Conosciamo i candidati sindaco con 5 domande sul programma che portano avanti con i loro candidati consiglieri. Ecco Silvia Balboni, candidata Sindaca per la lista Insieme per Ravarino.

Cosa propone per ridurre la criminalità e aumentare il senso di sicurezza tra i suoi concittadini?

Per la sicurezza di Ravarino e frazioni sono indispensabili telecamere ocr e videosorveglianza negli ingressi dei paesi e in strade più buie e meno trafficate dove la micro e macro criminalità lavora indisturbata. Quindi anche sostituire la vecchia illuminazione pubblica con quella led per una migliore efficienza delle telecamere, associato al risparmio energetico. Insistere nell’unione del sorbara per portare l’organico della polizia municipale alla quota consentita dalla legge. Incentivare il presidio di Aipo sull’argine del fiume Panaro per una maggiore tutela e verifica in virtù di uno strano aumento di traffico, specie nelle ore notturne. Contrasteremo al massimo l’insediamento di centri culturali islamici con rigida regolamentazione, divieto accampamenti nomadi anche temporanei. Tutela per bambini a scuola e anziani nelle case protette tramite videosorveglianza.

Quali sono le sue idee per migliorare l’ambiente, dal contrasto agli abbandoni di spazzatura all’inquinamento industriale?

Vi è troppa flessibilità nel cercare di far rispettare le regole della raccolta differenziata. Sbagliare è umano perseverare è diabolico.quindi siamo oltre alla tolleranza.

Cosa ha imparato da questa campagna elettorale?

Questa è la mia prima campagna elettorale, ammetto che è stata molto impegnativa ma anche costruttiva. Parlare con le persone è fondamentale e positivo, la cosa negativa è sicuramente l’aver ricevuto in forma anonima insulti umiliazioni e non solo…

Quale sarà la prima ordinanza che varerà se diventa sindaco?

Una delle prime cose che mi piacerebbe fare è rivedere i criteri di assegnazione della case popolari, per iniziare ad aiutare per primi i ravarinesi, specie anziani, disabili o genitori single. Anche il progetto di intallazione telecamere è fondamentale. Come donna, ho pensato ad uno sportello d’ascolto per le vittime di bullismo, abusi e violenza sulle donne. Troppe poche donne per paura smettono di denunciare e questo non deve più accadere. Un uomo che ti picchia o ti violenta non ti ama e se è uno sconosciuto, se non si denuncia abuserà di un’altra donna.

Infine, quale appello al voto rivolge agli elettori? 

Ravarino come tanti piccoli paesi può cambiare dopo decenni di amministrazione di sinistra. Basta avere coraggio, perché dire tra la gente che si vota un partito di centro destra è ancora un tabù e certe persone hanno paura di ritorsioni e ingiustizie.questo è un muro da abbattere perché siamo persone come tante altre che svolgono una vita normale, serena e tranquilla. La solita minestra la stiamo mangiando da troppo tempo. Perché non darci un opportunità?