Pressione alta, come trattarla con metodi naturali

La pressione alta è una patologia che colpisce milioni di persone in tutto il mondo, in Italia sono affetti il 33% degli uomini ed il 31% delle donne. Queste persone sono trattate con terapie farmacologiche diverse, dai famosissimi diuretici, uno per tutti il Furosemide, agli ACE inibitori es. il Ramipril ed agiscono sulla pressione sanguigna anche i calcio antagonisti come il Diltiazem o la Nifedipina.
Tutte queste molecole sono FARMACI DA UTILIZZARE DOPO UN CONSULTO CON IL PROPRIO MEDICO DI FAMIGLIA O CON UN CARDIOLOGO. Non sono assolutamente farmaci da utilizzare senza il parere del medico.

Se la pressione è leggermente alta (appena sopra i 120 mmHg la massima e appena sopra gli 80 mmHg la minima) e lo è in maniera costante oppure per cause ignote ci sono picchi pressori casuali, allora si può pensare di utilizzare prodotti fitoterapici che contengano IBISCO od OLIVO.

Andando ad analizzare l’Ibisco, storicamente, è una pianta che viene utilizzata per le sue proprietà diuretiche. Ultimamente sembra che abbia anche una efficacia sul sistema renina–angiotensina, così come gli ACE Inibitori. La parte della pianta utilizzata sono i fiori rossi essiccati dell’Hibiscus Sabdariffa. L’Ibisco è una pianta ricca di funzionali tra cui tannini, glicosidi e flavonoidi sono ottimi antiossidanti ed hanno una funzione utile al microcircolo, i fitosteroli hanno una azione positiva sul controllo dei livelli di colesterolemia, vitamina C ottima come antiossidante e utile per rafforzare le difese immunitarie. L’azione principale rimane comunque quella diuretica e vasodilatatoria periferica.

L’altra pianta molto utilizzata nelle terapie antiipertensive naturali è l’Olivo. La parte della pianta utilizzata è la foglia, che sembra avere una attività diuretica e vasodilatatoria periferica. Questa azione è dovuta al rilassamento della muscolatura vasale periferica. Uno studio condotto su pazienti ipertesi ha dimostrato che alti dosaggi di estratto di ulivo (1.6 g giornalieri) abbiano portato ad un abbassamento della pressione sanguigna. Questo però ha causato un leggero aumento dei livelli di glicemia. Spesso queste situazioni di pressione leggermente alta o picchi pressori importanti apparentemente senza cause precise, potrebbero essere dovute a periodi di intenso stress della persona.

Quando parlo con i miei clienti, faccio l’esempio di un manager che NON soffre di ipertensione ma che dovendo presentare un progetto a scadenza, lavora 20 ore al giorno ed è perennemente sotto pressione. In questo periodo la pressione sale a causa dello stress da lavoro . Una volta terminato il progetto, la pressione torna a livelli normali. Ecco in questi casi una integrazione con Olivo ed Ibisco può essere utile per contrastare l’effetto ipertensivo del momento.

Una pianta spesso associata alla terapia antiipertensiva naturale è il Biancospino, che può essere definito una “benzodiazepina” naturale. La pianta del Biancospino o Crategus Oxyacantha è ricca in flavonoidi, che sono i responsabili dell’azione simil-benzodiazepinica. Importante: il Biancospino NON PROVOCA sonnolenza, potrete fare qualsiasi cosa vogliate fare, anche guidare.

Ricordatevi allora di questa tre piante: Olivo, Ibisco e Biancospino.

Un saluto Dott. Luca Bompani

Sul Panaro on air

    • WatchArresti nella Bassa per crimini legati allo stoccaggio irregolare dei rifiuti
    • WatchAimag, la presidente Monica Borghi parla di bilancio e delle prospettive di fusioni
    • WatchMinorenne deruba una donna con difficoltà motorie

    Curiosità

    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Prende forma ad Accumoli il centro commerciale donato dai negozianti di Cavezzo
    Le strutture che si trovavano in piazza Martiri diverranno il cuore commerciale della rinascita di questo paese del Centro Italia [...]
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Compriamo sempre più on line, i postini ci han portato 400 mila pacchi in pochi mesi
    Il portalettere, punto di riferimento insostituibile per le comunità locali sta cambiando il proprio ruolo di pari passo alle nuove abitudini di consumo. [...]
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    La carta aziendale usata per comprare bambole gonfiabili
    Scoperta una truffa informatica ai danni di una impresa di Carpi[...]
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    Spacciatrice di droga si trasferisce a Mirandola e viene arrestata
    La giovane, che ha 28 anni ed è di Carpi, è ora in carcere dove dovrà scontare tre anni e nove mesi[...]
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    Arrivano poltrone e divano per la sala d'attesa del Comune di Finale ma... è proibito sedersi
    La situazione nel resto della sala non è migliore. L'ascensore risulta fuori servizio e la finestra rotta[...]
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Paese che vai, assistenza che trovi. I consigli Ausl per chi va in vacanza all'estero
    Nei Paesi extra UE o non convenzionati con l'Italia, i cittadini sono tenuti a pagare in proprio le spese mediche (spesso notevolmente elevate) [...]
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Porta il cane a passeggio e trova un pericoloso varano
    Il rettile, la cui detenzione è vietata, era lungo 70 centimetri[...]
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Un premio per il nuovo libro di Rino Fattori, il Castaneda della Bassa
    Come faceva il noto scrittore peruviano che raccontava la sue avventure in sudamericane, il medico di Cavezzo con penna e foto descrive i suoi viaggi nelle terre dei Nativi.[...]
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Piazza Verdi e la storia delle panchine della discordia
    Sono state installate da un paio di giorni e non sono certo passate inosservate[...]
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    In vacanza da 40 anni sempre nello stesso albergo: un premio per Dotti di Mirandola e per i Frabetti di San Felice
    Le due famiglie della Bassa sono fedelissime della Riviera romagnola e il Comune di Cervia le ha premiate[...]