Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

“Diritto alla scuola – Senza scuola non si lavora: la campagna delle mamme e dei papà che lavorano

“Diritto alla scuola – Senza scuola non si lavora”, ecco la campagna delle mamme e dei papà che lavorano tra Modena, Bologna e Imola e che dopo due mesi di scuole chiuse, stanno facendo da maestri, assistenti informatici, educatori, e ora si sono organizzati per ricordare che “non è un passatempo, né un posteggio: la scuola è un luogo fondamentale per lo sviluppo cognitivo, emotivo e sociale dei nostri bambini: la scuola è un diritto, oltreché un dovere. Le famiglie e il tessuto produttivo dell’Italia sono due facce della stessa medaglia: togliere la scuola significa togliere il lavoro ai genitori, ma soprattutto compromettere la salute, lo sviluppo e l’educazione dei figli”.

Per far sentire lal loro voce stanno usando tutti i canali social: una pagina Facebook (https://www.facebook.com/dirittoallascuola), un sito internet (www.dirittoallascuola.org) e anche una pagina Instagram dove danno volto ai tanti professionisti e genitori che stanno chiedendo a gran voce di essere visti ed ascoltati.

Hanno redatto un manifesto:

Siamo persone normali, abituate a compiere il proprio dovere, che oggi sentono il bisogno di alzare la voce. I temi della scuola, del lavoro e dei diritti dei bambini devono tornare ad essere centrali nell’agenda del Paese.

Nella fumosa progettazione della cosiddetta “Fase 2” le famiglie sembrano soltanto una categoria astratta, scollegata dal mondo del lavoro e dell’economia. Si ignora, colpevolmente, che proprio le persone rappresentano l’anello di congiunzione tra la dimensione economica di un Paese e quella sociale. Si parla dei lavoratori perché è necessario riavviare le attività produttive, ma se i lavoratori diventano persone, con famiglie da tutelare, improvvisamente non se ne parla più. I genitori sono invisibili agli occhi dei nostri governanti e, con loro, i bambini.

Ancora una volta, in questo Paese essere genitori è una questione privata, non meritevole di considerazione da parte di chi progetta il nostro futuro e le sorti di un Paese che, evidentemente, ha dimenticato un particolare importante.

I nostri figli sono la società di domani.

Un Paese capace di progettare il proprio futuro sa che i bambini e i ragazzi sono un bene prezioso da coltivare.

Garantire la formazione dei bambini non è un lusso, ma una necessità primaria. La scuola non è un passatempo, né un posteggio: la scuola è un luogo fondamentale per lo sviluppo cognitivo, emotivo e sociale dei nostri bambini. Il ritardo nella ripresa delle attività scolastiche avrà un profondo impatto sociale, perché la scuola è un luogo di integrazione e in certi casi, purtroppo, anche di protezione dei minori.

E infine ci siamo anche noi. Abituati da sempre ad arrangiarci nella difficile arte di incastrare esigenze familiari e professionali, oggi ci troviamo a dover scegliere tra la responsabilità di portare avanti il nostro lavoro e la necessità di prenderci cura dei nostri figli. Inutile dire quale tensione ciò possa creare nelle nostre famiglie. Inutile dire che saranno, ancora una volta, tante donne a sacrificare la propria ambizione professionale, con buona pace delle già pessime statistiche sull’occupazione femminile in Italia. E che non saranno solamente gli individui a perdere, ma tutto il sistema economico e produttivo del nostro Paese, che spende risorse a formare professionalità qualificate e poi le perde a causa di politiche sociali miopi ed arretrate.

Oggi noi non vogliamo tacere.

Vogliamo che tutti i genitori come noi, che ogni giorno lavorano in silenzio, alzino la voce per farsi sentire. Occorre cercare e trovare soluzioni che possano rispondere alle esigenze di tutta la società: non abbiamo la risposta in mano, siamo consapevoli che l’orizzonte è incerto e bisogna procedere con cautela, pronti a rivedere i piani sulla base degli eventi, ma in nessun caso l’incertezza giustifica la rinuncia ad agire.

Non vogliamo sentirci dire che per i nostri bambini si può attendere: non si può e non si deve attendere.

La scuola deve seriamente entrare nell’agenda di governo e diventare il punto cruciale di qualunque piano di ripartenza del Paese: non va lasciata alle capacità dei dirigenti scolastici, alla dedizione dei singoli docenti o derubricata a problema privato.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    Monari Federzoni e Consorzio Opera presentano l’Aceto di Pere Non Filtrato
    La storica azienda modenese porta avanti l’ampliamento della propria gamma di prodotti con una referenza pensata per valorizzare i piatti di ogni giorno con un tocco di gusto e originalità in più[...]
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    Promossi Guglielmo Golinelli e Giuditta Pini, bocciato Emanuele Cestari: ecco le pagelle di Federconsumatori agli onorevoli
    L'indagine "Quel treno per Roma" analizza l'operato degli onorevoli del territorio, facendo riferimento alla loro attività parlamentare e alla presenza capillare nei problemi della nostra area. [...]
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    Strage Bologna, un murale a Modena in zona stazione per ricordare il 2 agosto 1980
    L'opera sarà completata venerdì dall'artista modenese Luca Zamoc, che sta lavorando sulla facciata di una palazzina in viale Monte Kosica 56[...]
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    Aperte le votazioni sul sito Fai per sostenere il Casino di caccia del duca a San Felice
    E' tornata la nuova edizione de I luoghi del cuore del FAI che l'anno scorso vide lo strico edificio sanfeliciano arrivare primo tra i modenesi[...]
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Poliziotto di Mirandola salvò 3 ragazzi da incidente stradale, il web lo consacra
    Grazie a un post su Facebook di agente Lisa, la pagina più social friendly della Polizia italiana, che ne ha raccontato la storia domenica scorsa.[...]
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    A Cavezzo scoperto l'asteroide 80652 ed è stato dedicato a... Alberto Angela
    Il momento migliore per vederlo sarà a marzo. E chissà se anche il popolare presentatore verrà a Cavezzo per osservarlo dai telescopi del nostro Osservatorio[...]
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    A la Mirandula, un contributo del Coro Città di Mirandola per la città
    Alcune scene del video sono state registrate prima del DPCM dell'8 marzo 2020[...]
    Dal Teatro del Popolo di Concordia la Compagnia Instabili Vaganti presenta "Alone"
    Dal Teatro del Popolo di Concordia la Compagnia Instabili Vaganti presenta "Alone"
    Come la pandemia ha cambiato le nostre vite in 8 episodi e ½” è il sottotitolo che rivela la precisa linea narrativa di “8 e ½ Theatre Clips” (Italia - Iran, 2020)[...]