SulPanaro Expo SulPanaro Expo

Inaugurato il nuovo Centro per l’impiego per Bomporto, Bastiglia, Nonantola e Ravarino

Apre il Centro per l’Impiego di Castelfranco Emilia (Mo), che con i suoi 4 operatori e un responsabile sarà a disposizione anche dei cittadini di Bastiglia, Bomporto, Nonantola, Ravarino e San Cesario sul Panaro. Si completa così il disegno dell’Agenzia regionale per il lavoro, che prevede un centro per l’impiego in ogni distretto socio-sanitario dell’Emilia-Romagna per garantire alle persone e alle imprese prossimità ai servizi.

All’avvio della struttura, sabato mattina, erano presenti il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, il sindaco di Castelfranco Emilia, Stefano Reggianini, e la direttrice dell’Agenzia regionale per il Lavoro, Paola Cicognani.

“È un segnale importante dell’investimento fatto dalla Regione sulle politiche del lavoro e dell’occupazione- riporta una nota della Regione le parole di Bonaccini-. Abbiamo fatto una scelta precisa: qualificare ulteriormente i servizi per il lavoro rivolti a cittadini e imprese attraverso un’integrazione forte tra pubblico e privato, fondata sul rafforzamento del pubblico, perché un’integrazione che funziona ha bisogno di un servizio pubblico forte. Per dare più servizi a chi cerca e chi offre lavoro e migliorarne la qualità e l’efficacia- ha aggiunto il presidente della Regione- in Emilia-Romagna dal primo anno di legislatura abbiamo istituito un’Agenzia regionale per il lavoro, che ha il compito di dirigere i 37 centri per l’impiego, che oggi diventano 38, e i 9 uffici di collocamento mirato, prima di competenza delle Province. Oggi – ha ricordato Bonaccini– aggiungiamo quindi un altro tassello a una rete sul territorio con la quale puntare a creare nuova e buona occupazione. I dati Istat di pochissimi giorni fa dicono che la disoccupazione che in Emilia-Romagna continua a scendere ed è arrivata al 5,9% a fine 2018 rispetto al 6,5% del 2017 al 9% di inizio mandato, nel 2015, andamento che ci pone ai vertici in Italia. Numeri importanti, certo, ma vogliamo allargare ancora di più il perimetro di chi ha un lavoro e quello dei diritti, attraverso la riduzione del precariato e compensi che siano equi e dignitosi. E lo vogliamo fare insieme alle parti sociali, continuando a condividere misure e strategie nell’ambito del Patto per il lavoro”.

In Emilia-Romagna, nel 2018 i Centri per l’impiego hanno sottoscritto 152mila patti di servizio e realizzato 210mila colloqui. Nel modenese, i patti stipulati lo scorso anno sono stati 30mila,quasi 2.700 quelli del collocamento mirato, rivolti alle persone con disabilità, e sono state 1.500 le imprese che si sono rivolte ai Centri per l’impiego.

L’impegno della Regione sui Centri per l’impiego
L’Emilia-Romagna è l’unica Regione italiana che, in attesa dello stanziamento statale, ha deciso di anticipare le risorse e di investirne in più di proprie per assumere nuovi operatori, con lo specifico obiettivo di rafforzare i Centri per l’impiego: a settembre 2018 ne sono stati assunti 154 e ad oggi gli operatori su tutto il territorio sono 630. Sono stati accreditati 82 soggetti privati con 440 sedi operative e circa mille operatori che possono erogare servizi per il lavoro. Inoltre, è stata approvata una legge (14/2015) per aiutare le persone più in difficoltà a trovare un lavoro; questa norma stabilisce un’integrazione stretta tra operatori dei servizi dei Centri per l’impiego, del sociale e della sanità per la definizione di programmi personalizzati che prevedono politiche attive e misure di carattere sociale. Una riforma complessa, definita Rete Attiva per il Lavoro, per il funzionamento della quale la Giunta regionale -dopo unprimo stanziamento di 8 milioni di euro – ha di recente approvato un nuovo piano che rende disponibili ulteriori 15 milioni

Rubriche

Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto
Glocal
L’economia italiana non cresce perché è poco libera
Libertà economica bassa in Italia, dove lo stato continua ad assumere un peso rilevante, frenando la crescita. Gli stati più liberi, al contrario, mostrano maggiore dinamicità economica.leggi tutto
Glocal
L'OCSE boccia l'Italia
L'OCSE boccia le politiche economiche e sociali dell'attuale governo.leggi tutto
Glocal
Italia in recessione
Italia in recessione, come Argentina e Turchia: PIL a -0,2% nel 2019.leggi tutto
Glocal
L'Italia leader in Europa nell'economia circolare
Il tasso di riciclaggio dei rifiuti in Italia è fra i più alti del mondo: circa il 45% dei rifiuti urbani ed il 65% dei rifiuti speciali viene recuperato.leggi tutto
Glocal
La disuguaglianza tra ricchi e poveri alimenta la rabbia sociale
L’1% della popolazione mondiale detiene quasi la metà della ricchezza aggregata netta totale.leggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchA Massa Finalese successo per la Giornata Fai di primavera
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Elezioni e fake news, la divertente trovata di Cavezzo Viva
    Elezioni e fake news, la divertente trovata di Cavezzo Viva
    Le false notizie sono sempre esistite, ma con il web tutto si amplifica[...]
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Si perde in vacanza a Carpi e torna a casa grazie alla Municipale
    Protagonista del fatto un anziano turista tedesco che aveva perso il pullman[...]
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Il Panaro in piena, le foto aeree esclusive del 13 maggio 2019
    Particolarmente interessanti sono le immagini della cassa di espansione del fiume[...]
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le foto esclusive fatte dall'alto della piena del Secchia del 13 maggio 2019
    Le immagini riprendono il nostro grande fiume in piena da Magreta a Bastiglia.[...]
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Secchia e Panaro, l'erosione delle sponde e quegli argini insufficienti - LO SPECIALE
    Le altezze degli argini non sono sufficienti per Aipo, che dopo l'alluvione del 2014 ha avviato dei lavori. Ma ci sono dei limiti con cui fare i conti[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: