SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Presunti pedofili della Bassa, Fabbri e Bargi (LN): “Da Musti dichiarazioni sorprendenti”

Fanno discutere le parole del procuratore capo di Modena Lucia Musti alla notizia della richiesta delle famiglie coinvolte nell’inchiesta sui presunti pedofili della Bassa di riaprire il processo.

Sulla questione sono intervenuti Alan Fabbri e Stefano Bargi, rispettivamente capogruppo e consigliere regionale Lega Nord, che così hanno dichiarato in una nota:

“Con stupore apprendiamo dalla stampa le dichiarazioni del pubblico ministero del tribunale di Modena, Lucia Musti relative alla tragica vicenda narrata nell’inchiesta Veleno. Sull’ipotesi di una revisione del processo Musti ha espresso pubblicamente un parere negativo parlando di “inopportunità di rimestare vicende dolorose”, nonostante all’epoca dei fatti non fosse nemmeno di istanza a Modena. A contrario noi riteniamo sia doveroso fare luce sulle responsabilità di tutti, nessuno escluso, in una vicenda che ha creato tanto dolore. E lo ribadiamo: in un eventuale processo la Regione Emilia Romagna dovrebbe costituirsi parte civile”.

“A contrario di quanto dichiarato dalla pm Musti, che si è pubblicamente espressa, a quanto pare, in senso preventivamente negativo sull’ipotesi di una revisione del processo, avanzata dall’avvocato che segue le famiglie, come consiglieri regionali eletti anche dai territori interessati, nonché come cittadini profondamente toccati dalla vicenda riteniamo opportuno e doveroso, a fronte di evidenti errori, che hanno causato dolore e sfferenze a tante famiglie, che chi ha sbagliato paghi, a tutti i livelli”, spiega il capogruppo.

“Troppe volte in Italia accade purtroppo il contrario, ma in questa vicenda sono stati coinvolti decine di minori, segnati per sempre da errori commessi da dipendenti del servizio pubblico e perpetrati per anni: non è possibile, dunque, far passare eventuali responsabilità sotto silenzio”, ribadisce Fabbri.

Per questo “come consiglieri della Lega Nord abbiamo presentato una interrogazione regionale per sapere in che modo gli operatori coinvolti siano stati chiamati rispondere di quanto accaduto o se, come risulta, siano ancora alle dipendenze del servizio socio sanitario”, aggiunge Bargi. “Ribadiamo inoltre il nostro appello alla giunta regionale dell’Emilia Romagna affinché dia  un segnale forte di vicinanza alle vittime di questa tragedia”, continua il consigliere “se le famiglie confermeranno l’intenzione di intentare causa all’Ausl e a quanti hanno commesso errori in questa vicenda, la Regione farebbe bene a costituirsi parte civile”. Infine, concludono i consiglieri “alla luce degli ingenti costi pubblici sostenuti dalla nostra comunità per questi processi chiederemo conto in dettaglio delle spese sostenute”.

Inoltre, alle parole di Lucia Musti ha risposto anche Pablo Trincia, co-autore dell’inchiesta giornalistica Veleno prodotta da Repubblica.it e che ha riacceso i riflettori sulla vicenda. Trincia risponde così sulla sua pagina Facebook:

Vorrei tuttavia ricordare alla Dottoressa Musti che:

1) Il bambino da cui sono partite tutte le accuse oggi dichiara di essersi sentito pressato e di aver probabilmente raccontato cose non vere. Questo è ciò che ci ha scritto:
“Per forza un bambino parla di fantasie, dopo 8 ore di stress, e pressione vorresti solo andare a dormire. Mi dispiace per tutta la gente buona che è stata arrestata. Fino a 3 anni fa credevo ancora a tutto quanto.
O dentro magari non capisci se è vero o no. Ma se molte cose non si riescono a ricordare dopo ci arrivi a capire che ti hanno usato come volevano, o per i loro scopi. E me ne do una colpa, perché potevo essere allontanato, ok, ma senza mettere in mezzo gente che non ci è mai c’entrata nulla in una storia montata e rimontata da mille bambini, solo con nomi differenti. E più vai avanti e più speri solo che nessuno ti venga a dare la lezione che meriti. Io è da un anno e qualcosa che ho seri dubbi su tutto. E cerco di vivere senza darci un peso eccessivo. Ma con rabbia verso la gente che mi ha usato”.

2) Il metodo con cui questi 16 bambini sono stati sottratti ai genitori (non avevano mai accusato nessuno, né detto nulla) è molto discutibile.
Così come è molto sospetto il fatto che tutti coloro che siano passati dalle stanze dei Servizi Sociali di Mirandola abbiano poi raccontato storie surreali e inverosimili.
Soprattutto quando questo fenomeno si è verificato in decine di casi analoghi in giro per il mondo, e che venga persino studiato nei manuali di letteratura scientifica.

3) La ginecologa che ha visitato le bambine abbia lasciato intendere in un’intervista di avere dei forti pregiudizi nei confronti di genitori sospettati di abusi, e abbia accusato la collega anatomopatologa Cristina Cattaneo di aver ricostruito degli imeni di bambine abusate con Photoshop (!!!!)
Questo dopo aver affermato che un imene può ricrescere e dopo essere stata pubblicamente umiliata e definita incompetente in un processo a Milano in cui aveva fatto da consulente per il PM.

Evito di elencare le altre decine di anomalie e stranezze di questa vicenda giudiziaria che sembra uscita da un libro di fantascienza.

Questo caso merita di essere ristudiato attentamente.

LEGGI ANCHE:

Rubriche

Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto
Glocal
Il nuovo male dell'Italia è il rancore
L’economia italiana ha ripreso a crescere abbastanza bene, trainata dall’industria manifatturiera, dall’export e dal turismo che hanno messo a segno risultati da record. Ripresa che non impedisce però ad una buona parte degli italiani a manifestare sentimenti di forte rancore.leggi tutto
Glocal
Economia inclusiva: Italia ultima tra le economie avanzate
Il World Economic Forum posiziona l’Italia al 27esimo posto su 29 nella classifica dell’inclusività nell’economia tra i Paesi ad economia avanzata.leggi tutto
Storia semiseria di un delirio elettorale
Caos e ritardi con lunghe cose ai seggi elettorali a causa dell'inserimento del bollino antifrode nelle schede elettorali.leggi tutto
Glocal
L’Italia detiene il primato europeo di “Stato più povero”
In Europa, su una popolazione di circa 510 milioni di abitanti, il 15% circa dei suoi abitanti vive in uno stato di “privazione sociale o materiale”.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchFlavio Zanini presidente Banca Sanfelice
    • WatchOspedale di Mirandola, la donazione in ricordo di Giuseppe Della Croce
    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa

    Curiosità

    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Il miglior posto al mondo dove mangiare è Modena. Chez Massimo Bottura
    Con la sua Osteria Francescana è di nuovo al primo posto dei 50 Best Restaurant. [...]
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Un anno di festa per la saga emiliana di Don Camillo e Peppone
    Accade a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi[...]
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    Dall'Università di Modena laurea Honoris Causa a Horacio Pagani
    L'imprenditore argentino diventerà dottore in Ingegneria del Veicolo[...]
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Marijuana sanitaria, in pochi mesi già un migliaio di pazienti trattati
    Si usa per ridurre il dolore neuropatico cronico di intensità elevata e trattare i pazienti affetti da sclerosi multipla con spasticità, in caso di resistenza alle terapie convenzionali.[...]
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Multata perchè, mentre puliva, dell'acqua finì in strada. Ora va in televisione
    Una sigora di Bomporto chiede giustizia per quel che le è accaduto loscorso febbraio[...]
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Si levano urla dal cimitero: uomo rimasto chiuso dentro chiede aiuto
    Allarme in paese per il via vai di lampeggianti blu nella notte[...]
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Un urlo squarcia la notte a Finale Emilia. Nessuna violenza, solo pene d'amore
    Brusco risveglio per tanti finalesi nella notte tra mercoledì e giovedì attorno alle 3 del mattino[...]
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Per la giornata del donatore arriva il gelato al gusto Avis
    Davanti alla gelateria che lancia l'iniziativa ci saranno i volontari dell’associazione a fare informazione[...]
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Il mistero della scritta in latino comparsa sulla ciclabile
    Si tratta di una epigrafe vergata su una tavola di legno piantata sul terreno[...]
    Pensano sia un allarme a tenerli svegli, invece è il canto dell'assiolo
    Pensano sia un allarme a tenerli svegli, invece è il canto dell'assiolo
    È il piccolo rapace cantato nella celebre poesia di Giovanni Pascoli[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: