L’evasione fiscale vale 110 miliardi

di Andrea Lodi

La pressione fiscale è diminuita, afferma un raggiante Ministro dell’Economia: dal 43,3% è passata al 42,3%. I nostri piccoli imprenditori dissentono fortemente sull’esultanza del Ministro Padoan, per ovvi motivi.

L’esultanza del Ministro continua, confortato da un aumento del PIL, nel 2017, stimato attorno all’ 1,5%. Tra i più bassi in Europa, con i Paesi dell’Eurozona che si assestano attorno al 2,2% e gli altri al 2,3%.

Il problema è che la GMP, acronimo di Grande Macchina Pubblica, non appena avverte che c’è qualche miglioramento nell’economia, zac, infila le sue poderose zanne nel Paese e si appropria delle poche risorse “liberate”: il rapporto debito pubblico/PIL, nel 2017 sale al 132,6%.

E il piccolo imprenditore italiano cosa fa? Con una pressione fiscale tra le più alte d’Europa, una burocrazia ammorbante, una contrattualistica del lavoro insostenibile, un sistema finanziario che non ha la minima intenzione di sostenerlo, non ha che una soluzione: evadere. Ma non nel senso di fuggire a bordo della propria auto dal “logorio della vita moderna”, come ci ricordava Ernesto Calindri, verso bucolici luoghi lontani, ma nel senso fiscale del termine. Ovvero, trattenendosi buona parte del reddito generato, evitando semplicemente di restituirlo allo Stato. Si comporta come un moderno Robin Hood. Perché è questo il sentimento che lo muove: si sente vessato, tradito, spesso ignorato da uno Stato “obolofago”, tanto per usare un neologismo, con il quale non si ritiene di avere più alcun obbligo formale.

D’altronde in fatto di tasse abbiamo una lunga storia. L’Imperatore Vespasiano, il primo imprenditore del settore idrosanitario, aveva tassato l’urina dei romani. Sua è la celebre frase “pecunia non olet”.

Ma se il danaro non ha odore, è certo che “pecunia dolet”.

Ne sa qualcosa l’Erario. Nel 2016 l’evasione fiscale ammontava a 110 miliardi di euro. Una cifra impressionante, che corrisponde all’incirca al 5% del PIL. La parte del “leone” la fa l’IVA (Imposta sul Valore Aggiunto) che corrisponde al 40% del totale, seguita a ruota dall’IRPEF con il 35%.

Va da sé che sono soprattutto i commercianti (26%), le imprese di servizi (20%), le imprese di costruzioni (24%) e le imprese di servizi alle famiglie (30%), gli imprenditori con maggiore propensione ad indossare le vesti di moderni Robin Hood. Se così vogliamo definirli.

Il problema è, tanto per contraddire i “proclami” della Ministra Boschi – che parla di miliardi recuperati dall’evasione fiscale – che la “propensione” all’evasione è in aumento. E guarda caso, riguarda soprattutto i settori a più bassa crescita di produttività. Un fenomeno che frena gli investimenti, lo sviluppo e genera arretratezza economica.

Ma è poi vero che ci troviamo di fronte a moderni Robin Hood? In alcuni, pochi, casi forse sì. La verità è che l’evasione fiscale rappresenta ormai un “modus operandi” che si è inserito come un cancro nel Sistema Paese e che difficilmente si potrà estirpare. Non a caso il 60% dell’evasione fiscale riguarda le Regioni del Sud Italia, da sempre interessate da fenomeni mafiosi, mentre la media al Nord è attorno al 27%.

E allora cosa si può fare? Il problema nasce a monte. Non si può pensare di creare cittadini “virtuosi” se gli organi dello Stato, per primi, non lo sono. Non dimentichiamo che l’inefficienza dello Stato pesa quanto l’evasione fiscale. Tra debiti della pubblica amministrazione verso fornitori privati (64 miliardi di euro), burocrazia (31 miliardi di euro), sprechi, inefficienze e corruzione (24 miliardi di euro) e la lentezza della Giustizia (16 miliardi di euro) sommiamo una cifra che supera l’evasione fiscale.

Leggi l’articolo pubblicato su questo giornale il 3 febbraio 2016 dal titolo “Inefficienze della Pubblica Amministrazione: un freno alla ripresa”

 

Sul Panaro on air

    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parlano i Carabinieri
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchRis al lavoro a Finale Emilia per sospetto omicidio di una anziana

    Curiosità

    Gara di solidarietà tra gli ex meccanici Ferrari per aiutare il comico Marco Della Noce
    Gara di solidarietà tra gli ex meccanici Ferrari per aiutare il comico Marco Della Noce
    Il comico che interpretava Oriano Ferrari ora vive in auto dopo il dissesto economico causato dalla separazione dalla moglie[...]
    E le lasagne diventano da bere
    E le lasagne diventano da bere
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Finto soldato americano le porta via 100mila euro
    Era una invenzione di tre uomini, tutti nigeriani e di base a Modena, che a turno intrattenevano in chat la signora truffata[...]
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Pensionato trova una bomba a mano e la porta dai Carabinieri
    Comportamento molto pericoloso. Sono intervenuti gli artificieri[...]
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    Osservatorio del traffico, riprendono quota i veicoli pesanti dopo il calo estivo
    A settembre flessione del 7% dei veicoli totali, tranne al Nord + 3%[...]
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Un corso gratuito per barman... al Vivaio Morselli
    Come fare un prelibato cocktail con le erbe aromatiche[...]
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    Gli spaghetti al ragù in formato liquido per i bebè
    La nostra galleria di errori ed orrori sulla cucina emiliana nel mondo[...]
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    Una nuova autostrada per la Val Padana? Tutta d'acqua: sarà il Po
    E' il progetto della Regione che punta su una alternativa all'asfalto per il traffico merci[...]
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Era ubriaco alla guida, ma il test fu fatto tardi: assolto
    Fu bloccato visibilmente alticcio alle 4 del mattino, ma la pattuglia non aveva l'etilometro e quindi si dovette attendere l'arrivo di un'altra macchina.[...]
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    I bimbi delle elementari di Finale Emilia in visita alla Compagnia dei Carabinieri di Carpi
    Tour assieme alle maestre Rita Cervellati, Maria Giacco, Antonella Diegoli e Barbara Petazzoni. A fare gli onori di casa, il comandante Alessandro Iacovelli.[...]