SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Conoscevi Carla Gozzi? Aiutaci a onorarne la memoria nel ricordo della Strage di Bologna

Anche la Bassa ha pagato il suo tributo di sangue nella Strage di Bologna, quel terribile 2 agosto quando una bomba fascista strappò la vita a 85 persone, ferendone più di 200, tra i deceduti c’era anche Carla Gozzi, una nostra concittadina di Concordia sulla Secchia, cui il Comune intitolò una via nel 1982.
Si torna a parlare di lei perchè il prossimo 2 agosto, per ricordare la strage della Stazione di Bologna del 1980, 85 narratori racconteranno le 85 vittime in 85 punti della città.

L’iniziativa si chiama Cantiere 2 Agosto ed è patrocinata dal Comune di Bologna, dalla Regione Emilia-Romagna e dall’Università.

Gli 85 narratori scriveranno ciascuno il proprio racconto, con l’assistenza della storica Cinzia Venturoli e la supervisione del regista Matteo Belli.

Ogni racconto, della durata di circa 5 minuti, sarà ripetuto 12 volte fra le 12 e le 24 del 2 agosto 2017 e sarà anche una prova di resistenza per i narratori.

La storia di Carla Gozzi sarà raccontata da Paolo Rocca, che adesso è alla ricerca di testimoni e amici della ragazza per costruire il racconto da diffondere

“Per tenere viva la memoria  – spiega Rocca – non raccontiamo l’atto di terrorismo, le sue ragioni, la vicenda politico-giudiziaria, ma raccontiamo le storie delle vittime. Spesso si dice “vittime innocenti” per significare che le vittime non sono bersagli politici particolari, non sono il “nemico” individuabile dei terroristi, sono persone che casualmente sono presenti nel luogo e nel momento che i terroristi hanno scelto per compiere il loro atto. Luogo e momento che sul piano simbolico e sul piano reale sono stati scelti per massimizzare l’effetto, in termini di numero di persone uccise e ferite, e perché Bologna in quel momento storico è la città simbolo del nemico dei terroristi “neri”, la patria di quello che, a torto o a ragione, veniva ritenuto il “comunismo italiano”. Le persone presenti quel giorno in una grande stazione come Bologna ovviamente provengono da molte parti d’Italia e d’Europa: sabato 2 agosto è una giornata di “esodo” per le vacanze. Siccome vogliamo raccontare l’atto terroristico tramite i suoi effetti, la morte atroce di 85 persone e il ferimento di altre 200, ci concentriamo su di loro”.

Articolo del Resto del Carlino dell’epoca

Carla Gozzi si trova alle 10,25 del 2 agosto 1980 nella Stazione di Bologna perché sta partendo per le vacanze con il fidanzato Umberto Lugli, un carpigiano, anche lui morì sotto la bomba. La scelta del treno è probabilmente dovuta alla meta, le isole Tremiti, dove non si accede con l’auto.

Come tutte le altre vittime, Carla Gozzi è una persona comune, di cui non sappiamo molto, se non che viveva a Concordia sulla Secchia insieme ai genitori. Aveva 36 anni ed era la più giovane di 3 fratelli. I suoi fratelli, tuttora viventi, non abitano più a Concordia e non desiderano essere contattati, per cui per poter raccontare la storia di Carla è necessario raccogliere la testimonianza di persone che l’hanno conosciuta.

Sappiamo che Carla trovò lavoro come segretaria subito dopo la fine della scuola a circa 20 anni e che nel 1980 lavorava come impiegata per il maglificio Elisabeth, una azienda che si trovava a Concordia, fino a pochi anni fa, e che apparteneva alla famiglia Mambrini

Nella costruzione del racconto naturalmente si dovranno dire soltanto cose della cui veridicità si è certi, per cui il narratore vorrebbe parlare con qualcuno che l’abbia conosciuta tra il 1964 e il 1980, sia per motivi di lavoro sia per altri motivi.

Chi abbia notizie e voglia rendere una testimonianza, è pregato di prendere contatto con Paolo Rocca al 347/0709694 o all’indirizzo mail paolorocca1954@gmail.com.

E’ importante farsi avanti. E’ importante condividere il proprio ricordo di Carla. Per farla rivivere almeno nelle parole, per onorarne la memoria nel migliore dei modi.

Rubriche

Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto
Glocal
Bitcoin a picco sotto i 7mila dollari. Lloyds vieta ai clienti l’acquisto.
Il Bitcoin si è più che dimezzato arrivando sotto i 7.000 dollari (-200% rispetto a venerdì 2 febbraio).leggi tutto
Glocal
Cresce il mercato dell’ebook in Italia. L'opinione di Felicia Kingsley
Diminuiscono i lettori dei libri di carta (-3,1%) ma si registra un significativo aumento dei “lettori digitali” (+21% nel 2016 e +16,3% nel 2017).leggi tutto
Sanità, l'opinione di Fabrizio Locatelli
Editoriale del capogruppo FI a San Possidonio e consigliere FI Ucmanleggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Il lupo vive solo in montagna? No, vive anche in pianura. Se ne parla a Mirandola
    Ne parla Matteo Carletti, biologo con tesi di dottorato sul lupo in Appennino[...]
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Cenano e se ne vanno. Inseguiti dai Vigili alla fine pagano il conto
    Due giovani con la scusa di andare a fumare hanno provato a filarsela dal ristorante[...]
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    Per essere infedeli non serve consumare, basta cercare incontri sexy. Lo dice il Tribunale
    E' la sentenza su un caso emiliano che vide una moglie sorprendere il marito a navigare sul web in cerca di relazioni con altre donne[...]
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Piccolo edema alle corde vocali, niente show di Jovanotti a Bologna
    Lo ha ufficializzato lo stesso cantante su Facebook[...]
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    Il Bilancio di genere della Regione diventa una bussola per le politiche contro le discriminazioni
    L’Emilia-Romagna registra un tasso di occupazione femminile tra i più alti del Paese: è del 66,2%[...]
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Tra i migliori chef in sfida Guidetti di Finale Emilia e Cuocci di Bomporto
    Partecipano a“Centomani di questa Terra”, l’evento annuale dell’Associazione culturaleCheftoChe[...]
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    Torna in scena Nevruz: esce il nuovo album del cantante Cavezzo
    L'artista Daniel Bund l'ha già battezzato come "una favolosa opera d'arte" [...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: