Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

AUSL Modena: stabili casi COVID ricoverati, graduale diminuzione pazienti in Terapia Intensiva

MODENA – I due stabilimenti dell’Azienda Ospedaliero Universitaria hanno reso noto il bollettino con le principali notizie rispetto alle attività organizzative in riferimento all’infezione COVID-19 attuate in stretta e costante sinergia con l’Azienda USL di Modena, nell’ottica di garantire un’azione di sistema.

Situazione ricoveri casi sospetti e accertati

Prosegue una diminuzione, seppur lenta, dei casi, dopo il picco registrato a fine marzo. I casi COVID accertati ricoverati si sono mantenuti stabili negli ultimi giorni, con una parallela graduale diminuzione dei pazienti ricoverati in Terapia Intensiva.

La situazione di stamattina vede nel complesso ricoverati in Azienda Ospedaliero -Universitaria 86 pazienti COVID positivi: 26 all’Ospedale Civile e 60 al Policlinico. Di questi, sono in terapia intensiva 21 pazienti, dei quali 8 nella terapia intensiva del Policlinico di Modena e 13 presso l’Ospedale Civile, e 5 pazienti in sub intensiva, distribuiti tra i due ospedali. In degenza ordinaria sono seguiti 60 pazienti, 13 all’Ospedale Civile di Baggiovara e 47 al Policlinico.

La ripresa delle attività: gradualità e sicurezza

È importante ritornare brevemente sul tema della ripresa delle attività. La Regione ha emanato indicazioni precise che illustrano le misure di prevenzione valide per tutte le strutture che erogano prestazioni sanitarie, siano esse pubbliche (in regime istituzionale e libero professionale intramoenia), private accreditate, private non accreditate, studi medici e studi professionali. Gradualità e sicurezza – per cittadini e operatori – sono le parole chiave.
Tenendo conto di questi criteri, è in corso di attuazione un programma di ripartenza delle attività di chirurgia generale e specialistica programmata nei due stabilimenti dell’Azienda (Policlinico e Ospedale Civile). L’obiettivo è arrivare con gradualità a circa il 70 % dell’attività chirurgica precedente all’emergenza, partendo dalle prestazioni in priorità A e B delle diverse discipline presenti in Azienda. La ripresa andrà di pari passo con la progressiva riapertura dei comparti operatori e la gestione dei posti letto, sia di terapia intensiva che di degenza ordinaria chirurgica.
Con gli stessi criteri sono in corso di riavvio le prestazioni ambulatoriali programmate, a partire da quelle sospese a causa dell’emergenza coronavirus. In questa prima fase non sarà possibile prenotare nuove prestazioni programmate, per poter procedere con un recall di quelle sospese. Rimarranno comunque sempre garantiti l’accesso alle urgenze e i controlli previsti dai percorsi della cronicità, oncologici e della gravidanza.
La riattivazione della specialistica passa necessariamente attraverso una revisione delle modalità di organizzazione ed erogazione delle prestazioni ambulatoriali che tenga conto delle indicazioni regionali, con particolare riguardo anche ad una revisione in termini di appropriatezza delle prescrizioni, grazie a collaborazioni strutturate fra specialisti ospedalieri e territorio. Si procederà gradualmente ad ampliare la distribuzione delle attività sulla settimana e a dilazionare il numero di prestazioni/ora per diradare la presenza dei pazienti e degli accompagnatori nelle sale di attesa e nei locali dell’ospedale. Sarà strategico in tal senso l’utilizzo anche di strumenti di telefonata e videochiamata per la valutazione di situazioni cliniche che non necessitano dell’accesso fisico del paziente in ambulatorio.
Saranno le Aziende a richiamare, ciascuna per sua competenza, i pazienti in attesa di una prestazione sospesa, pertanto non sarà necessario per i cittadini ricontattare i canali di prenotazione.

TEMA DELLA SETTIMANA – COME I PRONTO SOCCORSO SI PREPARANO PER LA FASE DUE
Dottor Antonio Luciani, Direttore Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza Policlinico di Modena
Il Pronto Soccorso si sta riorganizzando, sia dal punto di vista strutturale sia dei percorsi, per separare i pazienti con sospetto di COVID19, da quelli non sospetti. In questa fase di parziale riapertura, infatti, è fondamentale riuscire a valutare i pazienti che potrebbero non presentare sintomi evidenti, per indirizzarli nel giusto percorso.
Per questo motivo siamo intervenuti e interverremo sulla logistica e l’organizzazione da un lato per differenziare i percorsi, dall’altro per ospitare i pazienti in attesa di valutazione e i parenti che per legge devono rimanere fuori dal Pronto Soccorso in aree dove è possibile mantenere le distanze.
In questi primi giorni di parziale riapertura, abbiamo assistito a un seppur lieve ritorno di pazienti non appropriati, cioè quei pazienti – codici bianchi verdi – che vengono al pronto Soccorso, invece che rivolgersi al medico di Medicina Generale.
Questo tipo di accessi è negativo già in condizioni normali, ma in questa situazione è importante fare un appello ancora più forte ai cittadini. Venite al pronto Soccorso solo se avete davvero l’esigenza di farlo.
Chiamate sempre il vostro medico MMG prima di recarvi al Pronto Soccorso, per consentirci di lavorare nel modo migliore.

Dottor Geminiano Bandiera, Direttore Pronto Soccorso, Medicina d’Urgenza e Coordinamento provinciale trauma grave, Ospedale Civile di Baggiovara

La nostra attività si modifica costantemente per adattarsi ai continui cambiamenti necessari a gestire questa pandemia.
Questa fase due ci impone un ulteriore sforzo per adattare la struttura e i percorsi alle nuove necessità, in un contesto in cui i volumi di attività legati all’urgenza stanno progressivamente aumentando con la prospettiva che, essendo noi l’HUB provinciale per la traumatologia e le patologie tempo-dipendenti, si debba presto tornare ai volumi precedenti alla chiusura.
La gestione di questi maggiori volumi va effettuata mantenendo tutte le attenzioni che ci permettono di discernere tra coloro che potrebbero essere COVID positivi dagli altri. Un’attenzione che non può però prescindere dal valutare e trattare adeguatamente la patologia per cui realmente il paziente si è recato al Pronto Soccorso e che va gestita al meglio.
Nel nostro specifico contesto, la Medicina d’Urgenza, a Baggiovara, sta ora svolgendo una importantissima funzione di filtro di tutti i ricoveri per intercettare eventuali pazienti positivi e va detto che è proprio lei che ha sostenuto lo sforzo maggiore in questa emergenza, dimostrando se mai ve ne fosse bisogno quanto sia fondamentale disporre di personale duttile e competente, capace di cambiare ruolo e funzione secondo le necessità organizzative del momento.

Non è facile oggi immaginare il futuro, ma è fondamentale rinnovare la raccomandazione di rispettare tutte le precauzioni (mascherine, distanziamento sociale) per evitare il rischio di una recrudescenza dell’epidemia.
È doveroso infine un ringraziamento ai medici, al personale infermieristico e tecnico ed agli OSS per il loro impegno e la loro professionalità.
Considerato anche che, tra tutto il personale della nostra struttura, quello che probabilmente ha affrontato la maggiore fatica fisica e psicologica è stato proprio quello infermieristico.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    Luciano Ligabue al Vox di Nonantola, sul palco in silenzio per salvare la musica live
    E' il messaggio lanciato con un video pubblicato su Facebook ad un anno dallo stop alla musica dal vivo con il pubblico.[...]
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le mascherine trasparenti di Mirandola sbarcano a Sanremo 2021
    Le indossano, tra gli altri, quelli de La strana coppia di Radio Bruno. Sono prodotte da Renometal e commercializzate dalla mirandolese Encaplast [...]
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Danneggiato il grande faggio di Pratignana: i forestali valutano i danni
    Una grossa branca della chioma si è troncata, probabilmente a seguito del peso della neve caduta durante l’inverno [...]
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    Mirandola, in attesa di tempi migliori, l'arrivederci dello storico circolo Aquaragia
    L'emergenza sanitaria mette in crisi Aquaragia, storica realtà associativa mirandolese. Quale futuro per il circolo? Ne discutiamo con Roberto Ganzerli. [...]
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Concordia, i bambini della Gasparini trasformano un parco in una galleria d’arte naturale
    Nota di Irene Salvaterra sul progetto “A scuola in natura” a cura del CEAS La Raganella[...]
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    Mirandola, Letizia Borella racconta la magia del body painting: "Sono una tela viva, indosso l'arte"
    "Body painting significa essenzialmente vestirsi di emozioni diverse, le quali, trasposte cromaticamente sul corpo dell'interprete, si trasformano in arte": è così che Letizia Borella, mirandolese classe 1985, ci introduce ai segreti di quella che lei definisce "un'arte effimera".[...]
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Cavezzo, tutti pazzi per il Carnevale con la Pro Loco Cavezzese
    Sui loro social hanno mostrato in una gallery i travestimenti dei cittadini[...]
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie svela la nuova linea di bambole Fashionistas 2021
    Barbie viene nominata Property n.1 al Mondo del mercato del giocattolo per il 2020 [...]
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Good Morning Secchia, i problemi del fiume affrontati attraverso un format ironico
    Il Pool Comitati, che raggruppa diverse organizzazioni attente alle tematiche legate all'ambiente e in particolare, relative al fiume Secchia ha diffuso un nuovo episodio di Good Morning Secchia[...]
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    Alle Tattoo, opere d'arte su tela per raccontare la storia del tatuaggio
    "Factory MAT75 è un progetto che coinvolge giovani artisti che vogliono rappresentare la storia di questo mondo", spiega Alessandro Bonacorsi[...]