemia COVID-19, con la malattia da trattare in ospedale che rimarrà sullo sfondo.

Il messaggio che mi sento di dare, quindi, è di assoluta cautela. Non è ipotizzabile che dal 4 maggio potremo tornare alla vita precedente. Al contrario, occorrerà proteggersi, rispettare il distanziamento sociale e seguire le regole per minimizzare la circolazione del virus, e per evitare di tornare a una fase difficile o addirittura critica.

D’altra parte, in questi mesi abbiamo imparato a curare meglio questa malattia, conosciamo meglio le sue caratteristiche e i fattori di rischio e questo ci consente di prevenire il ricovero in terapia intensiva. In conclusione, mentre tentiamo di tornare a una vita più normale, dobbiamo allo stesso tempo comprendere i rischi che rimangono e quindi le precauzioni da prendere.

Sul fronte delle sperimentazioni di farmaci potenzialmente efficaci che conduciamo in collaborazione con gli altri reparti coinvolti, per ora grosse novità non ce ne sono. In prospettiva, è segnalato come di possibile efficacia l’utilizzo delle cellule staminali mesenchimali per la loro attività anti-infiammatoria, sperimentato pochi giorni fa per la prima volta in Italia a Verona su un paziente gravissimo, tuttora vivente e i cui effetti andranno approfonditi in studi strutturati nei prossimi mesi.

Sulla stampa si legge a più riprese di una possibile correlazione tra inquinamento e rischi collegati al COVID19. Una ricerca statunitense ha dimostrato che nelle zone che avevano un tasso di inquinamento più elevato di particolato sottile, era più alto il tasso di mortalità per causa di COVID-19 rispetto alla media. È una valutazione statistica iniziale di correlazione che andrà valutata e confermata dimostrata su un numero maggiore di dati che possano stabilire un eventuale nesso di causa-effetto o di concausalità.

Altri ricercatori, cinesi ma anche italiani (Padova), hanno verificato che tra tutti i pazienti ricoverati per COVID19, è bassa la percentuale di fumatori o ex fumatori. Perché?  Alcuni studi hanno chiarito che ci sono relazioni tra il recettore polmonare della nicotina, quello che codifica per il recettore ACE2, e il legame con il virus. L’ipotesi di lavoro è che la nicotina, bloccando il recettore ACE2, potrebbe impedire al virus di entrare nelle cellule polmonari e di replicarsi. Rimangono tuttavia ipotesi da verificare, per quanto interessanti, al fine di potere dimostrare la potenziale efficacia di sostanze o farmaci che intervengono in questi meccanismi. Nonostante ciò, va ricordato che il fumo da sigaretta e quindi la nicotina, rappresenta una sostanza dannosa per l’organismo e quindi occorre smettere di fumare o non farlo, a prescindere da questi spunti di ricerca offerti dalla pandemia COVID19.
Il commissario regionale per l’emergenza Coronavorus spiega ol bollettino di oggi

LE NOSTRE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

I dati letti e commentati dal commissario regionale Sergio Venturi

Per scaricare le INFOGRAFICHE sull’andamento del contagio illustrate dal commissario Venturi: http://www.regione.emilia-romagna.it/…/report_28aprile2020

 

LE NOSTRE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS

LEGGI ANCHE, IL NOSTRO SPECIALE CORONAVIRUS

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]