Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Col Coronavirus Università rimessa in attività a tempo di record. Ma il ritorno in aula è lontano – L’INTERVISTA

MODENA- Nel giro di pochi giorni i docenti dell’Università di Modena e Reggio Emilia hanno trasformato le proprie lezioni da presenza a distanza; hanno svolto le lauree a distanza; hanno fatto ripartire i tirocini; e ora si preparano svolgere gli esami della sessione estiva a distanza. L’università italiana ha reagito in tempi record, adattandosi rapidamente ai grandi cambiamenti imposti dall’emergenza sanitaria. Abbiamo chiesto al professore Giacomo Cabri – docente al dipartimento di scienze fisiche, informatiche e matematiche all’università di Modena e Reggio Emilia- come docenti e studenti hanno affrontato e superato lo scoglio della didattica a distanza.

Professor Cabri, l’emergenza sanitaria ha pervaso tutti gli aspetti del quotidiano, quali sono stati gli effetti del Covid-19 sulla vita universitaria?

La situazione di emergenza ha avuto un impatto molto forte sulla vita universitaria. Come si può immaginare, l’educazione e la formazione si basano fortemente sulla interazione personale, che per fortuna non è venuta a mancare ma ha subito delle forti limitazioni, dovute al fatto che venga mediata da un collegamento a distanza.

Esami e lauree online, didattica a distanza: come le è sembrato il riscontro da parte degli studenti?

Certamente svolgere le attività didattiche a distanza ha creato un certo disagio, sia dal punto di vista tecnologico (non tutti gli studenti erano attrezzati per collegarsi) sia dal punto di vista personale, in quanto come già detto viene a essere limitata quella relazione personale che è importantissima per apprendere. Detto questo la mia impressione è che gli studenti abbiano reagito molto bene, capendo la situazione e mettendosi in gioco in prima persona per cercare di superare i problemi. Certo, i problemi ci sono stati, ma la collaborazione tra docenti, tecnici e studenti ha permesso di superarli.

Il Covid-19 ha cambiato il rapporto docente/studente? Se si, in che modo?

Certamente la relazione mediata da un collegamento a distanza è diversa dalla relazione in presenza. Anche per i docenti non è facile fare lezione senza avere di fronte i visi degli studenti che fanno capire come sta andando la lezione. Ma devo dire che il rapporto in sé non ha subito grosse modifiche, anzi mi è sembrata una occasione per mettersi in gioco, per risolvere insieme i problemi e per trattare quegli aspetti che forse in passato erano un po’ dati per scontati.

In che modo il personale docente ha risposto alla “sfida” imposta dall’emergenza sanitaria e come è stato impostare un modo di fare lezione del tutto nuovo?

Anche questo non è stato facile, ma devo dire che la risposta è stata ottima. Mi aspettavo qualche resistenza, dovuta alla richiesta di cambiare la modalità di lezione di un intero semestre nel giro di pochi giorni. Ma tutti i docenti si sono messi in gioco, cercando anche di capire come sfruttare al meglio questa opportunità per imparare nuove modalità. Speriamo di tornare in presenza al più presto, ma sicuramente questa esperienza ci ha insegnato diverse cose, sia dal punto di vista tecnologico sia dal punto di vista personale.

Quanto ha inciso sulla formazione il digital divide che l’Italia fronteggia da tempo?

Purtroppo ha inciso, anche se per un numero limitato di studenti che hanno avuto problemi a accedere alle lezioni all’inizio dell’emergenza. Per fortuna l’Azienda regionale per il diritto allo studio ha messo a disposizione degli strumenti per gli studenti più in difficoltà. Ma credo che un ragionamento a livello nazionale sul digital divide sia opportuno, e magari sia l’occasione per far fare al nostro paese uno scatto in avanti.

La pandemia ha messo a dura prova scuole e atenei: il sistema universitario, secondo lei, ha retto a questa emergenza?

Secondo me sì ed è riuscito a dare una pronta risposta. Come dicevo in una settimana i docenti Unimore hanno trasformato le proprie lezioni da presenza a distanza; abbiamo svolto le lauree a distanza; abbiamo fatto ripartire i tirocini; ci stiamo preparando a svolgere gli esami della sessione estiva a distanza. Il nostro obiettivo è quello di non rallentare il percorso formativo dei nostri studenti, perché il nostro territorio e il nostro paese hanno bisogno di laureati.

Per l’inizio del prossimo anno accademico, possiamo augurarci un “ritorno alla normalità”?

Se con “normalità” intendiamo tutte le attività didattiche in presenza, temo proprio di no. Purtroppo dobbiamo essere molto cauti per evitare una ricaduta. Il sistema universitario ha due aspetti che lo rendono più a rischio rispetto a altre realtà come ad esempio le scuole: la quantità di studenti e la provenienza degli studenti. Abbiamo classi anche da 300-500 studenti, nei corridoio di un dipartimento si possono incrociare un migliaio di studenti, questo comporta un rischio elevato di contagio. In più gli studenti Unimore provengono da tutta Italia e anche questo aumenta il rischio di contagio. Questo non vuol dire che faremo tutto a distanza, anzi contiamo di far ripartire diverse attività in presenza, quelle meno rischiose, anche per dare un segnale positivo alla comunità. Infine la situazione è in rapida evoluzione e noi come ateneo ci adegueremo alle normative nazionali e regionali.

 

 

 

 

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto
Glocal
BTP Futura, il primo titolo di Stato interamente dedicato ai risparmiatori retail
Il Governo presenta una vera e propria novità per i risparmiatori italiani particolarmente affezionati ai titoli di Stato: il BTP Futura. Un nuovo Titolo di Stato dedicato esclusivamente ai risparmiatori individuali.leggi tutto
Glocal
Covid-19: call di Civic Action per le migliori pratiche di senso civico
Civic Action va alla ricerca di tutte quelle esperienze e pratiche che hanno il potenziale per svilupparsi anche dopo l’emergenza, per costituire la base di un nuovo e più robusto tessuto civico.leggi tutto
Glocal
Quali Paesi danno il meglio nella lotta al Covid-19
Una ricerca realizzata da ECV, classifica gli Stati colpiti dal virus in tre categorie: Winning (vincenti), Nearly there (quasi arrivati) e Need action (bisogno di azione).leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protetteleggi tutto
Glocal
Covid-19: i provvedimenti dell'UE per il rilancio dell'economia
La Commissione europea ha predisposto un piano che non ha precedenti: oltre 1.000 miliardi di euro per assistere imprese e famiglie nel contrasto al Covid19.leggi tutto
Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienzaleggi tutto
Glocal
Covid19: i Paesi con la migliore Sanità al mondo
La pandemia del virus Covid19 sta mettendo in crisi Paesi che vantano sistemi sanitari considerati tra i più eccellenti e performanti del mondo.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - L'autismo ai tempi del Coronavirus
    Intervista a Cristina, mamma di Francesco e Lorenzo.[...]

    Curiosità

    Attenzione a cliccare ripetutamente la conferma del pagamento on line, potresti acquistare 28 Tesla per sbaglio
    Attenzione a cliccare ripetutamente la conferma del pagamento on line, potresti acquistare 28 Tesla per sbaglio
    E’ accaduto in Germania. L'importo totale raggiunto dall'ordinazione dell'uomo è stato di 1,4 milioni di euro[...]
    A Gavello i volontari fanno belle le aiuole spartitraffico
    A Gavello i volontari fanno belle le aiuole spartitraffico
    Nella frazione di Mirandola sono i cittadini che si occupano delle aiuole in strada, con risultati davvero a livello professionale.[...]
    San Zenone e Finale Emilia, la storia del Santo che si festeggia il 9 luglio
    San Zenone e Finale Emilia, la storia del Santo che si festeggia il 9 luglio
    Dei diversi santi che portano lo stesso nome, il nostro è il tribuno romano martirizzato a Roma sotto Diocleziano[...]
    Per il lockdown in Emilia la cultura ha un profondo rosso di 45 milioni di euro
    Per il lockdown in Emilia la cultura ha un profondo rosso di 45 milioni di euro
    Annullati 3.198 spettacoli di prosa, circo, performance, 26 festival e rassegne di spettacolo dal vivo, 910 appuntamenti musicali, 2.045 eventi in biblioteche e archivi[...]
    Policlinico di Modena, una gravissima presentazione clinica di tumore del sangue si cura senza trasfusioni
    Policlinico di Modena, una gravissima presentazione clinica di tumore del sangue si cura senza trasfusioni
    La medicina “bloodless” (ovvero “senza sangue”) è sempre più diffusa. E può salvare la vita anche a chi è malato di leucemia[...]
    "Non abbattete le scuole di Finale". La protesta corre sul web con le foto dei vecchi alunni
    "Non abbattete le scuole di Finale". La protesta corre sul web con le foto dei vecchi alunni
    Ruspe sullo storico stabile dell’ingegnere finalese Umberto Pincelli per farci un parcheggio: è il progetto del Comune[...]
    Addio all'architetto Tiziano Lugli, progettò la sede del Comune di Bastiglia
    Addio all'architetto Tiziano Lugli, progettò la sede del Comune di Bastiglia
    Fu opera giovanile del noto urbanista modenese, ispirata a Ville Savoye di Le Corbusier[...]
    Ritrovamento hot durante la pulizia degli argini a Finale. Tra i rifiuti spunta una bambola gonfiabile
    Ritrovamento hot durante la pulizia degli argini a Finale. Tra i rifiuti spunta una bambola gonfiabile
    E' stata tanta la sorpesa -mista anche a un bel po' di schifo - dei volontari  di Mani pulite che l'altro giorno stavano raccogliendo i rifiuti lasciati in giro per il paese dai maleducati.[...]