Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017
03 Agosto 2021- Aggiornato alle 20:39

Studio di Unimore evidenzia le alterazioni delle cellule che producono anticorpi nei pazienti COVID-19

Una nuova scoperta scientifica firmata dal gruppo di lavoro del prof. Andrea Cossarizza, con la dott.ssa Sara De Biasi e il dott. Domenico Lo Tartaro di Unimore, fa emergere un ulteriore effetto dell’infezione da SARS-CoV-2, questa volta sulle cellule che producono anticorpi quali i “linfociti B”. Le osservazioni fatte sono di grande aiuto per elaborare nuove strategie terapeutiche e per capire come creare dei vaccini che abbiano una grande efficacia. L’European Journal of Immunology, una delle principali riviste internazionali del settore, ne ha pubblicato oggi lo studio.

Il gruppo di ricerca di Unimore ha scoperto che nel sangue periferico dei pazienti con polmonite COVID-19 diminuiscono in maniera significativa i linfociti B, sia “vergini”, ovvero che non hanno ancora incontrato il loro antigene, sia le cellule di memoria. Al contrario, nel sangue si trovano in quantità anomala i plasmablasti, cellule immature che dovrebbero invece trovarsi nel midollo osseo e vengono liberati in circolo a seguito della marcata attivazione immunitaria.

E’ un dato nuovo, ma non del tutto inatteso – commenta Andrea Cossarizza di Unimore – che evidenzia ulteriormente il ruolo della tempesta citochinica, e in particolare della interleuchina-6, dal momento che le cellule che abbiamo studiato sono estremamente sensibili ad alcune delle citochine che abbiamo descritto pochi giorni fa nel lavoro uscito su Nature Communications”.

La ricerca è stata eseguita su diversi pazienti ricoverati nei mesi scorsi nella Clinica delle Malattie Infettive diretta dalla prof.ssa Cristina Mussini e nel reparto di Terapia Intensiva del prof. Massimo Girardis, co-autori dello studio.

 “I pazienti – continua il prof. Andrea Cossarizza – hanno mostrato di possedere un buon assetto anticorpale pregresso all’infezione, ovvero avevano nel plasma una quantità normale di anticorpi diretti contro i patogeni da cui le vaccinazioni ci proteggono. Questo ci ha detto che i pazienti avevano in generale una buona capacità di produrre anticorpi prima di ammalarsi. Quello che ci ha un po’ sorpreso è stato vedere che qualche paziente ricoverato per la forma acuta polmonare del COVID-19 aveva anticorpi di tipo IgG contro il virus, ma non IgM. Come dimostrato molto recentemente da colleghi negli Stati Uniti, il virus può mettere in moto una risposta secondaria da parte di cellule di memoria cross-reattive, che sono quelle prodotte contro un precedente Coronavirus. In altre parole, se una persona ha contratto un raffreddore (causato da un Coronavirus diverso dal SARS-CoV-2) qualche anno fa, ha prodotto un primo tipo di anticorpi, di classe IgM, contro questo primo virus. Se poi viene infettata dal SARS-CoV-2, il suo sistema immunitario reagisce come se avesse a che fare di nuovo con il virus precedente, e produce gli stessi anticorpi, questa volta di tipo IgG, che però sono scarsamente efficaci contro il secondo virus”.

Una possibile spiegazione, che necessita ulteriori studi, ma che viene indicata dai ricercatori di Unimore, è che questi anticorpi poco efficienti vengano prodotti anche perché diminuiscono le cellule di memoria e aumentano quelle immature, i plasmablasti. Utilizzando sofisticate tecniche sia di analisi molecolare delle cellule di interesse, sia di bioinformatica, è stato infine dimostrato che la presenza di anticorpi di tipo IgM e l’assetto dei linfociti B possono essere considerati marcatori predittivi di sopravvivenza nei pazienti con la polmonite. Questo potrebbe essere molto utile nel malaugurato caso di una seconda ondata della pandemia.

Non sappiamo ancora moltissime cose, per esempio quanto durino in circolo queste cellule immature, ma ci stiamo ovviamente lavorando. Le nostre osservazioni – conclude il prof. Andrea Cossarizza di Unimore, – non solo spiegano alcuni degli effetti della ormai ben nota tempesta citochinica, ma anche suggeriscono che queste popolazioni di linfociti B vengano tenute in considerazione non solo nel monitoraggio delle persone guarite dall’infezione, ma anche nelle analisi sulla efficacia dei vaccini, che è già in corso con altre metodiche presso diversi centri.

Sono lieto della pubblicazione di questo studio, che conferma il rilievo internazionale della ricerca biomedica Unimore e aggiunge nuove informazioni sulla risposta immunologica al SARS-CoV-2 – dichiara il Rettore Prof. Carlo Adolfo Porro. Nel congratularmi con il gruppo del Prof. Cossarizza auspico che lo sforzo congiunto di tanti eccellenti ricercatori in tutto il mondo ci permetta di avere presto a disposizione nuove armi di difesa contro questo insidioso avversario“.

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
L'economia italiana è in fase di ripresa?
L'agenzia di rating Fitch conferma per quest’anno un rating all’Italia “BBB”, con outlook stabile.leggi tutto
Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Disabilità e Diritto al Lavoro. La storia a lieto fine di Federica Vandelli di San Felice
A 8 anni l'aneurisma cerebrale che le ha cambiato la vita. Oggi il lavoro e la soddisfazione di poter aiutare gli altri. Il racconto di Francesca Monarileggi tutto
Glocal
Dal Covid alla Yolo Economy
Negli Stati Uniti imperversa un fenomeno, che sta cominciando ad interessare anche il vecchio continente: la YOLO ECONOMY, dove YOLO sta per “You Only Live Once”, che tradotto sta per “si vive una volta sola”.leggi tutto
"Il caffè della domenica", Un piccolo spazio trisettimanale a cura di Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto

Sul Panaro on air

  • An error occurred:

    The request cannot be completed because you have exceeded your quota.

    La buona notizia

    In gravidanza le donne si difendono meglio dall’infezione da Covid-19, lo studio modenese
    Il loro sistema immunitario lavora in modo particolare per permettere lo sviluppo del feto. In caso di infezione da coronavirus, le gestanti attivano una risposta specifica e nuova[...]
    Mirandola, il dottor Giorgio Pasetto: “Il panorama della lotta ai tumori è fortunatamente fecondo di idee”
    Il medico ha fondato Medendi, un percorso personalizzato che attraverso una serie di azioni mirate aiuta ad individuare l’opzione di cura migliore, collaborando con l’oncologo di fiducia del paziente nell’interesse dello stesso. [...]
    Restauro del Municipio di Mirandola, impressionante lavoro sulle colonne del loggiato
    Un cantiere importante, anche per le sofisticate tecniche edili e di restauro impiegate, spiega la vicesindaca Letizia Budri[...]

    Curiosità

    Ecco le rotonde della Bassa che finiscono nella classifica delle più brutte del modenese
    L'artista modenese Tommaso Mori si è dilettato a stilare la classifica delle "Quaranta rotonde più brutte della provincia"[...]
    Mirandola, ruba 400 Kg di tronchi d'albero da un'azienda
    Mirandola, ruba 400 Kg di tronchi d'albero da un'azienda
    L'uomo, approfittando di alcune ore di assenza degli operai, è riuscito ad impossessarsene agganciando il rimorchio sul quale erano stati posato, ad un piccolo trattore [...]
    Mamma e figlia campionesse di softball, per loro tatuaggio olimpico a Soliera
    Mamma e figlia campionesse di softball, per loro tatuaggio olimpico a Soliera
    Una bella storia quella di madre e figlia, unite nella stessa passione che le ha portate ad assaporare l'adrenalina e l'euforia di un'esperienza indimenticabile[...]
    In gravidanza le donne si difendono meglio dall’infezione da Covid-19, lo studio modenese
    In gravidanza le donne si difendono meglio dall’infezione da Covid-19, lo studio modenese
    Il loro sistema immunitario lavora in modo particolare per permettere lo sviluppo del feto. In caso di infezione da coronavirus, le gestanti attivano una risposta specifica e nuova[...]
    Restauro del Municipio di Mirandola, impressionante lavoro sulle colonne del loggiato
    Un cantiere importante, anche per le sofisticate tecniche edili e di restauro impiegate, spiega la vicesindaca Letizia Budri[...]
    Fuori il video della modenese Raffy feat. Ivan Granatino "Ratatà (Boom)"
    Fuori il video della modenese Raffy feat. Ivan Granatino "Ratatà (Boom)"
    Il brano, prodotto al Take Away Studios di Modena è un mix perfetto tra pop e reggaeton dalle sonorità latino-americane in grado di scaldare ulteriormente l'estate 2021[...]