Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Covid19, scoperta modenese: test sconsigliati nei primi giorni di malattia

Un accurato ed esteso studio condotto sulla letteratura riguardante la sieropositività nei soggetti affetti da SARS-CoV-2 introduce chiarezza sulle risposte ai test sierologici. La ricerca, pubblicata sulla rivista inglese RBMO Journal, ha impegnato un gruppo di ricercatori modenesi, guidati dal Professor Antonio La Marca di Unimore, e comprendente medici di varie strutture ospedaliere cittadine, e colleghi scozzesi. Secondo gli autori della pubblicazione la ricerca degli anticorpi non permette con i test sierologici di identificare in modo preciso i pazienti affetti nei primi giorni di malattia e, quindi, questi test non possono essere usati nel triage dei malati acuti.

Lo sviluppo di anticorpi a SARS-CoV-2 si manifesta nei soggetti venuti a contatto con coronavirus solo dopo il quinto giorno e pertanto i test sierologici secondo uno studio condotto da ricercatori modenesi e dell’Università di Glasgow hanno una performance che non permette di identificare in modo preciso i pazienti affetti nei primi giorni di malattia e sono pertanto sconsigliati.

Questa la conclusione cui è giunto un gruppo di ricerca afferente alla Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, coordinato dal Professor Antonio La Marca del Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Materno-Infantili e dell’Adulto di Unimore, e composto dalla dottoressa Martina Capuzzo del Policlinico di Modena, dai dottori Tommaso Trenti e Laura Roli dell’Ospedale di Baggiovara, della dottoressa Tiziana Paglia dell’Hesperia Hospital di Modena e del Professor Scott Nelson dell’Università di Glasgow (Scozia), che recentemente ha visto pubblicato il proprio studio sulla importante rivista internazionale inglese RBMO Journal.

I ricercatori hanno condotto la più estensiva ricerca della letteratura ad oggi prodotta circa la sierologia (la misurazione degli anticorpi) per la diagnosi del COVID-19, attingendo ad oltre 20.000 studi che riguardano in qualche modo il coronavirus, allo scopo di identificare tutti quei lavori che hanno indagato il ruolo degli anticorpi diretti contro il SARS-CoV-2 nella diagnostica della malattia. Sono stati infine identificati 66 studi per un totale di oltre 25.000 analisi sierologiche.

Da queste pubblicazioni i ricercatori modenesi e scozzesi hanno constatato che la sieropositività è ancora bassa nella maggior parte delle nazioni del mondo, ad esempio è dello 0.13% a Rio Grand do Sul (Brasile), 1.5% in Santa Clara (California), 1.79 % nello Stato dell’Idaho e 7.1% in Atlanta (USA), 1.2% a Edimburgo (Scozia), 3% a Parigi (Francia), 1.7% in Danimarca e  3.3% a Kobe (Giappone) e 9.6% a Whuan (Cina). Se guardiamo poi a specifiche popolazioni ad alto rischio, quali ad esempio i sanitari che hanno prestato servizio in ospedali, la sieropositività non sembra così differente ed è riportata essere del 5.9% in Utah, 5.4% a Lione (Francia), 1.6% in Germania e 2.6 % a Barcellona (Spagna), mentre per l’Italia abbiamo i dati pubblicati di Padova e Bari che sono del 5.25% e 1.5% rispettivamente.

L’infezione virale – spiega il Professor Antonio La Marca di Unimore – è seguita dalla produzione di anticorpi. Le IgA ed IgM, precedono solo di poco la produzione delle IgG, e quindi il riconoscimento di questi anticorpi permette di individuare coloro che sono entrati in contatto con il virus. Ma, cosa molto importante, gli studi più recenti, più ampi e meglio condotti, ci dicono che la sieroconversione può impiegare anche più di due settimane. La percentuale di soggetti affetti che presentano anticorpi circolanti e misurabili è vicina allo 0% nei primi 3 giorni di malattia, del 30% tra la 3° e 7° giornata, del 47.8% nella seconda settimana per poi salire al 93.8% dopo le prime due settimane”.

Questo dimostra – secondo gli autori della pubblicazione – che gli anticorpi non permettono di identificare in modo preciso i pazienti affetti nei primi giorni di malattia, e che quindi non possono essere usati nel triage dei malati acuti. Ma certamente hanno un ruolo in associazione ai tamponi perché permettono di aumentare la capacità di identificare quei soggetti affetti che per svariate ragioni sono risultati negativi al tampone rino-faringeo.  La misurazione degli anticorpi resta sicuramente un ottimo strumento per tracciare la diffusione della malattia nella popolazione e per testare l’efficacia della sieroconversione nei futuri test vaccinali.

La ricerca – conclude il Professor Antonio La Marca – dimostra anche che la performance diagnostica dei test anticorpali, è strettamente legata al metodo di laboratorio usato. I test anticorpali di laboratorio, soprattutto quelli automatizzati e di recente introduzione da parte delle più titolate aziende del settore performano sicuramente meglio dei primi kit prodotti all’inizio della pandemia, e si conferma infine che i test rapidi, le cosiddette “saponette”, hanno una performance mediamente così bassa, da sconsigliarne l’uso”.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto
Glocal
Covid-19: rapporto sull'economia dell'Emilia-Romagna
Secondo il rapporto congiunturale redatto dalla Banca d’Italia, anche l’economia della prosperosa Emilia-Romagna, a causa della diffusione della pandemia di Covid-19, sta soffrendo molto.leggi tutto
Glocal
Lavoro: le figure richieste nel post Covid
Secondo una stima elaborata da Unioncamere, nei prossimi quattro anni, quasi due milioni e mezzo di giovani in possesso di lauree, diplomi e qualifiche professionali troveranno lavoro. Un terzo riguarderà le qualifiche professionali, mentre i restanti due terzi laureati e diplomati.leggi tutto
Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Recuperato l'antico manoscritto che venne rubato dall'Abbazia di Nonantola
    Era stato messo in vendita sul web, sul mercato antiquario. Il 22 gennaio, venerdì, si terrà una cerimonia pubblica per la riconsegna del manoscritto recuperato.[...]
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Con le "Storie a domicilio", il progetto TiPì riparte nella Bassa
    Ripartono le attività di TiPì – Stagione di Teatro Partecipato, il progetto che dal 2016 anima la vita culturale dell'Area Nord della provincia di Modena, con l'iniziativa TPCM – Storie a domicilio.[...]
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Da Eurosets a Medolla la riunione è in stile giapponese
    Inaugurata l’innovativa sala Obeya, di tradizione nipponica, per migliorare i processi decisionali, la creatività e il lavoro di squadra[...]
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    I bimbi vanno in sala operatoria con la Bmw al Policlinico di Modena
    AutoClub, storica concessionaria BMW di Modena ha donato due BMW I8 Spyder Toy Car che accompagneranno il bimbo in sala operatoria. [...]
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    Il Comune di Medolla forma le liste di leva per i nati del 2004, chiamata alle armi in vista?
    E' un atto burocratico perché il servizio militare obbligatorio non è scomparso, ma sospeso. E periodicamente si parla di renderlo operativo, come adesso per il Coronavirus[...]
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    Già diversi casi di pettirossi incollati, colpa della colla per topi in ambienti esterni
    L'allarme dell'associazione "Il Pettirosso" che si trova a curare gli uccellini rimasti incollati[...]
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    Giovane, laureato, impiegato e ama i social media: ecco chi va ai festival cinematografici
    I dati di un'indagine sul pubblico condotta da Regione e DamsLab, attraverso l'analisi di 25 manifestazioni di settore in Emilia-Romagna[...]
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    I personaggi illustri della Bassa: Gregorio Agnini di Finale, deputato e pioniere del socialismo italiano
    La Bassa territorio di personaggi illustri, oggi si parla del deputato finalese Gregorio Agnini: pioniere del socialismo italiano e fondatore delle leghe dei braccianti in Emilia.[...]
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Domenica attesa la neve anche nella Bassa
    Durerà poco ma dovrebbe poggiarsi[...]