SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

L’evasione fiscale vale 110 miliardi

di Andrea Lodi

La pressione fiscale è diminuita, afferma un raggiante Ministro dell’Economia: dal 43,3% è passata al 42,3%. I nostri piccoli imprenditori dissentono fortemente sull’esultanza del Ministro Padoan, per ovvi motivi.

L’esultanza del Ministro continua, confortato da un aumento del PIL, nel 2017, stimato attorno all’ 1,5%. Tra i più bassi in Europa, con i Paesi dell’Eurozona che si assestano attorno al 2,2% e gli altri al 2,3%.

Il problema è che la GMP, acronimo di Grande Macchina Pubblica, non appena avverte che c’è qualche miglioramento nell’economia, zac, infila le sue poderose zanne nel Paese e si appropria delle poche risorse “liberate”: il rapporto debito pubblico/PIL, nel 2017 sale al 132,6%.

E il piccolo imprenditore italiano cosa fa? Con una pressione fiscale tra le più alte d’Europa, una burocrazia ammorbante, una contrattualistica del lavoro insostenibile, un sistema finanziario che non ha la minima intenzione di sostenerlo, non ha che una soluzione: evadere. Ma non nel senso di fuggire a bordo della propria auto dal “logorio della vita moderna”, come ci ricordava Ernesto Calindri, verso bucolici luoghi lontani, ma nel senso fiscale del termine. Ovvero, trattenendosi buona parte del reddito generato, evitando semplicemente di restituirlo allo Stato. Si comporta come un moderno Robin Hood. Perché è questo il sentimento che lo muove: si sente vessato, tradito, spesso ignorato da uno Stato “obolofago”, tanto per usare un neologismo, con il quale non si ritiene di avere più alcun obbligo formale.

D’altronde in fatto di tasse abbiamo una lunga storia. L’Imperatore Vespasiano, il primo imprenditore del settore idrosanitario, aveva tassato l’urina dei romani. Sua è la celebre frase “pecunia non olet”.

Ma se il danaro non ha odore, è certo che “pecunia dolet”.

Ne sa qualcosa l’Erario. Nel 2016 l’evasione fiscale ammontava a 110 miliardi di euro. Una cifra impressionante, che corrisponde all’incirca al 5% del PIL. La parte del “leone” la fa l’IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) che corrisponde al 40% del totale, seguita a ruota dall’IRPEF con il 35%.

Va da sé che sono soprattutto i commercianti (26%), le imprese di servizi (20%), le imprese di costruzioni (24%) e le imprese di servizi alle famiglie (30%), gli imprenditori con maggiore propensione ad indossare le vesti di moderni Robin Hood. Se così vogliamo definirli.

Il problema è, tanto per contraddire i “proclami” della Ministra Boschi – che parla di miliardi recuperati dall’evasione fiscale – che la “propensione” all’evasione è in aumento. E guarda caso, riguarda soprattutto i settori a più bassa crescita di produttività. Un fenomeno che frena gli investimenti, lo sviluppo e genera arretratezza economica.

Ma è poi vero che ci troviamo di fronte a moderni Robin Hood? In alcuni, pochi, casi forse sì. La verità è che l’evasione fiscale rappresenta ormai un “modus operandi” che si è inserito come un cancro nel Sistema Paese e che difficilmente si potrà estirpare. Non a caso il 60% dell’evasione fiscale riguarda le Regioni del Sud Italia, da sempre interessate da fenomeni mafiosi, mentre la media al Nord è attorno al 27%.

E allora cosa si può fare? Il problema nasce a monte. Non si può pensare di creare cittadini “virtuosi” se gli organi dello Stato, per primi, non lo sono. Non dimentichiamo che l’inefficienza dello Stato pesa quanto l’evasione fiscale. Tra debiti della pubblica amministrazione verso fornitori privati (64 miliardi di euro), burocrazia (31 miliardi di euro), sprechi, inefficienze e corruzione (24 miliardi di euro) e la lentezza della Giustizia (16 miliardi di euro) sommiamo una cifra che supera l’evasione fiscale.

Leggi l’articolo pubblicato su questo giornale il 3 febbraio 2016 dal titolo “Inefficienze della Pubblica Amministrazione: un freno alla ripresa”

 

Rubriche

Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    Una gelateria di Mirandola firma la torta per l'ex gieffina Melita Toniolo
    La showgirl ha fatto realizzare il dolce in occasione del 40esimo compleanno del compagno Andrea Viganò[...]
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Bimbo di Mirandola scrive alla regina Elisabetta. E lei gli risponde
    Ha ringraziato il piccolo Benedetto per il gentile pensiero rivolto a sua Maestà[...]
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: