Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
Testata Giornalistica reg Trib. MO aut. 20/2017

I costruttori: “La burocrazia è ostacolo insormontabile per la ricostruzione”

La situazione che stanno vivendo le aziende edili impegnate nella ricostruzione post sisma è ormai diventata insostenibile. A lanciare l’allarme è l’Associazione dei costruttori modenesi. Ritardi dei pagamenti da parte della pubblica amministrazione e progettisti che si trovano in grande difficoltà a gestire la complessità delle procedure burocratiche per ottenerli stanno diventando ostacoli insormontabili.

Oggi il lasso di tempo che intercorre tra la presentazione della documentazione necessaria a ottenere il pagamento dei lavori svolti e la liquidazione del pagamento è troppo lungo. Ci sono casi in cui l’attesa si protrae oltre l’anno. Gli imprenditori si trovano così a sopportare lunghe attese per ottenere dalla Regione e dai Comuni la liquidazione dello Stato avanzamento lavori (Sal) e, al contempo, devono pagare, in tempi certi, i propri fornitori. 

«Molte aziende edili», sottolinea Giovanni Neri, presidente di Ance Modena, «se vogliono continuare ad avere le forniture di materiali e continuare ad avvalersi di subappaltatori a cui affidare parte dei lavori, devono anticipare i pagamenti anche di parecchi mesi rispetto al momento in cui incassano il Sal. Una situazione difficile che sta incrementando nel tempo l’esposizione finanziaria e l’indebitamento delle imprese verso le banche. Tutto questo sta causando un assurdo paradosso: per evitare le gravi conseguenze derivate da un’eccessiva esposizione bancaria molte aziende sono costrette a bloccare i lavori nei cantieri nel momento in cui presentano la richiesta di Sal, per poi riprenderli solo a pagamento avvenuto; questo determina un notevole aumento dei costi e un prolungamento dei tempi necessari per la ricostruzione».

Per non parlare poi, dei casi più estremi, quando è ormai troppo tardi per correre ai ripari. «È già successo, purtroppo», continua Neri, «che aziende siano andate vicino al fallimento o abbiano dovuto ricorrere ai concordati preventivi, come recentemente è accaduto alla ditta Stabellini di San Felice sul Panaro e come purtroppo succederà per altri casi».

Senza contare l’enorme quantità di adempimenti burocratici che sta rendendo impossibile l’attività delle aziende che lavorano nella ricostruzione post sisma.

«I controlli richiesti», enfatizza Neri, «sono più che giusti e non vanno certo ridotti, perché sono garanzia di trasparenza e legalità. Quello che chiediamo è una chiara definizione e semplificazione delle procedure che eviti anche il rimpallo di responsabilità tra progettisti e pubblica amministrazione. Le imprese sono inermi rispetto a una mancanza di dialogo tra questi soggetti che dilata in modo anomalo i tempi dei pagamenti di chi lavora sul campo tutti i giorni per la ricostruzione con i propri operai e con la filiera del subappalto. Le cause degli innumerevoli ritardi sono dovute sostanzialmente alla mancanza di un elenco univoco e esaustivo della documentazione necessaria per richiedere il Sal. È necessario inoltre prevedere un’unica richiesta di integrazione alla quale il tecnico dovrà risponde in tempi stabiliti».

«Chiediamo quindi, in tempi stretti, alla Regione un’ordinanza che sani questa situazione divenuta ormai insostenibile». Bisogna consentire alle imprese edili», conclude il presidente di Ance Modena, «di portare a compimento la ricostruzione delle aree colpite dal terremoto in tempi certi e rapidi, per il bene dei cittadini e dell’intera collettività».

LA REPLICA DELLA REGIONE: “GIA’ ERIOGATI PIU’ DI DUE MILIARDI DI EURO”

Palma Costi e Alberto Silvestri

“Trovo quantomeno paradossale sostenere che la Pubblica amministrazione non paga, quando a oggi sono stati liquidati, ossia già erogati fisicamente alle imprese impegnate nella ricostruzione e ai progettisti, tra abitazioni e imprese oltre 2 miliardi di euro, a cui vanno aggiunti gli oltre 800 milioni che sono stati impegnati e spesi nelle fasi di prima emergenza e il miliardo liquidato dalle assicurazioni private. Una notevole iniezione di liquidità immessa nel sistema, che si potrebbe raffrontare a una piccola manovra finanziaria”.

Così Palma Costi, assessore regionale delegato alla Ricostruzione post-sisma, replica alle critiche sui tempi di liquidazione dei contributi alle imprese impegnate nella ricostruzione avanzate da Ance Modena, associazione di categoria dei costruttori.

“Ai costruttori, che conto di incontrare presto–aggiunge l’assessore-, dico che trovo sbagliato addossare alla Regione responsabilità che vengono da lontano e affondano le radici in un ambito economico provato da lunghi anni di crisi. Abbiamo nel tempo lavorato per abbreviare i termini di pagamento per le imprese edili con le nostre Ordinanze, abbiamo introdotto formule di pagamento più snelle, abbiamo chiesto a beneficiari e progettisti, formalmente titolari dei contributi, di condividere con le aziende di costruzione gli step delle pratiche. Sempre cercando di salvaguardare gli indispensabili percorsi per i pagamenti. Infine, abbiamo attivato con i cosiddetti Liquidation day, periodici incontri per incentivare e facilitare le richieste di liquidazione”.

“I tempi effettivi di liquidazione di uno stato di avanzamento lavori, sono calati in modo significativo nel 2016, assestandosi su un valore medio di circa 65 giorni di lavorazione, con valori oggi molto simili sia per l’industria e l’agricoltura. Dopo la chiusura dell’istruttoria, i controlli sul Titolo Abilitativo (oggi opportunamente posticipato alla fase di Liquidazione), Antimafia e regolarità del Durc possono determinare una ulteriore attesa, quantomeno per il silenzio-assenso. Infine, i Decreti di liquidazione vengono pagati dal sistema bancario in due date mensili scelte per convenzione ai giorni 10 e 25 di ogni mese. I tempi di istruttoria, alla luce di quanto detto, non appaiono facilmente comprimibili in modo ulteriore e significativo, soprattutto se vogliamo mantenere alta l’asticella della lotta alle infiltrazioni della criminalità organizzata. collegare i tempi di una istruttoria comunque certa (una volta acquisito il Decreto di Concessione) alla chiusura o al fallimento di una impresa, è un’operazione ingenerosa che getta discredito su un intero sistema (Pubblica amministrazione, Ordini professionali, Associazioni di categoria, progettisti ed imprese) che sta invece rappresentando un esempio su scala nazionale, di serietà, efficacia e onesta”.

“Affronteremo i singoli casi- conclude l’assessore Costi-, uno per uno e con un occhio attento al sistema della sub-fornitura. Ma non siamo disposti a generalizzare gli allarmi periodicamente lanciati e quindi allentare il sistema dei controlli su un evento epocale come quello della ricostruzione, che abbiamo il dovere di mantenere nei binari della piena legalità”.

 

Seguici su Facebook:
sulPanaro.net - Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. 20/2017
SulPanaro Expo

Rubriche

Glocal
Il miracolo di Marchionne: il modello della fabbrica piatta
Il modello della fabbrica “piatta”. Così Marchionne ha rivoluzionato FCAleggi tutto
Glocal
Le start up innovative in Italia, il nuovo report
Secondo l’ultimo “rapporto sulla situazione delle startup innovative in Italia”, le startup innovative iscritte all’apposito Albo, sono 11.899, il 3,2% di tutte le società di capitali di recente costituzione.leggi tutto
Invalidità e Pensioni, ecco le prestazioni possibili
Ce lo spiega l'esperta risorse umane Francesca Monari con la supervisione di Elisa Bergamaschi, impiegata presso uno studio di Consulenti del Lavoro di Mirandolaleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Lavoro e Ambiente. Un futuro "green" per le nuove generazioni.
Il treno della “rivoluzione verde” sta passando ora, non possiamo permetterci di perderloleggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Notizie, lavoro e molto altro con Francesca Monarileggi tutto
Il caffè della domenica con Francesca Monari
Il tempo di un caffè per leggere le notizie del momento, sul mondo del lavoro ma non solo!leggi tutto
Glocal
Trump: un pericolo per la democrazia
Quanto sta accadendo in questi giorni negli Stati Uniti, deve essere un monito per le democrazie dell’intero Pianeta.leggi tutto
Glocal
L'incompetenza del manager
L’Italia, tra i tanti primati che detiene nel campo dell’inefficienza e dell’inadeguatezza, si trova purtroppo anche ai primi posti, tra i Paesi a capitalismo avanzato, per l’incompetenza dei propri manager.leggi tutto
Glocal
Le organizzazioni aziendali al tempo del Covid-19
Occorre riprogrammare la nostra quotidianità, lasciando da parte gli interessi personali concentrandosi su altre forme di benessere, che tengano conto della salute e degli interessi dell’intera comunità.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchRompe l'argine del Diversivo a Finale Emilia
    • WatchLa stella cadente di Capodanno, trovati i frammenti
    • WatchDue ragazzini nei guai per aver distrutto le lapidi dei partigiani

    Disabilità e diritto al lavoro

    Disability Manager, Il “facilitatore” ponte tra aziende e lavoratori diversamente abili
    La rubrica "Disabilità e diritto al lavoro" di Francesca Monari[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Assunzioni obbligatorie L.68/99 sospese per Covid
    Per due mesisospesi gli adempimenti relativi sia ai disabili sia ai soggetti appartenenti alle altre categorie protette[...]
    Disabilità e diritto al lavoro - Intervista a Cristiana Casarini, che ci racconta come si lavora in carrozzina
    L'esperta di risorse umane Francesca Monari raccoglie la testimonanza dell'impiegata comunale di Finale Emilia nota per i suoi libri e le attività di beneficienza[...]

    Curiosità

    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    Capriolo esausto salvato nel parcheggio di un'industria ceramica
    L'animale è stato preso e curato dai volontari de Il Pettirosso[...]
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    La banconota del Comune di Soliera: 50 centesimi del 1873
    Pare ce ne siano in circolazione soltanto due esemplari.[...]
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    A Nonantola apre la prima Biblioteca Condominiale
    Coinvolge 4 palazzine , 30 famiglie,4 scaffali e 156 libri divisi in 4 gruppi (39 libri per palazzina).[...]
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    Rimesso al nuovo il "Grappolo d'uva" della rotonda modenese
    E' l’opera in vetro di Murano installata nell’anello centrale verde della rotatoria tra via Nuova Estense e via Vignolese.[...]
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Mirandola e le terre dei Pico sono online su un nuovo sito web
    Il sito che verrà aggiornato periodicamente, è ricco di immagini suggestive e si sviluppa in cinque aree tematiche - conosci, esplora, gusto, shopping e agenda - che rendono intuitiva la ricerca dei contenuti.[...]
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    Mirandola, Pasta Dallari con i Piccoli Grandi Cuori per il Policlinico di Sant’Orsola
    A sostegno di tutti i bambini cardiopatici congeniti e del personale medico ospedaliero che sta lottando contro il Covid.[...]
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Mirandola, alla scoperta dei territorio su tre diversi percorsi ciclabili
    Si guarda alla bella stagione nella città dei Pico con la tracciatura ed installazione delle indicazioni, avvenuta nei giorni scorsi di tre percorsi ciclabili di varia lunghezza, per appassionati, ma pure per semplici cicloamatori e per le famiglie.[...]
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    “Favole al telefono” di Gianni Rodari: l'audiolibro dei record
    L’audiolibro ha scalato le classifiche nazionali di podcast di racconti per bambini contando 30mila riproduzioni su Youtube e altre sette piattaforme streaming[...]
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    Medolla: è nata “L’alveare nell’albero”, l’associazione per chi ama le api
    L'associazione si è presentata pubblicamente con un evento online sabato 20 marzo[...]