SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click. SulPanaro Expo Ogni comune, tutte le attività, un solo click.

Tasse sempre più alte, le imprese lavorano un giorno in più solo per pagarle

“Torna l’indagine di CNA Nazionale sulla tassazione nelle pmi italiane, un confronto incrociato tra 135 comuni italiani, denominata comune che vai, fisco che trovi”. Sostanzialmente stabile la situazione di Modena, dove la tassazione aumenta di un decimale (uno 0,1% che “costa” all’imprenditore 122 euro), rispetto all’anno scorso, ma che, complice l’aggravarsi della tassazione locale in latri territori, consente alla nostra città di scalare due posizioni portandosi dal 56esimo posto al 54esimo su 137 piazze a livello nazionale, e confermandosi al terzo posto per ciò che riguarda le città capoluogo di provincia della regione, dietro la più virtuosa Reggio Emilia e Ferrara (tra parentesi, in corsivo, i dati relativi all’anno scorso), comunque meglio della media nazionale (61,4%).

CittàPiazz. nazionaleReddito disponibileTax free day% Incidenza

totale imposte

% incidenza

tributi locali

Gorizia23.12414 luglio53,8%
Udine22.74017 luglio54,5%
Cuneo22.56019 luglio55,0%
Reggio E.23°21.035 (21.088)29 luglio57,9% (57,8%)15,2% (15,3%)
Ferrara50°20.108 (20.148)5 agosto59,8% (59,7%)17,5% (17,7%)
Modena54°20.047 (20.168)6 agosto59,9% (59,8%)17,5% (17,9%)
Ravenna59°20.008 (20.056)6 agosto60,0% (59,9%)17,2% (17,4%)
Rimini61°19.958 (20.003)6 agosto60,1% (60,0%)17,8% (18,0%)
Piacenza83°19.122 (19.160)12 agosto61,8% (61,7%)19,8% (20,5%)
Cesena101°18.463 (18.489)17 agosto63,1% (63,0%)20,7% (20,9%)
Parma103°18.401 (18.452)18 agosto63,2% (63,1%)20,6% (20,9%)
Forlì106°18.328 (18.384)18 agosto63,3% (63,2%)21,1% (21,1%)
Bologna136°13.888 (13.925)20 settembre72,2% (72,1%)31,5% (31,6%)
Reggio Calabria137°13.30824 settembre73,4%
MEDIA NAZIONALE19.33211 agosto61,4%

I calcoli sono dell’Osservatorio permanente della Cna Nazionale sulla tassazione delle pmi, che ha realizzato una simulazione riferita a una impresa manifatturiera rappresentativa del tessuto economico italiano (nel caso specifico, un’azienda individuale con quattro operai e un impiegato, operante in un laboratorio artigiano di 350 metri quadrati, con annesso negozio destinato alla vendita di 175 mtq e relativi macchinari e arredamenti, oltre che di un automezzo, ricavi per 431.000 euro e un reddito d’impresa di 50.000 euro).

 

Un’azienda di questo tipo, a Modena, nel 2018 avrà pagato a fine anno 29.953 di euro in tasse, il 59,9% del proprio reddito (cioè 122 euro, lo 0,1%, in più rispetto al 2017), imposte che per l’82,3% sono “nazionali” (Irpef, contributi, eccetera), per l’11,5% – stabili – comunali, e per 6% (-0,1%) regionali.

L’aumento della tassazione è determinato dalla crescita dell’IVS, ovvero i contributi previdenziali obbligatori che gravano sugli imprenditori. Imprenditori ai quali, in base all’esempio, partendo da un reddito d’impresa di 50.000 euro, rimarrebbero 20.046 euro, vale a dire circa 1.670 euro al mese, senza tredicesime di sorta.
Tradotti in termini “cronologici”, significa che l’impresa in oggetto quest’anno lavorerà per il fisco sino al 6 agosto – il tax free day degli imprenditori modenesi – uno in più rispetto al 2017, con 219 giorni all’anno impegnati a pagare i tributi e 146 giorni i cui guadagni potranno essere destinati ai consumi personali.

 

Insomma, una classifica che per la nostra città è senza infamia e senza lode, con un prelievo fiscale che si è ormai consolidato nel tempo, come dimostra la tabella seguente.

Le cose potrebbero cambiare per quelle imprese che scegliessero l’opzione Iri: l’imposta sul reddito d’impresa, un regime opzionale applicabile alle imprese individuali e alle società di persone in contabilità ordinaria, in base al quale le somme prelevate dai soci dal reddito d’impresa sono tassate sulla base delle aliquote Irpef dei soci stessi, mentre la parte del reddito che rimane nell’impresa è tassata con un’aliquota fissa del 24%. Grazie a questo meccanismo, fortemente voluto da CNA, si avrebbe una riduzione – 687 euro nel caso modenese – della tassazione Irpef, sia a livello nazionale che locale.

 

Numeri alla mano, negli ultimi sette anni le variazioni non sono state poi così ampie, anche se non è stato sempre così, come dimostra l’andamento del Total Tax Rate nel triennio 2012 (63,9%), 2013 (63%) e 2014 (61,9%). “In ogni caso, – commenta Claudio Medici, presidente della CNA di Modena – anche se è vero che gli aumenti annuali sono limitati ai decimali, è un fatto che le tasse continuino ad aumentare, al di là degli annunci: 38 euro tra il 2015 e il 2016, 53 l’anno seguente, 122 quest’anno. Non solo, quindi, il total tax rate non si riduce, ma i numeri continuano a dimostrare come il fisco rappresenti ancora un’emergenza. Basti pensare che anche in alcune capitali europee dove la tassazione totale si attesta attorno al 40%, è ben più facile fare impresa. La pressione fiscale in Italia è troppo elevata, qualunque dato si prenda. Ma il problema vero risiede piuttosto nella iniqua distribuzione del carico, che si distingue in modo radicale secondo la natura del reddito e svantaggia le imprese, in particolare le piccole imprese personali. Ed è ovvio come la tassazione dei redditi prodotti dalle persone fisiche non possa essere diversa a seconda della differente modalità con cui si genera reddito. C’è poi da aggiungere che, mentre le grandi industrie possono aggirare l’ostacolo ad esempio prendendo la residenza fiscale all’estero, questi comportamenti, peraltro eticamente discutibili, a noi sono preclusi”.

 

LE RICHIESTE DI CNA

Dunque, molto resta ancora da fare per arrivare ad un fisco più equo e sostenibile per le piccole imprese. Tra i vari interventi, alcuni di questi sono di semplice applicazione (ad esempio, l’adeguamento dei valori catastali degli immobili a quelli di mercato, per rendere l’Imu coerente con questi ultimi; ancora, l’agevolazione del passaggio generazionale delle imprese individuali tramite la completa neutralità fiscale delle cessioni d’azienda, come accade nei conferimenti; poi permettere la cessione alle banche dei crediti d’imposta per i lavori di ristrutturazione edilizi).

Altri, invece, potrebbero rappresentare una vera inversione di tendenza: l’introduzione della Flat Tax, in modo progressivo e credibile, cioè sulla base delle risorse rese disponibili attraverso il recupero dell’evasione e la riduzione della spesa pubblica, prevedendo una preveda la riduzione delle aliquote IRPEF, a partire da quelle più basse del 23% e del 27%, ed eliminando la discriminazione attuale operata dalle detrazioni da lavoro delle piccole imprese personali. Infine, l’estensione del regime forfettario a tutte le imprese individuali e ai professionisti con ricavi sotto i 100.000 euro, una norma che nasce da una precisa richiesta di CNA, ma oggi limitata alle sole realtà con ricavi compresi tra i 25mila ed i 50mila euro.

Rubriche

Glocal
Quando le imprese americane investono in Italia
“Eon Reality”, azienda californiana, ha investito 24 milioni di euro in Emilia Romagna a Casalecchio di Reno, grazie alla legge sull'attrattività, con in programma centosessanta nuove assunzioni.leggi tutto
Glocal
Sergio Marchionne: innovatore o visionario?
Sergio Marchionne è stato un innovatore in quanto visionario, nell’accezione imprenditoriale del termine, inteso come colui che è in grado di avere una “vision”, ovvero di sapere guardare avanti, al futuro.leggi tutto
Glocal
Londra: soft o hard Brexit?
Da due anni la Premier inglese Theresa May sta cercando di adottare una linea accomodante con l’Unione Europea (la cosiddetta Soft Brexit), allo scopo di contenere i danni che ne deriverebbero da una totale uscita dall’Europa unita.leggi tutto
Glocal
Industria 4.0 vale 2,4 miliardi di euro
Il programma del Governo per incentivare gli investimenti hi-tech delle aziende italiane sta avendo successo. Si stima che le tecnologie di connessione e sviluppo abilitanti (macchinari esclusi) sommano investimenti pari a 2,4 miliardi di euro.leggi tutto
Glocal
Come e dove si produce energia elettrica in Europa
L’Italia produce circa l’86% del proprio fabbisogno energetico. Più di due terzi provengono da centrali termoelettriche che bruciano combustibile in gran parte importato da Russia, Algeria e Libia, mentre meno di un terzo proviene da fonti rinnovabili.leggi tutto
Glocal
Le imprese italiane cercano 150.000 tecnici, ma non ci sono
I novantacinque ITS presenti in Italia attualmente contano poco più di diecimila iscritti, contro una domanda di lavoro da parte delle imprese, stimata nei prossimi cinque anni, di oltre 150 mila tecnici.leggi tutto
Glocal
Imprese emiliane in Silicon Valley un mese dopo
Nella Silicon Valley c'è la più grande concentrazione di menti, volontà politica, aziende, capitali e visione, che lavorano in sinergia verso un obiettivo comune: costruire grandi aziende su scala globale.leggi tutto
Glocal
Pubblicità: come evitare i vampiri virali
La rete è popolata di contenuti branded che generano picchi di viralità, ma di cui tutti ricordano solo un attore o un tormentone, e nessuno ricorda invece il brand o il suo messaggio.leggi tutto
Glocal
Italia ed Europa: un rapporto difficile
L’Italia stenta ad attuare le riforme politico-economiche tanto agognate dalle istituzioni europee.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchMirandola, studente lancia cestino contro la professoressa
    • WatchSospetto omicidio a Finale Emilia, parla la vicina di casa
    • WatchStefano e Gabriele si sposano, è la prima unione civile della Bassa

    Curiosità

    Reunion in Russia per i protagonisti della Bassa al Mongol Rally
    Reunion in Russia per i protagonisti della Bassa al Mongol Rally
    I componenti dei team Alboreto is nothing e Wanderlost si sono ritrovati a cena prima di entrare in Mongolia[...]
    Mongol Rally, un po' di Bassa sull'altopiano del Pamir
    Mongol Rally, un po' di Bassa sull'altopiano del Pamir
    Gli equipaggi Alboreto is nothing e Wanderlost hanno attraversato nei giorni scorsi la Pamir Road. LE IMMAGINI[...]
    L'Università in onda su RaiUno: a Superquark un documentario girato in esclusiva
    L'Università in onda su RaiUno: a Superquark un documentario girato in esclusiva
    Nella puntata di mercoledì 25 luglio si parlerà anche di tardigradi[...]
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    L'auto più bella del mondo? E' la Ferrari Portofino
    La casa automobilistica di Maranello riceve il premio "Red Dot: Best of the Best" nella categoria Product Design per l'eccellenza stilistica[...]
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Si ferma al semaforo e l'auto prende fuoco
    Illesa, ma molto spaventata la conducente del veicolo[...]
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    "Un anno vissuto intensamente" va alle stampe (con countdown) il primo libro di Andrea Lodi
    E' il romanzo d’esordio dell'aziendalista di San Prospero. Per vedere la luce deve avere un certo numerodi prenotazioni in poco tempo[...]
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    Una "Suite in rosso" per l'artista Simona Bergamini
    A fine luglio sarà ospite in Umbria, di un festival musicale che si terrà a Piediluco in provincia di Terni [...]
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    Vince la staffetta e diventa simbolo dell'Italia che non è razzista: è di Modena
    L'immagine che la ritrae sorridente con le compagne appena vinta la corsa è diventata virale [...]
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Calcio Cavezzo, le squadre fanno combine e scatta la punizione
    Motta e e Disvetro hanno pareggiato e questo avrebbe permesso a entrambe di qualificarsi. Ma non è andata così[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: