Piene, disagi e frane, la Cgil: “Letti dei fiumi da dragare”

Dopo l’ultima ondata di piena che ha creato disagi e preoccupazioni dall’Appennino alla Bassa, anche Cgil interviene per sostenere la necessità di un nuovo piano che vada oltre la manutenzione ordinaria: “Ancora una volta nella nostra provincia – scrive Cgil nel comunicato –  è allerta per fiumi e frane. Ancora una volta il territorio si sgretola sotto ai nostri piedi a causa delle frane e degli smottamenti, i ponti vengono chiusi a causa delle piene che tornano a fare paura e i nostri comuni vengono feriti come nel caso del muro crollato in centro a Castelvetro. Fare la conta dei danni, pochi o molti che siano, non serve a nessuno; così come non bastano i buoni propositi che, immancabilmente, arrivano sempre dopo questi eventi. Serve intervenire in fretta su quel modello di sviluppo che ha influito sugli eventi climatici, di certo differenti per intensità, tipologia e modalità, rispetto al passato. E serve anche mettere mano alla cura del territorio, a partire da una rigorosa scelta delle opere veramente necessarie, distinguendo tra ciò che mantiene e rafforza l’assetto idro-geologico, da ciò che invece rischia di alterarne le caratteristiche fondamentali, rivelandosi quindi potenzialmente pericoloso. Non basta la semplice manutenzione ordinaria, ma serve un vero e proprio lavoro di cura del territorio che, come chiesto dal Piano per il Lavoro della Cgil, parta dalla messa in sicurezza di tutti gli ambienti per arrivare ad una gestione costante che nel tempo impedisca davvero il ripetersi di episodi come quelli di questi giorni già più volte segnalati e denunciati da associazioni, cittadini e istituzioni locali. Un esempio concreto: se la portata dell’acqua dei nostri si è ridotta drasticamente come ha riportato la stampa in questi giorni è ovvio che il rischio esondazione è dietro l’angolo ogni volta che le piogge sono abbondanti. Se non si interviene dragando il letto dei fiumi e asportando i detriti che vi si accumulano il rischio rimane costante. La scelta tra fare questi investimenti in misura continuativa e massiccia, e non farli, fa la differenza tra un territorio sicuro e uno che invece rincorre l’emergenza, tra una politica che investe in una prospettiva di crescita economica e occupazionale di qualità e una che, al contrario, abbandona il territorio e l’economia ad un progressivo deterioramento. Per questo la Cgil di Modena ritiene indispensabile mantenere alta la guardia sulla realizzazione degli interventi necessari alla messa in sicurezza del territorio, ma allo stesso tempo operare per uno sviluppo sostenibile dal punto di vista ambientale, sociale ed economico”.

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Gara di solidarietà tra gli ex meccanici Ferrari per aiutare il comico Marco Della Noce
    Gara di solidarietà tra gli ex meccanici Ferrari per aiutare il comico Marco Della Noce
    Il comico che interpretava Oriano Ferrari ora vive in auto dopo il dissesto economico causato dalla separazione dalla moglie[...]
    E le lasagne diventano da bere
    E le lasagne diventano da bere
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Era una invenzione di tre uomini, tutti nigeriani e di base a Modena, che a turno intrattenevano in chat la signora truffata[...]
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Comportamento molto pericoloso. Sono intervenuti gli artificieri[...]
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]