Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Ospedale di Carpi: svuotati i reparti Covid, sanificazione in corso

All’Ospedale Ramazzini di Carpi sono oggi vuoti i “reparti covid”: le uniche due persone positive sono ricoverate nell’area dedicata in Medicina d’Urgenza, mentre le aree della Medicina interna, utilizzate negli ultimi mesi per il ricovero dei pazienti covid che non necessitavano di rianimazione, sono in corso di sanificazione per essere pronte, da lunedì 25 maggio, a riavviare la propria attività, in maniera graduale ed estremamente prudente, a protezione di operatori e cittadini.

Anche in Rianimazione non vi sono più pazienti covid, ma rimangono ancora per tutta la settimana i letti aggiuntivi di emergenza allestiti nel blocco operatorio. All’ingresso del Pronto Soccorso resta attivo il pre-triage, con percorso dedicato per i pazienti con sospetto covid. Mantenute aree filtro per l’isolamento dei pazienti in attesa dell’esito del tampone.

La sinergia tra tutte le figure professionali – dai medici, agli infermieri, tecnici, oss fino agli operatori delle pulizie che hanno curato ogni giorno la sanificazione delle stanze – ha permesso di affrontare l’emergenza: è di circa 210 il totale dei ricoveri raggiunto dal Ramazzini, un volume di pazienti che ha richiesto il coinvolgimento di diversi reparti nell’accoglienza e assistenza.

 

“Non abbiamo più pazienti covid ricoverati nei reparti dedicati – osserva Carlo Di Donato, direttore dell’Unità Operativa di Medicina Interna del Ramazzini – ora potremo riprendere con la vocazione originaria del reparto, dopo la sanificazione in corso in questi giorni. Desidero ringraziare tutti i colleghi e operatori, anche degli altri reparti, per l’ottimo lavoro, ciascuno ha davvero dato il massimo per affrontare i diversi contesti assistenziali, le situazioni che si modificavano di settimana in settimana, con grande flessibilità e disponibilità”.

Nonostante il covid, la Medicina ha scelto di dedicare personale per mantenere attivo il Day Hospital internistico, separato, per i pazienti critici e urgenti, con l’obiettivo di ridurre per loro il rischio di ventuale ospedalizzazione.

 

Osserva Vincenzo Ferrari, medico dell’UO e figura di riferimento nella gestione dell’emergenza: “Nel reparto, oltre all’assistenza sanitaria, si è cercato di porre attenzione alla dimensione relazionale, mettendo i pazienti in comunicazione con i propri cari attraverso i tablet. Anche l’aspetto spirituale è stato ‘curato’ grazie a dei medici che hanno portato loro stessi la comunione ai ricoverati che lo richiedevano.

Abbiamo avuto un grande aiuto da parte dei colleghi degli altri reparti: non saremmo riusciti ad affrontare l’emergenza se un esercito di medici del Ramazzini, primari compresi, non si fosse resi disponibili ad affiancarci, anche con i turni di notte e le sostituzioni. Tutti si sono messi in gioco e dobbiamo davvero ringraziarli.

Siamo arrivati ad avere nella nostra UO anche sessanta pazienti ricoverati durante l’emergenza, nessuno di noi può escludere che possa ripetersi una diffusione del virus: noi facciamo la nostra parte – conclude – l’Ospedale rimane punto nodale nella lotta al coronavirus ma anche i cittadini devono fare la loro parte osservando le misure di distanziamento e di prevenzione previste per questa nuova fase”.

COVID19: si svuotano le medicine dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena 

Una Buona notizia che non deve far abbassare la guardia

 

Anche a Modena si svuotano le aree COVID aggiuntive degli ospedali, realizzate nel momento di massimo afflusso. Nei giorni scorsi la COVID Room dell’Ospedale Civile ha dimesso l’ultimo paziente positivo, ieri è stata la volta della struttura al Policlinico di Modena. Di conseguenza, da oggi, i pazienti COVID non intensivi, sono ricoverati nelle aree mediche dedicate in Malattie Infettive. L’evento è stato celebrato, in entrambi gli ospedali con una piccola cerimonia ed un flashmob.

 

Si tratta di un traguardo simbolico per entrambi gli ospedali – ha spiegato il prof. Antonello Pietrangelo, Direttore del Dipartimento di Medicina Interna Generale, D’Urgenza e Post-Acuzie – che indica come con lentezza e fatica stiamo tornando alla normalità, grazie al lavoro di tutti e alle misure di prevenzione e distanziamento sociale. I dati dei ricoveri, però, non ci consentono di abbassare la guardia, perché il virus non è sconfitto. Dobbiamo seguire le disposizioni per operare tutti in sicurezza perché purtroppo basta un attimo perché la situazione possa peggiorare nuovamente. Oggi chiude l’ultima Sezione Covid del Policlinico gestita dalle Medicine, che nel periodo dell’emergenza, in ambedue gli stabilimenti, hanno gestito il maggior numero di pazienti Covid ricoverati”.  Il dato odierno dei ricoveri a questo proposito è significativo. Oggi sono 32 i pazienti ricoverati in Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena, 17 in Degenza Ordinaria, 2 in Sub-Intensiva al Policlinico, 13 in Terapia Intensiva (4 al Policlinico, 9 all’Ospedale Civile). Sia al Policlinico sia all’Ospedale Civile tutti i pazienti ricoverati sono sottoposti a tampone ed inviati in aree filtro in attesa del risultato per poi essere avviati in sicurezza nei reparti di competenza.

 

È fondamentale, inoltre precisare che tutti i cittadini sono invitati presentarsi massimo 10’ minuti prima dell’appuntamento, poiché chi dovesse arrivare prima sarebbe costretto ad attendere fuori dall’ospedale creando possibili assembramenti. È necessario presentarsi con la mascherina. All’ingresso, il personale dell’Azienda misura la temperatura corporea e fornisce il gel per le mani.

 

È utile a questo proposito ricordare che sia al Policlinico sia all’Ospedale Civile sono attive aree filtro per i pazienti sospetti che consentono di mantenerli separati dagli altri.

 

Abbiamo attivato le COVID Room nelle prime settimane di marzo – hanno ricordato il dottor Lucio Brugioni, Responsabile della COVID Room del Policlinico e il dottor Giovanni Pinelli Responsabile della COVID Room dell’Ospedale Civile – per dare una risposta a quei pazienti che si ponevano con condizioni cliniche intermedie tra le terapie intensive e il ricovero in malattie infettive o pneumologia. Ci siamo occupati di pazienti molto complessi, oggi questa chiusura è un simbolo della fase2 per i nostri ospedali ma la loro apertura è il monito a non abbassare la guardia. Queste aree sono state anche una bellissima esperienza di collaborazione tra professionisti – sia medici sia personale infermieristico – arrivati da diversi reparti che hanno tutti lavorato insieme in un momento difficile. A loro va il nostro ringraziamento”

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca di Bomporto mette in vendita libri, l'intervista
    La biblioteca, nell'immaginario, è il posto che i libri li salva, non che li dà via. Abbiamo voluto capire di più su questa scelta intervistando Luca Verri, responsabile della biblioteca di Bomporto.[...]