Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
01 Agosto 2021- Aggiornato alle 13:17

La Consulta di Massa Finalese si scioglie: “Dal Comune né condivisione né collaborazione”

MASSA FINALESE – I membri della Consulta di Massa Finalese, Barbara Anconelli, Claudia Panzetta, Tersilia Leporati e Maria Paltrinieri, si sono dimessi, provocando il conseguente scioglimento della stessa. La lettera è stata consegnata il 7 luglio al Comune di Finale Emilia. La riportiamo in forma integrale:

Con la presente siamo a comunicare la dimissione dei membri della Consulta, Anconelli Barbara, Claudia Panzetta, Tersilla Leporati e Maria Paltrinieri e il conseguente scioglimento della stessa, a decorrere dal ricevimento della presente lettera trasmessa tramite protocollo al Comune di Finale Emilia. 

La decisione suddetta è dettata dal fatto che, secondo il nostro parere, non sussistono più le condizioni per portare avanti questo percorso, che dovrebbe fondarsi su un rapporto di condivisione e collaborazione che sempre più, col passare del tempo, è venuto a mancare, causando sfiducia e perdita di credibilità agli occhi dei cittadini. 

La Consulta si è impegnata sin dalla sua elezione nel novembre 2017 per instaurare un canale di dialogo con l’Amministrazione Comunale, mettendo in campo incontri e inviando regolarmente segnalazioni scritte, con la volontà di dare risposta alle istanze dei cittadini. L’intento iniziale, almeno per noi, era di ottenere la fiducia dei cittadini in un organo che li potesse rappresentare, al di fuori degli stretti meccanismi della macchina comunale, attraverso un gruppo di persone che facesse da tramite per stimolare azioni su questioni urgenti e sentite dalla popolazione. 

L’atteggiamento dell’amministrazione invece è stato da subito unidirezionale, soprattutto da parte del sindaco Palazzi, che durante più di un incontro ha chiaramente espresso che non era quella la sua visione e che non era tenuto a dare risposte alla Consulta, delegittimando di fatto questo organo partecipativo. Il sindaco Palazzi durante uno degli incontri ha affermato che, secondo lui, l’unico scopo della Consulta era fare opposizione all’operato dell’amministrazione. Una scocciatura, insomma, non uno strumento che poteva essere utile all’amministrazione per avvicinarsi ai suoi cittadini di Massa. Egli ha sempre preferito sponsorizzare un approccio personale verso le segnalazioni dei singoli cittadini, e non di tipo collettivo attraverso la Consulta, da tenersi preferibilmente su facebook, o promuovendo uno sportello di incontro settimanale al venerdì mattina a Massa Finalese (ci chiediamo se viene ancora svolto questo servizio), chiaro segno che il rapporto con la Consulta non gli è mai interessato. 

Avendo preso atto di questo, avevamo quindi cercato una collaborazione con l’Assessore alle Frazioni Beatrice Ferrarini, che ha dato la sua disponibilità per incontrarci più volte, alla quale abbiamo indirizzato numerose mail e lettere ufficiali di segnalazione. La ringraziamo sicuramente per l’impegno ma, anche in questo caso, riteniamo sia stato insufficiente in quanto le risposte concrete avute sono state poche e spesso rimandavano all’operato di altri enti o uffici o ad aggiornamenti successivi che poi non arrivavano ufficialmente per iscritto, ma solo su nostro sollecito e richiesta verbale. 

Ci sono tutt’ora questioni segnalate da mesi sulle quali non abbiamo ricevuto aggiornamenti dall’amministrazione (ad es. la questione della casa del Custode dei Giardini, la realizzazione della ciclabile alla Palazzina, lo stato della ricostruzione della Chiesa, vari problemi di viabilità, ecc.) e per le quali, sinceramente, ci siamo stancati di sollecitare. 

I meccanismi partecipativi non sono fra le modalità preferite di questa amministrazione. Se la Consulta deve essere solo un organo ad indirizzo comunicativo, e se anche fosse questo per regolamento, allora ci siamo riempiti la bocca per mesi di discorsi di collaborazione e partecipazione per niente: potevamo metterlo in chiaro da subito. Crediamo che, come Consulta, noi avessimo una responsabilità verso i cittadini che venivano da noi a segnalare problemi: quella di rispondere e dare loro riscontro, anche solo per educazione e rispetto. 

Da qui, quindi, la decisione delle dimissioni in blocco e dello scioglimento. Ringraziamo tutti i cittadini che ci hanno sostenuto e ci dispiace se non è stato possibile fare di meglio.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchNuovo Pronto Soccorso di Mirandola, intervista al dottor Stefano Toscani
    • WatchFinale Emilia, saluto del consiglio comunale al luogotenente Cappello
    • WatchLa Bike Map delle Ciclovie nella Bassa Modenese

    La buona notizia

    Restauro del Municipio di Mirandola, impressionante lavoro sulle colonne del loggiato
    Un cantiere importante, anche per le sofisticate tecniche edili e di restauro impiegate, spiega la vicesindaca Letizia Budri[...]
    Medolla, riaperta al traffico via Galeazza
    Era stata chiusa nel marzo scorso[...]
    Scienza e robotica l'Uaar finanzia i progetti per le scuole
    L'idea è di far partire con un entusiasmante insegnamento alternativo alle ore di religione già dal prossimo anno scolastico.[...]

    Curiosità

    Restauro del Municipio di Mirandola, impressionante lavoro sulle colonne del loggiato
    Un cantiere importante, anche per le sofisticate tecniche edili e di restauro impiegate, spiega la vicesindaca Letizia Budri[...]
    Fuori il video della modenese Raffy feat. Ivan Granatino "Ratatà (Boom)"
    Fuori il video della modenese Raffy feat. Ivan Granatino "Ratatà (Boom)"
    Il brano, prodotto al Take Away Studios di Modena è un mix perfetto tra pop e reggaeton dalle sonorità latino-americane in grado di scaldare ulteriormente l'estate 2021[...]
    Registratore di cassa pieno di denaro abbandonato in strada: si cerca il proprietario
    Registratore di cassa pieno di denaro abbandonato in strada: si cerca il proprietario
    Per la restituzione l’esercente, a cui è stato rubato, si può presentare al Comando di Polizia Locale[...]
    Poste Italiane celebra la "Giornata mondiale dell'amicizia"
    Poste Italiane celebra la "Giornata mondiale dell'amicizia"
    La cartolina può essere acquistata in tutti gli uffici postali con sportello filatelico e negli Spazio Filatelia delle principali città al prezzo di 0,90€ e dal 28 luglio al 4 agosto[...]
    Centro "Il Pettirosso": arriva la 12° edizione della "Notte delle Civette"
    Centro "Il Pettirosso": arriva la 12° edizione della "Notte delle Civette"
    L'evento è in programma per giovedì 29 luglio, alle ore 20.30[...]
    Riccardo Muti compie 80 anni e festeggia in Romagna
    Riccardo Muti compie 80 anni e festeggia in Romagna
    Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, ha inviato al Maestro il suo messaggio di auguri.[...]