SulPanaro Expo SulPanaro Expo

E’ la Giornata dei trapianti: 319 quelli effettuati nel 2018 in regione, grazie a 114 donatori.

Sono 319 i trapianti effettuati in Emilia-Romagna, di cui oltre uno su tre (esattamente 127, quindi il 40%) ha interessato residenti fuori regione, a conferma di come i Centri regionali continuino a mantenere una forte attrattività sui pazienti provenienti da tutto il Paese. 114 i donatori utilizzati, su un totale di 253 potenziali segnalati dalle sedi donative – cioè le terapie intensive – in aumento rispetto al 2017 (quando le segnalazioni erano state 238). Calano contemporaneamente i pazienti in lista d’attesa, passati da 1.143 a 1.131, e sul totale delle registrazioni di volontà effettuate nelle anagrafi comunali al momento del rinnovo o del rilascio della carta di identità, l’80% è di assenso alla donazione. 

Nella 22esima “Giornata Nazionale su donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule”, che si celebrerà in tutta Italia domanidomenica 14 aprile, è positivo il bilancio che emerge dai dati 2018 del Centro Regionale di Riferimento per i Trapianti Emilia-Romagna, lo snodo nevralgico della complessa macchina che si mette in moto in occasione di ogni donazione. Il Centro, che ha sede al Sant’Orsola di Bologna, coordina le varie fasi di donazione e trapianto di organi e tessuti, che in Emilia-Romagna è organizzato secondo il modello ‘Hub & Spoke’ e garantisce quindi il collegamento tra centri di alta specializzazione e gli ospedali del territorio con le sedi donative, i centri trapianto, le sedi delle banche di tessuti e cellule in rete tra loro.

I dati, in sintesi

Dei 319 trapianti effettuati (in leggero calo rispetto al 2017, quando erano stati 339), 183 (181 l’anno precedente) sono stati di rene, di cui 35 da vivente, con un significativo incremento rispetto ai 21 del 2017; 17 trapianti di cuore, di cui uno pediatrico (20 nel 2017), 111 di fegato (132 nel 2017) e 8 di polmone (6 nel 2017). Sono state 17 le Rianimazioni regionali che hanno contribuito alla segnalazione dei potenziali donatori anche se quelli effettivamente utilizzati sono stati 8 in meno rispetto al 2017; una differenza motivata soprattutto dal numero crescente di donatori non idonei, 62 nel 2018 rispetto ai 42 del 2017, per l’aumento dell’età dei donatori che porta con sé la maggior presenza di patologie croniche.

Tra le terapie intensive regionali ad indirizzo neurochirurgico e con trauma Center spiccano, per numero di segnalazioniModena-Baggiovara con 46, il Bufalini di Cesena e l’Ospedale Maggiore di Parma con 35 segnalazioni a testa, l’Ospedale Maggiore di Bologna con 33; tra le Terapie intensive prive di neurochirurgia e ad indirizzo polivalente, il primo posto spetta a Reggio Emilia con 24 segnalazioni, seguono Rimini con 14 e Bologna S.Orsola con 10. Risultati raggiunti dagli ospedali più grandi, a cui si affiancano quelli ottenuti da tutte le realtà più piccole della regione, che hanno dato un contributo altrettanto importante ciascuna secondo le proprie possibilità.
Rimane superiore alla media nazionale l’indice per milione di popolazione (pmp) relativo ai donatori utilizzati, che in Emilia-Romagna è del 25,6 pmp rispetto al 22,6 pmp della media italiana.

Trapianti a cuore fermo

Il 2018 è stato anche l’anno dell’implementazione dei programmi di donazione a cuore fermo, che in Emilia-Romagna si realizzano dal 2016 e nel 2018 sono stati strutturati con una specifica delibera della Giunta regionale. Sono stati 12 i donatori segnalati (erano stati 4 nel 2017), di cui 5 a Baggiovara-Modena, 4 a Cesena, 2 a Parma e 1 al S. Orsola di Bologna. Donazioni che hanno reso possibili 9 trapianti di fegato e 10 di rene. Un cammino che lascia presupporre ampie possibilità di crescita, reso possibile grazie alla qualità delle competenze e delle tecnologie del sistema sanitario dell’Emilia-Romagna, alla rete dei professionisti e al lavoro di squadra svolto dalla Regione assieme ad Aido, associazioni di volontariato ed enti locali.

Le banche regionali dei tessuti, dalle cornee alla pelle

Di grande rilevanza anche l’attività di acquisizione dei tessuti: la Banca del tessuto muscolo-scheletrico nel 2018 è stata impegnata in 65 prelievi con una raccolta complessiva di 922 segmenti osteotendinei. La donazione delle cornee è aumentata, passando da 1.638 a 1.776 con 639 trapianti effettuati. I prelievi di tessuto cutaneo sono stati 56, e hanno permesso di effettuare presso il Centro grandi ustionati (Bufalini di Cesena) interventi su 26 pazienti, con oltre 46 mila centimetri quadrati di pelle trapiantata. Ancora: alla Banca del sangue cordonale sono pervenute 1.076 raccolte, di cui 102 ‘bancate’, cioè potenzialmente utilizzabili per trapianto. Infine, la Banca dei segmenti cardiovascolari ha bancato, 69 tessuti vascolari e 20 valvole cardiache.

Oltre 375.400 dichiarazioni all’Anagrafe dei Comuni, di cui l’80% per dire sì

Registrare la propria volontà sulla donazione degli organi, vale a dire esprimere il proprio consenso o la propria opposizione: da anni è possibile farlo anche in Emilia-Romagna al momento del rinnovo e del rilascio della carta di identità, grazie al progetto nazionale “Una scelta in Comune”. Sono già 290 su 328 i Comuni della regione che hanno attivato questa procedura; 292 quelli ‘formati’, con 1.100 operatori dell’anagrafe dell’Emilia-Romagna che hanno partecipato a specifici incontri organizzati dal Centro di riferimento regionale Trapianti. Finora sono state registrate complessivamente 375.421 dichiarazioni, di cui 61mila nei primi tre mesi del 2019: quasi l’80% (79,6%), per l’esattezza 298.888 sono di consenso, mentre 76.533 di opposizione (20,4%). I Comuni con il maggior numero di dichiarazioni sono Bologna, Parma, Rimini, Modena, Ferrara, Cesena e Ravenna.

Gli ospedali dell’Emilia-Romagna in cui si effettuano i trapianti

In Emilia-Romagna si svolgono le attività di trapianto d’organo per rene, rene-pancreas, cuore, fegato, polmone, intestino e multiviscerale. I trapianti d’organo vengono effettuati presso le Aziende ospedaliero-universitarie di ParmaModena e Bologna. Storicamente il primo trapianto di rene da cadavere è stato eseguito a Bologna il 24 ottobre 1967, il primo trapianto di rene da vivente, sempre a Bologna, il 26 gennaio 1971; il primo trapianto di fegato a Bologna il 9 aprile 1986; il primo di cuore a Bologna il 23 settembre 1991; il 30 dicembre 2000 il primo trapianto di intestino a Modena e il 16 febbraio 2001 il primo trapianto multiviscerale a Modena; il 10 settembre 2001 il primo trapianto di polmone, a Bologna.

Rubriche

Glocal
Il 50% della ricchezza mondiale in mano a pochi
Secondo una ricerca realizzata dalla Boston Consulting Group, denominata, “Global Wealth 2019: Reigniting Radical Growth”, la ricchezza finanziaria privata nel mondo a fine 2018 ha raggiunto i 206 mila miliardi di dollari: 1,9 volte il PIL mondiale.leggi tutto
Consigli di salute
Alzheimer, la salute di denti e gengive aiuta a ridurne il rischio
Uno studio ha dimostrato come parodontite e Alzheimer siano collegati: ecco perché prendersi cura dei denti è importante leggi tutto
Consigli di salute
Denti e postura, il legame è stretto
Tanti i disturbi correlati: emicrania, dolori nella masticazione, ma anche ernia del disco e tendiniti.leggi tutto
Glocal
Secondo trimestre del 2019: probabile PIL negativo
Il Rapporto annuale dell’Istat sulla situazione macroeconomica del Paese, sentenzia in modo chiaro che nel secondo trimestre dell’anno in corso è prevista una forte contrazione del PIL, al punto che si prevede una differenza negativa rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.leggi tutto
Glocal
Le elezioni dei numeri
La Lega, partito politico che non ha mai nascosto il proprio euroscetticismo, anzi ne ha fatto anche una sorta di portabandiera, è il primo partito italiano che occuperà più scranni nell’Europarlamento.leggi tutto
Glocal
Finanza alternativa – le banche aprono al crowdfunding?
Sebbene in forte ritardo rispetto al Regno Unito, che già nel 2012 presentava numeri da capogiro, in Italia l’equity crowdfunding sta crescendo molto.leggi tutto
Emergenza fiumi, cosa accade in montagna? -LO SPECIALE
Disboscamento e consumo di suolo hanno conseguenze pesanti sull'attività dei corsi d'acqua che poi arrivano da noileggi tutto

Sul Panaro on air

    • WatchDopo il sisma, tornano a suonare le campane della chiesa di Cavezzo
    • WatchNuova vita per le tartarughe abbandonate grazie alla Fattoria Bosco Saliceta
    • WatchL'esplosione della bomba di San Felice ripresa da terra

    Curiosità

    Passa un trasporto eccezionale, si deve rafforzare ponte Ciro Menotti
    Passa un trasporto eccezionale, si deve rafforzare ponte Ciro Menotti
    Per questo motivo nell’area sotto al ponte è vietata la sosta fino a lunedì 22 luglio[...]
    Il lambrusco al bar di Modena si paga con i bit coin
    Il lambrusco al bar di Modena si paga con i bit coin
    il titolare del wine shop Lambruscheria ha deciso di accettare in pagamento le monete virtuali[...]
    Schiuma nel fiume Panaro: sembra ammoniaca, ma non si sa da dove arriva
    Schiuma nel fiume Panaro: sembra ammoniaca, ma non si sa da dove arriva
    Grandi macchie di sostanza bianca erano comparse a pelo d'acqua nei giorni scorsi[...]
    Il politico Andrea Galli sposa Carlotta Corno
    Il politico Andrea Galli sposa Carlotta Corno
    Tra i partecipanti i politici forzisti della Bassa, da Giorgio Cavazzoli (consigliere comunale a Finale Emilia) a Marian Lugli (consigliere comunale a Mirandola)[...]
    Successo per i Giganti della Bassa, tra grandi alberi e grandissimi piatti
    Successo per i Giganti della Bassa, tra grandi alberi e grandissimi piatti
    Un cedro a Medolla, un pioppo a Cavezzo e una quercia a Soliera sono gli alberi più grandi della Bassa[...]
    Rivara, c'è una sorpresa: il campanile ritorna... bicolore
    Rivara, c'è una sorpresa: il campanile ritorna... bicolore
    Sabato l'inaugurazione: la novità sarà il ritorno, dopo oltre trent'anni in rosa, a tinte in sintonia con quelle della chiesa[...]
    La giunta di Bellelli si presenta... con gli effetti speciali
    La giunta di Bellelli si presenta... con gli effetti speciali
    Esilarante siparietto quello che è andato in scena su Facebook[...]
    A dieci mesi dall'inaugurazione, fontane di Medolla già ferme
    A dieci mesi dall'inaugurazione, fontane di Medolla già ferme
    La ditta che le ha installate è attesa per una manutenzione straordinaria[...]
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: