Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Sanatoria immigrati: il SIULP dice no

Il Sindacato italiani unitario lavoratori polizia (SIULP) ha inviato una nota stampa relativa alla sanatoria relativa all’immigrazione e all’emersione del lavoro nero. La riportiamo in forma integrale:

Apprendiamo da media la notizia dell’imminente procedura di “emersione di rapporti di lavoro” (sanatoria) che potrebbe condurre alla regolarizzazione di centinaia di migliaia cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale a far tempo dall’8 marzo 2020 in posizione di irregolarità o clandestinità.

Tale procedura sarebbe inserita nell’ambito del c.d. “decreto rilancio” e coinvolgerebbe la forza lavoro di Questure e Prefetture a partire dal 1° giugno 2020. Nella bozza in nostro possesso vi è la previsione di assunzione a tempo determinato (6 mesi più 6) di 900 unità di personale impiegatizio da inserire nei competenti uffici del Ministero dell’Interno.

Non è nostra intenzione discutere nel merito dell’opportunità politica di attivare tale procedura, che dal 2009 in poi si ripete ciclicamente assumendo diverse denominazioni (sanatoria, emersione, regolarizzazione ecc..), ma che in sostanza non fa altro, come le precedenti, che “regolarizzare” cittadini stranieri entrati o soggiornanti irregolarmente, o peggio clandestinamente, nel nostro paese.

A dispetto di chi, con enormi sacrifici, anche economici, è entrato e soggiorna legalmente rispettando le leggi che questo Paese si è dato. Ovvero veicolando il messaggio che “In Italia si può entrare e stare anche in difetto di autorizzazioni e requisiti, tanto prima o poi si verrà sanati”.

Più nel tecnico osserviamo che le esperienze dal 2009 in avanti sembra non abbiano insegnato nulla, nel senso che l’enorme mole di lavoro che si sta per abbattere sugli uffici delle Questure/Prefetture, che oggi dispongono di scarse risorse umani e materiali, porteranno ad un allungamento inevitabile dei tempi di verifica e rilascio dei titoli di soggiorno, ordinari e straordinari.

Senza dimenticare il probabile intasamento delle procure a seguito delle denunce per la falsità negli atti prodotti, o per lo “sfruttamento” della posizione di debolezza del “regolarizzando” il quale, come le passate indagini insegnano, spesso è stato obbligato a pagare di tasca propria anche gli oneri finanziari previsti in capo al datore di lavoro, in cambio di un contratto di lavoro apparentemente legale.

Ricordiamo che dal 2009 in avanti gli organici della Polizia di Stato, e quindi anche degli Uffici Immigrazione, hanno subito tagli di migliaia di operatori mai rimpiazzati, e che i 900 interinali previsti, sono un numero assolutamente inadeguato al bisogno.

E che non si pensi di sottrarre risorse al controllo del territorio, alle attività di prevenzione ovvero informative ed investigative, per dirottarle alle attività amministrative degli uffici immigrazione al fine di emettere i permessi di soggiorno nei tempi previsti.

Ovvero aumentare a dismisura i carichi di lavoro sul personale di polizia e civile ivi impiegato e che già adesso non ce la fa, nonostante l’impegno costante e meritorio, a disbrigare le pratiche nei tempi previsti, per poi anche sentirsi biasimato da chi, con pregiudizio ed interesse personale o politico, critica questi lavoratori.

Non giova, alla procedura, la fretta con la quale si sta costruendo la norma che la regola, proprio in un periodo nel quale la nota emergenza sanitaria “COVID  19” ha convogliato a casa tanti operatori, chi in congedo ordinario straordinario, chi in dispensa od esonero dal servizio, ed altri in “lavoro agile”.

Ed è ovvio che l’attività di sportello (informativa, ricezione pratiche, consegna permessi ecc..) debba essere fatta in “presenza” fisica dell’operatore, come del resto l’attività accertatoria conseguente, che prevede la consultazione di banche dati investigative e giudiziarie richiedenti criteri di sicurezza assolutamente non esportabili su reti digitali esterne non altamente protette, come ampiamente risaputo.

Per il 15 giugno il Ministero dell’Interno, con lungimiranza, aveva organizzato la ripartenza a pieno regime degli uffici Immigrazione (ora solo parzialmente aperti e mai chiusi del tutto), per le pratiche dei regolari soggiornanti stranieri che ora, dopo mesi di attesa, si vedranno invece scavalcati dai loro connazionali irregolari, che a seguito di una procedura affrettata e superficiale godranno di una corsia temporale “preferenziale” a decorrere dal 1° giugno.

Rammentiamo un detto popolare che recita: “La gatta frettolosa fa i gattini ciechi”, speriamo di non perdere la vista.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    San Felice "ed 'na volta", i detti e le espressioni dialettali della tradizione
    San Felice "ed 'na volta", i detti e le espressioni dialettali della tradizione
    Grazie alla collaborazione di tanti sanfeliciani sul gruppo "Sei di San Felice se"[...]
    Su questa mascherina il virus non si attacca, a Nonantola la propone la Fanny
    Su questa mascherina il virus non si attacca, a Nonantola la propone la Fanny
    E' coperta da una sostanza idro oleofobica che fa scivolare le goccioline con il virus che tentano di attaccarsi alla mascherina[...]
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Bautista collabora da aprile 2019 con il producer salentino Machweo[...]
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    I giovani mirandolesi alla trasmissione Rob-O-Cod, un game show televisivo italiano dedicato al "coding" e alla robotica[...]
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    La tecnologia accorcia le distanze tra Modena ed i Paesi in cui non è ancora possibile tornare a viaggiare per promuovere il prodotto[...]
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    E' arrivata in udienza a Bologna la polemica tra il conduttore televisivo e il virologo [...]
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    Eì stata votata dagli ascoltatori delle radio italiane. Uscì il 30 aprile 1979 sul lato B dell'album "Non siamo mica gli Americani", poi ristampata proprio con il titolo di Albachiara a causa del suo immediato successo.[...]
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Andrà insieme alle altre che hanno vinto un titolo alla finale nazionale a Salsomaggiore nel prossimo maggio 2021, nella sede di Miss Italia.[...]
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Primo corso di formazione per operatori in interventi assistiti con gli animali[...]
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    Al termine le riprese del documentario musicale, co-prodotto dal Centro Musica di Modena[...]