Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

Lezioni universitarie a distanza, gli studenti: “Promosse, ma con riserva”

Studentesse e studenti Unimore promuovono le lezioni a distanza proposte dalle docenti e dai docenti dell’Ateneo. Ma secondo un’indagine interdisciplinare condotta tra le iscritte e gli iscritti emergono anche alcune criticità principalmente legate al dover stare lontano da dipartimenti, biblioteche e aule studio e dalla socialità della vita universitaria. Sorprendentemente i disagi maggiori sono segnalati dalle studentesse. L’indagine, coordinata dalla Professoressa Margherita Russo si è avvalsa, oltre che del supporto dell’Ateneo in termini di comunicazione, della collaborazione dei Centri di ricerca Unimore CAPP – Centro di Analisi delle Politiche Pubbliche, CRID – Centro Interdipartimentale di Ricerca su discriminazioni e vulnerabilità e EDUNOVA.

La grande maggioranza di iscritte e iscritti ad Unimore ha seguito con soddisfazione le lezioni a distanza proposte dall’Ateneo e in buon numero non ha dovuto cambiare le proprie condizioni di studio, ma un quarto degli studenti è confuso e insofferente per la didattica in remoto e quattro studenti su dieci sono disorientati, insoddisfatti dell’apprendimento e confusi su come uscire da questa situazione.

Queste le indicazioni che emergono da una indagine online, la più estesa condotta finora in Italia tra le universitarie ed universitari durante il periodo del lockdown, condotta sulle condizioni di vita e di studio delle studentesse e degli studenti nel periodo 8 aprile – 2 maggio 2020. Alla rilevazione ha risposto il 20% della popolazione studentesca (5.341 studenti e studentesse): un tasso di partecipazione adeguato per cogliere come le iscritte e gli iscritti ad Unimore hanno reagito alla nuova modalità formativa “a distanza” imposta dalle misure restrittive adottate per la pandemia da coronavirus.

L’indagine – spiega la Professoressa Margherita Russo del Dipartimento di Economia Marco Biagi, che ha ideato e coordinato il progetto – aveva come obiettivo quello di superare l’emergenza Covid-19 con maggiore consapevolezza, analizzando le condizioni di vita e di studio degli studenti e cercando gli strumenti più utili a una didattica inclusiva e a uno studio che contribuisca a dare ad ogni studente e a ogni studentessa la possibilità di procedere nel proprio percorso di studi e nel proprio percorso di vita nel migliore dei modi”.

L’indagine è stata rivolta a tutti gli studenti di Unimore che il 6 aprile non avevano ancora presentato la domanda di laurea. Hanno risposto 5.341 studenti con risposte complete e 1.437 con risposte incomplete.

Unimore (nelle sedi di Modena, Reggio Emilia e Mantova) – va precisato – ha goduto di un fattore protettivo rispetto ad altre realtà, dove la provenienza degli studenti è molto più variegata e questo ha fatto sì che nelle settimane del lockdown e, anche ora, il 73,4% dei rispondenti non ha dovuto cambiare radicalmente la propria situazione abitativa, perché residente con la famiglia di origine sul territorio regionale, e pertanto ha potuto integrare agilmente (1/3) la didattica in remoto nella attività di studio ordinaria con entusiasmo o anche solo per disciplina al fine di portare avanti il proprio percorso accademico.

Tutto sommato, la vocazione territoriale dell’Ateneo – precisa la Professoressa Margherita Russo – ha eliminato un fattore di stress e disagio organizzativo che gli studenti hanno invece sperimentato quando hanno preferito rientrare nelle famiglie di origine in una regione più lontana. Per alcuni studenti l’emergenza, invece, ha aggravato condizioni già presenti, mentre per altri non sembra aver inciso in modo significativo sul loro percorso di studi”.

Se l’annullamento degli spostamenti logistici può aver fatto apprezzare i servizi online, è assolutamente da sottolineare come le studentesse e gli studenti lamentino il dover stare lontano da dipartimenti, biblioteche e aule studio e dalla socialità della vita universitaria. Il lockdown ha, infatti, reso evidente quanto le strutture universitarie siano un’infrastruttura indispensabile per la vita e l’apprendimento universitario.

Non solo perché queste strutture rappresentano anche luoghi di aggregazione, di socialità e di confronto critico, ma soprattutto perché offrono ambienti confortevoli di studio, risorse materiali ed elettroniche (libri, e-book, riviste, enciclopedie) e livelli di connessione non sempre disponibili nella propria abitazione: il 3,3% di chi ha risposto all’indagine non ha un dispositivo elettronico per lo studio; il 2% ha solo uno smartphone per studiare o dispositivi obsoleti o ricevuti in prestito; quasi il 13% ha una connessione scarsa o pessima. Queste condizioni non consentono, quindi, di seguire le lezioni a distanza a tutti e tutte, o di seguirle in diretta o scaricare le registrazioni o i materiali didattici. Possono essere critiche anche le condizioni per lo svolgimento della prova d’esame in remoto.

La grande maggioranza di studenti ha seguito le lezioni online con una soddisfazione media sufficiente, senza grandi differenze in termini di anno di corso.

Accanto alla soddisfazione, c’è però da rilevare la più netta sensazione di carico e di affaticamento. Passare molte ore davanti a un monitor per seguire le lezioni rende più pesante e faticoso prendere appunti e seguire con attenzione le lezioni, rispetto alla presenza in aula, anche per via della difficoltà a rimanere concentrati. Infatti, trovare la concentrazione giusta è più difficile nel caso di lezioni in remoto, soprattutto quando le condizioni degli spazi domestici costringono a una convivenza in un ambiente destinato anche ad altre attività.

Un terzo del totale dei partecipanti al questionario assegna un voto almeno sufficiente alla didattica online anche se rimpiange le relazioni sociali e lamenta difficoltà dello studio, mentre solo un terzo assegna un voto negativo all’online.

Fa riflettere, tuttavia, che circa il 40% degli studenti che ha risposto al questionario abbia espresso problemi nell’organizzazione dello studio e tre quarti degli studenti abbiano reagito all’emergenza modificando il proprio modo di studiare.

A conferma dell’importanza delle infrastrutture universitarie, sono proprio la chiusura delle biblioteche e l’assenza di interazione coi colleghi ad aver reso più difficoltosa l’organizzazione dello studio.

L’analisi ha restituito una differenza di genere molto significativa e per certi versi inattesa in questa fascia di età e condizione lavorativa. Se su molti indicatori della modalità e delle difficoltà esperite nello studio non c’è un gap di genere, le studentesse riportano un ulteriore elemento di aggravio nello studio: le loro difficoltà dipendono dalla condivisione dei ruoli di cura e gestione nella sfera domestica. Doversi occupare dei minori, degli anziani o di ammalati incide negativamente sulla capacità di gestione dei tempi di studio delle studentesse rispetto agli studenti, rimandando al tema della diseguale distribuzione dei carichi di lavoro nella sfera domestica ed extradomestica che evidentemente pesa anche sulle giovani studentesse.

È ormai chiaro che l’uscita dall’emergenza sarà un processo graduale. Il punto di vista degli studenti e delle studentesse, che cogliamo da questa rilevazione, – conclude la Professoressa Margherita Russo di Unimore – sarà davvero prezioso per progettare le attività didattiche e i servizi agli studenti del prossimo anno, per offrire una didattica di qualità che risponda alle diverse esigenze e ai diversi contesti di studio. Ulteriori sviluppi dell’analisi potranno riguardare altri approfondimenti sulle specifiche modalità di didattica (a distanza e in presenza) e sulla valutazione delle condizioni di vita e di lavoro del personale docente e tecnico-amministrativo. L’idea di fondo è quella di leggere, attraverso la lente dell’emergenza Covid-19, le dimensioni essenziali per migliorare la qualità della didattica evidenziate dalla rilevazione empirica”.

L’indagine concordata con il Magnifico Rettore Carlo Adolfo Porro, si è appoggiata, specie nella fase di progettazione iniziale, sulle competenze dei Centri di ricerca di Unimore: CAPP – Centro Analisi Politiche Pubbliche, CRID – Centro Interdipartimentale di Ricerca su discriminazioni e vulnerabilità, EDUNOVA.

Gruppo di lavoro. Coordinamento: Margherita Russo, DEMB (Dipartimento di Economia Marco Biagi).

Componenti: Tindara Addabbo – DEMB; Fabrizio Alboni – DEMB; Serena Maria Benedetti – Responsabile Staff di Direzione e URP; Luca Bonacini – Dottorando; Thomas Casadei – Giurisprudenza; Luciano Cecconi – DESU (Dipartimento Educazione e Scienze Umane); Vittorio Colomba – DPO (Responsabile Protezione Dati di Ateneo); Sara Colombini – DEMB; Annamaria De Santis – Edunova; Silvia Ferrari – BIOMED (Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze; Michele Ferrazzano – Giurisprudenza; Gianluigi Fioriglio – Giurisprudenza; Gianmaria Galeazzi – BIOMED; Elisa Gibertini, SIA (Servizi Informatici Applicativi di Unimore); Fabjola Kodra – Studentessa Economia Politiche Pubbliche; Michele Lalla – DEMB; Lara Liverani – DEMB; Giuseppe Marotta – DEMB; Alina Maselli – Scuola di Ateneo Facoltà di Medicina e Chirurgia; Paola Michelini – Direzione Pianificazione valutazione SIA; Tommaso Minerva – Edunova; Isabella Morlini – DEMB; Marina Murat – DEMB; Cinzia Parolini – DEMB; Pasquale Pavone Univ. Sant’Anna Pisa; Giulia Piscitelli – DEMB; Franca Poppi – DSLC (Dipartimento Studi Linguistici e Culturali); Laura Sartori (Univ. Bologna); Paolo Silvestri – DEMB; Chiara Tasselli – Dottoranda; Cinzia Tedeschi – Edunova; Costanza Torricelli – DEMB; Serena Vantin – Giurisprudenza; Gianfrancesco Zanetti -Giurisprudenza.

Il testo completo dell’Indagine sulle condizioni di vita e di studio degli studenti di Unimore, con i risultati e il riferimento ai dati e metadati della ricerca, è disponibile on line (http://merlino.unimo.it/campusone/web_dep/wpdemb/0173.pdf) nel DEMB WP Series n.173 “Covid-19 e studenti UNIMORE: come l’emergenza cambia lo studio e l’esperienza universitaria”, Margherita Russo, Fabrizio Alboni, Sara Colombini, Isabella Morlini, Pasquale Pavone, Laura Sartori, in collaborazione con il gruppo di lavoro IU.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Recessione economica globale da Covid-19
La pandemia sta causando una recessione economica globale.leggi tutto
Lettere persiane
Si torna a scuola, incipit vita nova - LA RIFLESSIONE
E un’autentica paideia civica ed esistenziale, capace di formare la mente e l’anima degli individui educandoli al Mondo della Vita, secondo lo studente mirandolese Giovanni Battista Olianileggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
La biodiversità che non ti aspetti: le Valli mirandolesi
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta della Stazione Ornitologica Modenese che si trova a Mirandolaleggi tutto
La natura nella Bassa che non ti aspetti
Un paradiso terrestre per piante e uccelli: le Meleghine a Finale Emilia - La natura della Bassa che non ti aspetti
La biologa Eleonora Tomasini ci porta alla scoperta dell'oasi faunistica nata dall’impianto di fitodepurazioneleggi tutto
Glocal
Crisi economica: l'innovazione tecnologica come cura
La crisi economica da Covid-19 ci impone di riprogettare il modello imprenditoriale delle nostre imprese, mentre in alcuni casi si dovrà riprendere il primordiale concetto di “innovazione di prodotto e di processo”.leggi tutto
Glocal
Dall'emergenza sanitaria all'emergenza occupazionale
Sono in corso in questi giorni alcune misure per contrastare il danno occupazionale. Tra le misure: incentivi per far ripartire le assunzioni stabili, meno paletti sui contratti a termine, nuove risorse per la Cig e detassazione degli aumenti dei Ccnl.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Spotify, arriva in Italia Radar, tra gli artisti emergenti il carpigiano Bautista
    Bautista collabora da aprile 2019 con il producer salentino Machweo[...]
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    L'invenzione degli studenti del Galilei di Mirandola la racconta la Rai
    I giovani mirandolesi alla trasmissione Rob-O-Cod, un game show televisivo italiano dedicato al "coding" e alla robotica[...]
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    Viaggio attraverso la realtà virtuale nel mondo dell'Aceto Balsamico di Modena
    La tecnologia accorcia le distanze tra Modena ed i Paesi in cui non è ancora possibile tornare a viaggiare per promuovere il prodotto[...]
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    Red Ronnie a processo per diffamazione contro Roberto Burioni
    E' arrivata in udienza a Bologna la polemica tra il conduttore televisivo e il virologo [...]
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    La canzone più amata di sempre? E' Albachiara di Vasco Rossi
    Eì stata votata dagli ascoltatori delle radio italiane. Uscì il 30 aprile 1979 sul lato B dell'album "Non siamo mica gli Americani", poi ristampata proprio con il titolo di Albachiara a causa del suo immediato successo.[...]
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Anche la finalese Azzurra Mazzara sul podio del concorso nazionale di bellezza "Miss Lady Virginia"
    Andrà insieme alle altre che hanno vinto un titolo alla finale nazionale a Salsomaggiore nel prossimo maggio 2021, nella sede di Miss Italia.[...]
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Un corso di formazione per gli interventi assistiti con animali all'Accademia militare di Modena
    Primo corso di formazione per operatori in interventi assistiti con gli animali[...]
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    From Mud, un film che dà voce alla musica alternativa modenese
    Al termine le riprese del documentario musicale, co-prodotto dal Centro Musica di Modena[...]
    C'è San Prospero a X Factor, con la musica de "I trillici"
    C'è San Prospero a X Factor, con la musica de "I trillici"
    Due chiacchiere surreali con la band indie rock in corsa per le selezioni del popolare reality show[...]
    Deturpano i cartelli coi limiti di velocità per farli diventare anti "5G"
    Deturpano i cartelli coi limiti di velocità per farli diventare anti "5G"
    Sono comparsi a Mirandola, tra Massa Finalese e Finale e nel Mantovano, verso Poggio Rusco, e tra Moglia e San Giovanni di Concordia, e andando verso il Ferrarese.[...]