Doni per il terremoto e lo Stato chiede le tasse: ora si prova a rimediare

Ha provocato molta rabbia scoprire che sulle donazioni per la nuova scuola post sisma di Cavezzo lo Stato ha preteso 300 mila euro di Iva, una situazione purtroppo comune a tutti i passaggi di denaro di questo tipo, ma che ha un sapore amaro. Dopo lo scandalo nazionale partito dalla pagine del Corriere della Sera, il Parlamento prova a rimediare: dal Pd è partita oggi una interrogazione al Governo su questo tema.

“Assoggettare, anche indirettamente, all’Iva del 10% le somme ricevute in beneficenza e corrisposte per le spese necessarie alla ricostruzione di opere di valore sociale (scuole, biblioteche, ecc), appare a chi ha donato un balzello incomprensibile e insopportabile, una vera e propria “speculazione” dello Stato sulla generosità e solidarietà dei cittadini”: non usa mezze parole nel suo comunicato stampa il senatore modenese del Pd Stefano Vaccari, secondo firmatario insieme al collega autonomista Vittorio Fravezzi, dell’interrogazione rivolta al ministro dell’Economia e delle Finanze Padoan e al ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Poletti sul caso del nuovo polo scolastico di Cavezzo, in provincia di Modena. Com’è noto, il Corriere della sera e il Tg La 7 hanno raccolto tra i propri lettori e spettatori ben 3 milioni di euro da destinare alla ricostruzione delle scuole nel comune della Bassa modenese colpito dal terremoto del maggio 2012. Ebbene, lo Stato ha applicato l’Iva sulle somme donate, per un totale di 300mila euro.

“Nel nostro Paese la solidarietà e la beneficenza dei cittadini – ricorda Vaccari – hanno spesso permesso di ricostruire nei territori colpiti da calamità naturali strutture pubbliche andate distrutte svolgendo un’importante e tempestiva azione di surroga dell’intervento statale con ciò facendo risparmiare allo Stato milioni e milioni di euro. Le critiche sollevate nel caso di Cavezzo – continua Vaccari –  dovrebbero stimolare l’avvio di un processo di riflessione  riguardo la normativa fiscale da applicare in presenza di interventi di solidarietà che abbiano per oggetto la ricostruzione o la realizzazione di strutture destinate alla comunità colpita”. E’ per questo, quindi, che con l’interrogazione ai ministri Padoan e Poletti si chiede di “rivedere al più presto la disciplina  fiscale che grava sul mondo della solidarietà e della beneficenza, cogliendo l’occasione dell’annunciata riforma del terzo settore e/o della prossima legge di stabilità, per eliminare tutti gli attuali onerosi balzelli e prevedere a favore dei soggetti che effettuano donazioni a fini sociali la detrazione totale ai fini Irpef dell’importo donato”.

 

Sul Panaro on air

    • WatchArresti nella Bassa per crimini legati allo stoccaggio irregolare dei rifiuti
    • WatchAimag, la presidente Monica Borghi parla di bilancio e delle prospettive di fusioni
    • WatchMinorenne deruba una donna con difficoltà motorie

    Curiosità

    San Prospero a Italia Gioca porta la bandiera dell'Emilia-Romagna
    San Prospero a Italia Gioca porta la bandiera dell'Emilia-Romagna
    Il gruppo di ragazze e ragazzi volerà a Cagliari e ha avuto l'onore di essere scelto a rappresentare l'intera regione[...]
    Disabile rimane bloccata in ascensore al cimitero
    Disabile rimane bloccata in ascensore al cimitero
    La signora era in visita, è stata salvata dalla figlia che è riuscita ad avvisare col telefonino[...]
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Le strutture che si trovavano in piazza Martiri diverranno il cuore commerciale della rinascita di questo paese del Centro Italia [...]
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Il portalettere, punto di riferimento insostituibile per le comunità locali sta cambiando il proprio ruolo di pari passo alle nuove abitudini di consumo. [...]
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    Scoperta una truffa informatica ai danni di una impresa di Carpi[...]
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    La giovane, che ha 28 anni ed è di Carpi, è ora in carcere dove dovrà scontare tre anni e nove mesi[...]
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    La situazione nel resto della sala non è migliore. L'ascensore risulta fuori servizio e la finestra rotta[...]
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Nei Paesi extra UE o non convenzionati con l'Italia, i cittadini sono tenuti a pagare in proprio le spese mediche (spesso notevolmente elevate) [...]
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Il rettile, la cui detenzione è vietata, era lungo 70 centimetri[...]
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Come faceva il noto scrittore peruviano che raccontava la sue avventure in sudamericane, il medico di Cavezzo con penna e foto descrive i suoi viaggi nelle terre dei Nativi.[...]