Si scaldano gli animi dopo che il Comune ha fatto sapere di aver sostituito per tempo i candidati consiglieri che erano stati estratti a sorte per il ruolo di scrutatori. Il Movimento 5 Stelle aveva denunciato alla Gazzetta di Modena che c’erano irregolarità, ma dall’Amministrazione comunale si è fatto sapere che così non è.

sostituzioneAlcuni dei candidati tirati in ballo mostrano documenti a sostegno della ricostruzione fatta dal Comune (a destra) e  hanno preparato un documento per commentare la vicenda.

“Noi, SanFeliciani per ReAgire, ci reputiamo e crediamo di aver fin qui dimostrato di essere capaci,  professionali e attenti a tutte le normative, cerchiamo costantemente di condurre la nostra campagna  elettorale rispettando le regole e l’avversario, mettendo in luce le nostre prerogative senza screditare  nessuno.  Una competizione, anche elettorale, tra avversari intelligenti e con buon senso, è la più alta
espressione di democrazia di cui un paese deve essere orgoglioso.
Ma dopo aver subito le illazioni di una lista avversaria anche noi della lista civica SanFeliciani per ReAgire NON CI STIAMO PIU’ !
Ieri, 18 maggio, la Gazzetta di Modena ha pubblicato un articolo in cui si asserisce che la nostra lista, contrariamente a quanto imposto per legge, ha ben due scrutatori candidati ! Niente di più falso!
Infatti, come voluto dalla legge, i nomi usciti dal sorteggio casuale, e corrispondenti a persone iscritte all’albo degli
scrutatori da anni, ma attualmente candidati sono stati prontamente sostituiti dai membri della commissione elettorale del comune come risulta dal verbale finale e dalla lettera redatta e  protocollata al n. 7796  indirizzata ad un nostro candidato ingiustamente coinvolto in questa assurda farsa.
Vorremmo ricordare a tutti che la campagna elettorale non è uno show e il paese non è un palcoscenico”.